Una festa da ballo Canlis del passato. Quest’anno sarà qualcosa del genere, ma tutti saranno vestiti di bianco dalla “parrucca ai piedi”.

Immagine: Courtesy Canlis Restaurant

mark e Brian Canlis correvano dietro. L’anno scorso i fratelli, che gestiscono il più rinomato ristorante di cucina raffinata di Seattle, hanno trascorso nove mesi a pianificare la festa di Capodanno. (Comprendeva un laghetto con carpe koi, un vero negozio di tatuaggi, una cascata e una replica della Chinatown di Honolulu.) Ma dopo che il seguito di quest’estate è apparso nel parcheggio, in autunno, non avevano ancora un piano deciso per la fine del decennio.

Poi, mentre stavano cercando un artista di palloncini, un membro dello staff ha menzionato Jihan Zencirli (alias Geronimo), che crea installazioni di arte pubblica gonfiabili che spesso sembrano stringhe di molecole colorate scritte a grandi dimensioni sugli edifici. Ultimamente ha lavorato ai concerti di Kanye West e a una serie d’arte con il New York City Ballet. Nel 2017, il LA Design Festival ha definito il suo lavoro “probabilmente le installazioni di arte pubblica più riconoscibili nel paese”. Quest’estate ha installato enormi gocce d’acqua gonfiabili sul Tamigi a Londra, insieme al lavoro di Yoko Ono e Damien Hirst. (Sì, è un grosso problema su Instagram e Pinterest.)

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ingrid Fetell Lee (@aestheticsofjoy) su

I fratelli Canlis adoravano il suo lavoro e hanno chiamato un numero sul suo sito web, che porta a una segreteria telefonica assurda, con varie estensioni deliranti (premere uno per “come baciare passo dopo passo”; premere due per “una lezione di pazienza” ). “Ci siamo innamorati di lei”, dice Brian. “Ma lei è molto fuori dalla nostra portata.” All’inizio di novembre, l’hanno chiamata comunque.

Ha richiamato, euforica: è cresciuta con la regina Anna, ha detto loro, ed è andata a Canlis per il ballo di fine anno. “Eravamo tipo, ‘Assolutamente no. Vuoi organizzare una festa da ballo insieme?’ E lei era tipo,’Diavolo sì.’S”

Ciò che si è unito negli ultimi due mesi sarà una delle poche volte in cui ha mostrato arte a Seattle da quando è partita nel 2010 (alcuni anni fa ha fatto un pezzo quando Herm猫s è venuto a Nordstrom).

Canlis ha soprannominato la festa l’ultimo ballo del decennio. Mark la definisce una “festa in casa davvero fantasiosa”, con cui intende pianificato meticolosamente come un menu degustazione Canlis, ma intriso di un po’ di divertimento caotico. Se sei disposto a far cadere i $ 345 su un biglietto (in calo rispetto ai $ 525 dell’anno scorso, perché non c’è stagno o cascata koi), o $ 695 per un “Caviar and Champagne Pre-Funk”, arriverai in tutti i vestiti bianchi ,”parrucca ai piedi”. Ci saranno luci colorate proiettate sui frequentatori della festa, quindi diventerai camaleonte e cambierai i colori mentre ti muovi attraverso la festa. Ballerai con la Chris Norton Band (una soave big band di New York) fino a mezzanotte. Poi Stas Thee Boss di Seattle, ex metà di THEESatisfaction e ancora altrettanto formidabile, sarà DJ. Nel menu dello chef Brady Williams: involtini di granchio, costolette di manzo stagionate glassate con caramello alla salsa di pesce, scalogno e frittelle di kimchi.

Da parte sua, Zencirli porterà quelle gocce d’acqua – che hanno abbellito le rive del Tamigi e sono alte tra i quattro ei 20 piedi, oggetti di colore psicotropo – e le installerà nel ristorante e nel suo parcheggio. E dopo, le gocce potrebbero diventare la sua prima arte propriamente pubblica nella città in cui è sbocciato il suo lavoro.

UN DECENNIO FA, Zencirli viveva sulla regina Anna e prendersi cura di sua nonna, che si stava avvicinando alla fine della sua vita. Per lavoro, ha fatto la pendolare in un centro di educazione del carattere per bambini a Edmonds, dove ha insegnato qualità che si sente spesso dimenticate nei programmi scolastici, le cose molto semplici ed essenziali: “come essere una brava persona, come credere in te stesso”, mi ha detto al telefono. Ha comprato dei palloncini per cercare di trasmettere quel messaggio ai bambini. Dopo un po’, ne gonfiò uno grande, largo un metro, e si rese conto che poteva alterare l’umore di una stanza e degli adulti al suo interno: un palloncino, un semplice oggetto di gioia trasformativa. Ha portato il suo primo gonfiabile al Ken’s Market sulla Queen Anne, proprio vicino a casa sua.

Il suo progetto, che è cambiato in 10 anni, racconta, è iniziato con la nonna al tavolo della sua cucina, “parlando di occhiali e di cosa significa far stare bene le persone”. Dopo la morte della nonna, Zencirli ha deciso di aprirsi al mondo. Si è trasferita a Los Angeles, dove è decollata la sua carriera artistica.

L’installazione che sta portando a Seattle, dice, “riguarda l’acqua come elemento che trasporta e sostiene”, come qualcosa che una volta era in un fiume, o in una nuvola, può finire in un bicchiere in mano, un pezzo d’arte per dire che siamo tutti uguali. L’acqua, dice, “rappresenta molto bene anche Seattle”.

Infatti, dopo che l’idea della festa è iniziata, Zencirli e i fratelli Canlis hanno contattato Visit Seattle per parlare della possibilità di mostrare i gonfiabili come un’installazione d’arte pubblica. Nulla è stato ancora stabilito, ma Zencirli dice che spera che “avvierà un rapporto più lungo con la città”. (Inizialmente, speravano di sistemarli al Gas Works Park, ma Mark dice che ora sembra improbabile.)

Ovunque cadano, alla festa o in un parco, i gonfiabili avranno subito una trasformazione, cambiati attraverso il contesto, come l’acqua che rappresentano, come Zencirli che torna con una nuova interpretazione di qualcosa che è iniziato qui, come Canlis arroccato sul lago Union dagli anni ’50, lo stesso, ma diverso.

L’ultimo ballo del decennio 31 dicembre, Canlis, $ 345- $ 695

Leave a Reply