Sebbene abbia il cuore di un tablet basato su NVIDIA, lo scopo singolare di Nintendo Switch lo rende meno ideale per qualsiasi cosa diversa dai giochi. In effetti, non è nemmeno buono per il consumo generale dei media a parte YouTube e Hulu. Alcuni lo vedono sicuramente come potenziale sprecato ma, fortunatamente, c’è chi sta applicando un po’ di ingegnosa creatività per aggirare queste limitazioni, come questo bundle Colors Live che vuole trasformare la console in una tela d’arte digitale, con tanto di pressione- stilo sensibile.

L’affermazione della fama di Colors è avvenuta nel 2007 quando è stato lanciato sul Nintendo DS di prima generazione, sfruttando lo stilo unico del palmare per offrire un’esperienza di app di pittura altrettanto unica. Lo Switch, ovviamente, non ha uno stilo e dipingere con un dito, come possono testimoniare molti utenti iPhone, non è divertente. Fortunatamente, il creatore Jens Andersson ha avuto un piccolo aiuto.

Sulla sua pagina Kickstarter, Andersson racconta come un amico inventore di Hong Kong ha contribuito a sviluppare lo strumento che renderà davvero unico Colors Live. Si collega al jack per cuffie dello Switch per l’alimentazione e utilizza la tecnologia sonar per emulare la sensibilità alla pressione. Ciò, almeno in teoria, consentirebbe opere d’arte più espressive e più professionali, allo stesso livello di un Samsung Galaxy Note o iPad Pro. Naturalmente, il tuo chilometraggio può variare a seconda delle tue abilità.

Colors Live non è solo un’app, però. La novità di questa incarnazione di Switch è una Colors Quest, che è praticamente solo una sfida di disegno quotidiana ludica. A quanto pare, ci saranno aspetti sociali dell’esperienza, con altri giocatori che valutano il tuo lavoro.

Adesso per la parte divertente. Colors Live è attualmente su Kickstarter a meno di due giorni dalla fine. Non c’è più alcun dubbio che raggiungerà l’obiettivo poiché è già passato oltre così tanto tempo fa. Tutta l’incertezza che rimane è la spedizione della Colors SonarPen intorno all’estate 2020, considerando che i beni fisici spesso comportano più rischi di quelli puramente digitali come Colors Live stesso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *