Quando Epic Games ha fatto esplodere Google l’anno scorso per il taglio delle entrate per le app del Play Store, il suo CEO Tim Sweeney ha praticamente ammesso che Apple meritava la sua quota del 30% a causa del lavoro che svolge nel suo App Store. Gli eventi degli ultimi giorni, tuttavia, suggeriscono che Epic Games potrebbe aver effettivamente avuto un’opinione diversa poiché ha dato il via a una sequenza di eventi che ora include non una ma due cause legali. Epic, tuttavia, non si accontenta di fermarsi qui e il battibecco tra i due sta già andando oltre i motivi legali, tecnici o persino finanziari.

Epic Games sapeva sicuramente in cosa si stava cacciando, avendo preparato documenti legali per una causa e una parodia video proprio mentre implementava il cambiamento lato server che ha aperto questa lattina di worm. Probabilmente si aspettava anche le successive risposte di Apple, che ora include una presunta minaccia di revocare l’accesso degli sviluppatori di Epic Games agli strumenti iOS e Mac in caso di comportamento scorretto. Ovviamente, Epic Games ha presentato un’ingiunzione preliminare cercando di impedire ad Apple di metterla in atto.

Ora, secondo quanto riferito, Epic Games sta cercando di invertire la tendenza dell’opinione pubblica radunando i critici delle pratiche dell’App Store di Apple e formare una coalizione. Non mancano sicuramente gli sviluppatori che hanno espresso il loro disaccordo con tali politiche, che vanno dalla famigerata divisione delle entrate a improvvisi cambiamenti nelle politiche per favorire i prodotti e le posizioni di Apple. Sfortunatamente per Epic Games, non tutti potrebbero essere disposti a diventare pubblici come lo erano.

Spotify, che è da tempo in disaccordo con le politiche dell’App Store di Apple molto prima di Epic Games, ha solo espresso il proprio sostegno ma secondo quanto riferito non si è iscritto alla suddetta coalizione. Ce ne sono altri come F.lux, gli sviluppatori che meritano credito per tutte le implementazioni di Night Shift che vedi nei telefoni e nei computer, hanno anche raccontato un calvario non correlato ma quasi simile con Apple, ma potrebbe essere un pesce piccolo rispetto alle società che Epic Games potrebbe volere per unirsi al suo esercito.

Da parte sua, Apple afferma che la soluzione al problema che Epic Games si è creata è semplice: basta ripristinare le modifiche problematiche apportate che hanno aggirato il sistema di pagamento dell’App Store di Apple. Sicuramente non si tirerà indietro da un combattimento e darà a Epic Games un trattamento speciale, anche se ammette di essere uno dei suoi sviluppatori di maggior successo. Resta da vedere se le azioni future contro Epic Games influenzeranno anche qualsiasi app o gioco che utilizza l’Unreal Engine dello sviluppatore.

Cronologia della storia

Leave a Reply