Sembrerebbe che Apple pensi che lo sviluppo dei suoi servizi cloud potrebbe essere più efficiente. Fonti anonime vicine a questo problema hanno riferito a Bloomberg che Apple prevede di unificare i suoi team di sviluppo cloud nello stesso spazio, rendendo potenzialmente più facile la produzione di servizi come Siri, Maps, iCloud e Apple Music per tutti i soggetti coinvolti.

Apparentemente il modo in cui stanno le cose ora porta a “bug del software e sviluppo lento del prodotto”, secondo l’articolo, lamentele non troppo insolite da parte degli utenti dei servizi cloud di Apple. Riunire tutti questi team potrebbe ridurre questi bug e portare a un ciclo di sviluppo più rapido, consentendo a questi team di lanciare nuove funzionalità sui rispettivi prodotti più frequentemente.

Il nuovo campus di Apple, che dovrebbe aprire il prossimo anno, potrebbe facilitare questa unificazione. Tuttavia, i team cloud di Apple non si trasferiranno nel nuovo campus dell’azienda, ma si riuniranno nel vecchio campus mentre altri dipendenti e team se ne andranno.

Non è chiaro se tutto ciò sia vero o meno, ma ha senso riunire questi team, soprattutto se ciò significa meno bug e più funzionalità per i servizi cloud di Apple. Questi stanno diventando una parte sempre più importante dell’attività dell’azienda e il rafforzamento delle loro offerte si tradurrebbe probabilmente in più soldi.

Il rapporto afferma anche che Apple sta sviluppando un proprio sistema – nome in codice Pie – per ospitare i propri servizi cloud, riducendo potenzialmente i tempi di caricamento e rendendo Apple meno dipendente dall’hosting dei server forniti da concorrenti come Google e Amazon. Supponendo che sia vero, l’idea che Apple unisca i suoi team di servizi cloud diventa ancora più credibile.

FONTE: Bloomberg

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *