Il perdente di oggi: il progetto del tunnel

Il Dipartimento dei trasporti dello Stato di Washington ha dovuto emettere un ordine di “interruzione dei lavori” all’estremità nord del progetto del tunnel di Seattle la scorsa settimana, ha appreso PubliCola, dopo l’appaltatore ha colpito un caveau elettrico Seattle City Light e una linea fognaria dei servizi pubblici di Seattle il 24 e il 25 giugno rispettivamente tra Thomas e Harrison Street e Sixth Avenue N. nel vicolo dietro il Seattle Pacific Hotel mentre stavano costruendo il muro di contenimento.

Gli “scioperi” non erano legati alla foratrice.

La “sosta limitata”, afferma KaDenna Yerkan, portavoce del progetto del tunnel del WSDOT, è ancora in vigore.

Il WSDOT ha chiesto all’appaltatore, un conglomerato noto come Seattle Tunnel Partners, “di analizzare cosa è andato storto e capire come correggerlo”.

Le collisioni si sono verificate quando i “tiranti” sono stati lanciati orizzontalmente durante il processo di costruzione del muro di contenimento. Il WSDOT ha dato all’appaltatore il via libera per continuare a stabilire “tiranti” e costruire il muro di costruzione solo nelle aree in cui hanno stabilito che non ci sono linee di servizio.

Bertha, la perforatrice, inizierà a scavare all’estremità sud del progetto a ovest del campo Century Link il 20 luglio.

Il vincitore di oggi: Ed Murray

Il Seattle Times ha appoggiato Murray nella corsa al sindaco.

Stanno pubblicando la loro approvazione domenica. Ma in un comunicato stampa anticipato che il giornale ha inviato questo pomeriggio hanno scritto:

Murray “offre la migliore speranza per districare le sfide dei prossimi quattro anni”, dice l’editoriale, citando la sua campagna ventennale per vincere l’uguaglianza per le persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender, il suo lavoro passato come leader nella legislatura statale e la sua capacità di fare di Seattle un leader regionale. Le sfide dei prossimi quattro anni – compresa la ricostruzione del lungomare, il transito e il sollievo dalla congestione e l’iniquità nelle scuole e nei quartieri di Seattle – “richiedono un sindaco con una visione regionale di Pugetopolis, comprovata politica e capacità di fare affari e risorse per partire con slancio. Ed Murray è la scelta chiara”, secondo l’editoriale.

Il vincitore di oggi: Mike McGinn

Il Ora di Seattles ha appoggiato Ed Murray nella corsa al sindaco.

Il portavoce della campagna di McGinn, John Wyble, ha dichiarato:

“Siamo orgogliosi di non avere l’approvazione di la carta che ha approvato George Bush e Rob McKenna.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *