In questo articolo

  • Quali informazioni tiene traccia di Google?
  • Google tiene traccia della cronologia quando sei disconnesso?
  • Esempi di ciò che raccoglie Google
  • Perché Google vuole le tue informazioni?
  • Impedisci a Google di monitorare i tuoi dati
  • Sopraffatto? Comincia qui
  • Proteggi la tua privacy e anonimato online
  • La tua privacy dipende da te

Google registra tutta la tua cronologia di ricerca, in modo chiaro e semplice. Se desideri utilizzare uno qualsiasi dei servizi dell’azienda, come YouTube, Gmail e Google Maps, e personalizzare tali servizi, devi accedere con un account Google.

Con problemi di privacy in corso, dovresti conoscere il tipo di informazioni che Google tiene traccia su di te, come utilizza queste informazioni e cosa puoi fare per proteggere e salvaguardare meglio le tue ricerche su Google.

Quali informazioni tiene traccia di Google?

Dopo aver eseguito l’accesso a uno dei tuoi account, Google tiene traccia attivamente di quanto segue:

  • Cosa cerchi
  • Come cerchi
  • I tuoi modelli di ricerca
  • Gli annunci che ti interessano
  • I link su cui fai clic
  • Immagini che vedi
  • Quali video guardi

Google fornisce dettagli su tutta questa sorveglianza nei suoi termini di servizio e nella sua politica sulla privacy. Sebbene si tratti di documenti legali densi, dovresti dare loro almeno una rapida occhiata se sei preoccupato per il modo in cui Google tiene traccia e memorizza le tue informazioni.

Google tiene traccia della cronologia delle ricerche anche quando sei disconnesso?

Ogni volta che utilizzi Internet, vengono lasciate tracce della tua identità, come indirizzi IP, indirizzi MAC e altri identificatori univoci. Inoltre, la maggior parte dei browser Web, dei siti Web e delle applicazioni richiedono l’attivazione dell’utilizzo dei cookie per personalizzare al meglio la propria esperienza di navigazione.

Anche se non hai effettuato l’accesso a Google, stai comunque rendendo disponibili una pletora di informazioni su di te semplicemente essendo online. Ciò include quanto segue:

  • Dove sei nel mondo, geograficamente
  • Il tuo indirizzo IP
  • Informazioni sui servizi Google che utilizzi e su come li utilizzi in base ai tuoi schemi di attività
  • Su quali annunci fai clic e dove si trovano tali annunci
  • Quali dispositivi utilizzi per accedere ai servizi Google, a Internet e ad altre applicazioni
  • Informazioni sul server
  • Identificazione delle informazioni raccolte dall’utilizzo dei servizi dei partner

Tutte queste informazioni vengono utilizzate per il posizionamento di annunci mirati (e retargeting) e la pertinenza della ricerca. I dati sono resi disponibili anche alle persone che possiedono siti che stanno monitorando i dati tramite lo strumento di statistica di Google, Google Analytics.

Questi siti non saranno necessariamente in grado di approfondire e vedere da quale quartiere stai accedendo al loro sito, ma saranno disponibili altre informazioni di identificazione, come informazioni sul dispositivo, browser, ora del giorno, posizione approssimativa, tempo sul sito, e a quale contenuto si accede.

Esempi di ciò che raccoglie Google

Ecco alcuni esempi di ciò che Google raccoglie da te:

  • Informazioni che fornisci a Google – comprese le informazioni personali come nome, indirizzo e-mail, numero di telefono, carta di credito e foto
  • Informazioni raccolte dall’utilizzo dei servizi di Google – come l’utilizzo dei dati, le preferenze personali, le email, le foto, i video, la cronologia di navigazione, le ricerche sulle mappe, i fogli di lavoro e i documenti
  • Informazioni dal dispositivo che stai utilizzando per accedere ai servizi di Google – incluso modello hardware, informazioni sulla rete mobile (sì, questo include il tuo numero di telefono) e quale sistema operativo stai utilizzando
  • Informazioni sul registro del server – raccolti da quando stai utilizzando attivamente i loro servizi, come query di ricerca, informazioni sul telefono (ora e data delle chiamate, tipi di chiamate, numeri di inoltro, ecc.), indirizzi IP, cookie che sono collegati in modo univoco al tuo browser web o a Google informazioni sull’account e sull’attività del dispositivo (ad es. arresti anomali, impostazioni hardware, lingua)
  • Informazioni sulla posizione – su dove ti trovi nel mondo, inclusa la tua città, stato, quartiere e indirizzo approssimativo
  • Un “numero unico di applicazione” da servizi e app periferici – che fornisce ulteriori informazioni identificative a Google quando richiesto
  • La tua cronologia delle ricerche su Google – che include le informazioni personali trovate nei servizi Google come YouTube, Google Maps e Google Immagini
  • Le tue interazioni con altri siti e servizi – soprattutto quando interagisci con gli annunci

Uno degli effetti del monitoraggio di Google sono gli annunci che ti seguono online.

Perché Google vuole le tue informazioni?

Affinché Google possa fornire risultati sorprendentemente dettagliati e pertinenti su cui così tante persone si affidano, il motore di ricerca ha bisogno di una certa quantità di dati davvero specifici.

Ad esempio, se hai una cronologia di ricerche di video sull’addestramento di un cane e hai effettuato l’accesso a Google (ovvero hai scelto di condividere i tuoi dati con Google), Google deduce che vorresti vedere risultati mirati sull’addestramento dei cani su tutti i servizi Google che utilizzi. Questo potrebbe includere Gmail,YouTube,ricerca web,immagini e altro.

Lo scopo principale di Google nel tracciare e archiviare così tante informazioni è fornirti risultati più pertinenti, il che non è necessariamente una cosa negativa. Tuttavia, le crescenti preoccupazioni per la privacy hanno motivato molte persone a monitorare attentamente i propri dati, compresi i dati condivisi online.

Come impedire a Google di tenere traccia dei tuoi dati

Ci sono alcuni modi:

Taglia tutto

Di gran lunga, il modo più semplice per impedire a Google di tracciare i tuoi dati è semplicemente non utilizzare alcun servizio Google.

Sono disponibili motori di ricerca alternativi come DuckDuckGo che non tengono traccia della cronologia delle ricerche né raccolgono alcuna informazione personale. Consulta questi motori di ricerca di immagini per altri modi per trovare immagini su Internet.

Ci sono anche molti altri servizi di posta elettronica gratuiti che puoi utilizzare al posto di Gmail, alcuni addirittura basati sulla privacy.

YouTube è un’altra parte importante dell’ecosistema di Google, ma non è l’unico sito di condivisione video disponibile. Consulta il nostro elenco dei migliori siti Web per video gratuiti per alcune alternative.

Non accedere a Google

Se desideri continuare a utilizzare Google senza essere tracciato, puoi sicuramente farlo semplicemente non accedendo al tuo account Google.

Questa opzione è in qualche modo un’arma a doppio taglio, tuttavia, perché mentre Google non tiene traccia delle tue informazioni, la pertinenza della tua ricerca diminuirà perché Google utilizza le informazioni che raccoglie sui tuoi movimenti e scelte per perfezionare e personalizzare i risultati di ricerca.

L’utilizzo della modalità privata del browser è un modo semplice per utilizzare Google, YouTube, Google Maps e gli altri servizi senza dover disconnettersi. Puoi farlo se desideri eseguire una ricerca senza che venga registrata da Google o senza che influisca sui consigli sugli annunci.

Controlla le tue impostazioni di Google

Tu, come utente, hai il controllo completo sui dati che scegli di condividere o non condividere con Google. Puoi farlo per ogni servizio che utilizzi con Google, da Gmail e YouTube alle impostazioni di ricerca generali.

Per controllare le informazioni che Google può raccogliere su di te, gestisci le tue informazioni personali e la privacy dal tuo account Google.

Controlla la tua dashboard di Google

Tutti coloro che hanno un account Google hanno accesso alla cosiddetta Google Dashboard. È un modo per vedere tutte le tue attività, impostazioni e informazioni del profilo di Google in un unico posto.

Dalla tua Google Dashboard, puoi anche vedere le email che Google potrebbe avere, cambiare password, vedere applicazioni e siti collegati, visualizzare tutti gli account, gestire i dispositivi attivi, controllare i tuoi contatti e molto altro.

Puoi scegliere un’opzione per ricevere un promemoria mensile per assicurarti che tutte le tue impostazioni siano dove desideri che siano per ogni singolo servizio Google.

Controlla gli annunci che Google ti mostra

Molte persone non sanno che puoi rivedere e controllare i tipi di annunci che Google ti mostra. La maggior parte delle persone non sfrutta questa straordinaria comodità, ma è molto facile da fare dalla pagina delle impostazioni degli annunci.

Fai controlli periodici sulla privacy

Non sei sicuro di quali servizi Google stiano utilizzando quali informazioni, quante delle tue informazioni personali vengono condivise o quali informazioni Google ha già raccolto sulle tue abitudini di ricerca?

Un modo per affrontare questi dati un po’ travolgenti è utilizzare Google Privacy Checkup. Questo semplice strumento ti aiuta a controllare metodicamente esattamente cosa viene condiviso e dove.

Ad esempio, puoi modificare la quantità di informazioni disponibili se qualcuno fa clic sul tuo profilo utente YouTube. Puoi disattivare Google utilizzando qualsiasi foto condivisa pubblicamente nelle immagini di sfondo, modificare eventuali approvazioni di prodotti che potresti aver fornito in passato, mantenere privati ​​tutti i tuoi abbonamenti Google, gestire le impostazioni di Google Foto e altro ancora.

Puoi anche utilizzare il Controllo privacy per personalizzare la tua esperienza su Google, da come visualizzi le indicazioni stradali a come vengono visualizzati i risultati di ricerca. Voi sono in ultima analisi responsabili della tua esperienza con Google. Tutti gli strumenti sono nelle tue mani.

Sopraffatto? Comincia qui

Se stai imparando solo ora quante informazioni Google sta monitorando, archiviando e utilizzando, potresti essere un po’ sopraffatto da cosa fare prima.

Se stai cercando una lavagna virtuale pulita, la cosa migliore da fare sarebbe semplicemente cancellare completamente la cronologia delle ricerche di Google. Puoi farlo dalla pagina Le mie attività del tuo account.

Successivamente, decidi quante informazioni e accessi sei disposto a fornire a Google. Ti interessa se tutte le tue ricerche vengono tracciate finché ottieni risultati pertinenti? Sei d’accordo nel concedere a Google l’accesso alle tue informazioni personali se ricevi un accesso più mirato a ciò che stai cercando?

Decidi il livello di accesso con cui ti senti a tuo agio e aggiorna le impostazioni di Google di conseguenza.

Successivamente, puoi scegliere di abilitare i controlli di eliminazione automatica di Google, che cancellano periodicamente la cronologia delle ricerche. Vai alla pagina Le mie attività e seleziona Eliminazione automatica. Scegliere Elimina automaticamente le attività più vecchie di e scegli tre mesi, 18 mesi o 36 mesi.

Come proteggere la privacy e l’anonimato online

Per ulteriori informazioni su come gestire la tua privacy online e impedire che le tue informazioni vengano potenzialmente tracciate, leggi quanto segue:

  • Se sei preoccupato per quante informazioni il pubblico potrebbe essere in grado di scoprire su di te attraverso uno strumento di ricerca di persone, prendi il controllo ed elimina le tue informazioni pubbliche.
  • Scopri i modi migliori per proteggere la tua privacy online per assicurarti di essere al sicuro durante la navigazione sul Web.
  • Puoi usufruire di molti strumenti e servizi gratuiti per assicurarti che le tue informazioni non siano solo al sicuro ma anche nascoste, come imparare a navigare sul web in modo anonimo.

La tua privacy dipende da te

Anche se non sei troppo preoccupato per le informazioni nelle tue ricerche Google, profilo e dashboard personali utilizzate per migliorare la pertinenza delle tue query online, è sempre una buona idea assicurarsi che tutte le informazioni condivise su qualsiasi servizio siano all’interno della tua zona di comfort per la privacy personale.

Sebbene tu debba mantenere le piattaforme e i servizi che utilizzi responsabili di uno standard comune di privacy degli utenti, la sicurezza e la protezione delle tue informazioni online è in definitiva una tua scelta.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *