Acque in cucina al gala degli chef di Fred Hutch con Matt Janke di Lecosho,Daisley Gordon di Cafe Campagne,Robin Leventhal dal Wine Country Culinary Institute di Walla Walla,Russell Lowell di Russell’s Restaurant and Loft e Scott Staples di Quinn’s,Uneeda Burger,Feed Co et al. Foto via Fred Hutchinson Cancer Research Center.

Lo scorso fine settimana, una donna minuta, nei suoi primi anni ’70 con brevi onde di capelli castani e un delicato segno di pace d’oro su una catena intorno al collo, è atterrata a SeaTac e si è resa conto che il suo programma consentiva una visita al Pike Place Market, la sua prima in forse 25 anni. Maggio a Seattle significa la stagione degli asparagi e delle peonie, ma oltre a questo, non aveva idea di cosa avrebbe potuto trovare.

Gli anni avevano sicuramente cambiato la foodhall simbolo di Seattle. C’erano più mestieri di quanti ne ricordasse, e molta più gente sulla strada acciottolata, intenta a godersi il primo weekend caldo e soleggiato dell’anno. Vagava da sola tra queste masse e si imbatté in un cavalletto con grossi gambi di asparagi viola, di colore più simile a quello delle melanzane rispetto alla normale tonalità di viola caldo. Il cartello scritto a mano diceva “Asparagi viola teneri locali biologici”.

La donna che gestisce lo stand ha tagliato un pezzo di uno dei gambi e lo ha consegnato al visitatore per l’assaggio. “Non hai mai mangiato asparagi così!”

Quelle parole, probabilmente la sua solita mossa per i passanti, sarebbero suonate molto più audaci se avesse saputo che l’acquirente solitario che ammirava quei vividi gambi di asparagi era Alice Waters.

Alice.waters.esy 1 amuqdt

Alice Waters

Immagine: Chez Panisse

Non è un’esagerazione definire lo chef e proprietario del ristorante Chez Panisse di Berkeley una delle figure più influenti nel campo del cibo, e forse il difensore più seminale della nazione per mangiare biologico e locale. Waters è la ragione per cui “dalla fattoria alla tavola” è diventato un termine in primo luogo e, attraverso i tanti discepoli culinari del suo movimento (ed eventuali aspiranti aspiranti), il motivo per cui è usato così tanto che probabilmente abbiamo bisogno di inventare una nuova terminologia per parlare dell’ethos alimentare dei ristoranti.

Waters assaggiò il gambo offerto. “Oh mio Dio, così succoso e dolce! Non mangiavo asparagi così da quando ero in Francia.” Chiacchierarono con la donna che gestiva lo stand sulla fattoria da cui provenivano. Ha comprato un mucchio, ma Waters è venuto a Seattle per parlare alla raccolta fondi annuale dello chef del Fred Hutchinson Cancer Research Center, quindi alla fine li ha passati ad un amico.

“Non avevo un posto dove cucinarli”, dice quella domenica sera mentre tira fuori il suo iPhone, nella sua custodia nera sensibile e aderente, per mostrare una prova fotografica di quanto fossero viola quegli steli. “Mi fa pensare che è meglio che torni lì domani e prenda un altro mazzo da portare a casa”.

La sua prossima tappa al mercato è stata Sur La Table. Waters è arrivata qui all’inizio degli anni ’90, quando era ancora gestita dalla sua fondatrice, Shirley Collins, una donna che condivide la passione di Waters per i mercati di prodotti alimentari freschi. Un 1993 Seattle Times La storia racconta come Collins abbia portato Waters a casa sua e le abbia dato da mangiare salsicce e mele saltate, pane al cucchiaio e una “insalata selvatica”.

Ora, naturalmente, Sur La Table è di proprietà di una banca d’investimenti globale, ma Waters è stato felice di scoprire che il ventenne addetto alle vendite che lavorava al piano sapeva tutto della Collins e della sua storia qui, anche se forse non era nemmeno all’asilo quando il fondatore vendette il negozio nel 1995. Quando se ne andò, gli chiese: “Quando tornerà di nuovo, le dirai che Alice Waters è passata a trovarla?”

Contento di scoprire che gli anni non avevano intaccato l’anima del mercato di Seattle, Waters partì per concentrarsi sul suo fidanzamento con Fred Hutch. Ha posato per le foto con gli chef e ha parlato al pubblico di cibo e salute, iniziando con la storia di come l’orto della vittoria dei suoi genitori ha influenzato il modo in cui la famiglia mangiava, anche se è cresciuta nel New Jersey in un mare di cibi pronti. Da bambina, ha raccontato Waters a un mare di tavoli rapiti, ha vinto un concorso di costumi con il suo vestito da “Regina del giardino”, fatto di fragole, peperoni e asparagi… presumibilmente non succosi come i grappoli di violetta che ha catturato la sua attenzione al Pike Place Market all’inizio del fine settimana.

L’idea di Alice WatersstrollingPike Place Market senza clamore è come imbattersi in scarpe Michael Jordan mentre curiosa nella tua Niketown locale. Ma Waters è pronto a esitare su questo confronto. “Non pensavo che nessuno mi avrebbe riconosciuto lì”, dice della sua incursione nel mercato. Forse no, ma la sua influenza su come mangia la nostra nazione è la ragione per cui tutte quelle folle di mercato intorno a lei sceglierebbero di trascorrere un sabato quasi estivo in comunione con prodotti di stagione in primo luogo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *