UN FOTOGRAFO io lavorare con ha rivelato una verità scomoda l’altro giorno. “Quel vestito è così tu!” cinguettò. Non ricordo esattamente il vestito; potrebbe aver coinvolto una giacca altalena e una gonna con leggings. Potrebbe aver coinvolto le trecce. Poi: in arrivo. “Mi piace come non ti vesti alla tua età.”

Cosa significava,vestire la mia età? Con mia costernazione, gli amici negli ultimi anni hanno iniziato a brandire la frase nel contesto se i loro capelli erano troppo lunghi o le loro maniche erano troppo corte o i loro jeans erano troppo bassi. Non mi era venuta in mente l’idea che il proprio abbigliamento potesse essere dichiarato inappropriato secondo una matrice di età universalmente accettata ma non scritta. (Non era il primo promemoria che mi ero perso. Neanche a me era mai venuto in mente di sposarmi per soldi.)

Mi sono sempre vestita secondo una bussola interiore impostata sulla mia scarsa comprensione della moda attuale, un desiderio di espressione di sé e un’essenziale frugalità. L’alta moda era troppo costosa, troppo prescrittiva. Anche il vintage da ultimo modello lo era: mi esprimevo già così negli anni ’70, ’80 e ’90, grazie. Alcune linee guida mi sono state utili, come: se lo ami, devi comprarlo. Se lo compri, devi amarlo.

Queste erano le mie stelle polari, che si sono combinate in un look che potrebbe essere descritto come casualmente classico con l’occasionale svolazzo giovanile (stravagante, o vagamente bohémien, o forse solo ridicolo). Ha richiesto una buona dose di invenzione quotidiana, che a volte significa passare una quantità eccessiva di tempo davanti allo specchio, in particolare quando ero più giovane e avevo ambizioni professionali e romantiche in cui lavorare. Mi ha confezionato in modo accettabile per anni.

Ma ora che l’abbigliamento della mia età si era fatto strada nella mia testa, ho iniziato a ripensare a tutto. Il flirt è fuori? Beh, certo, ho realizzato con orrore, arrossendo al pensiero dei sussurri di pizzo e décolleté che avevo rivelato alla ricerca di “coquette” che probabilmente mi avevano avvicinato a “cougar”. Aaaaa! I miei tentativi di sembrare sexy mi stavano davvero facendo sembrare una drag queen?

Peggio ancora, il mio fisico invecchiato tradisce del tutto i miei sforzi? Laddove l’abbigliamento giovanile funziona sempre per l’ingenua, fino all’adorabile piccolo muffin-top che fuoriesce dalla cintura dei suoi jeans attillati, la pratica è accettabile solo per la donna matura con il fisico adatto. Niente trasmette questa situazione più dolorosamente del sadico programma televisivo di rifacimento,Cosa non indossare, che ho trasalito di recente. “TU AVERE NO COLLO!” strillò la vipera ospite all’ospite di mezza età la cui vita stava migliorando. “Cosa eri pensiero quando hai comprato quel vestito? Evidenzia solo il collo CHE NON HAI.”

Peccato per la povera creatura senza collo se ha provato a sfoggiare un po’ di street fashion o, peggio, a vestirsi in modo ironico. Il New York Times ha recentemente evidenziato una curiosità sartoriale da parte della quinquagenaria Madonna – miniabito blu, stivali con plateau alla coscia, fiocco di capelli in taffetà verticale come una torre radio – per riflettere se le donne di una certa età possono ancora schierare la moda per strizzare l’occhio. Molto probabilmente la condurrà alla galleria delle noccioline, concludeva il pezzo. Su un piatto.

{interruzione di pagina}

Intendiamoci, non mi vesto in modo ironico, almeno non intenzionalmente. Ma quali sono le mie opzioni? Mi sono chiesto in una recente incursione di shopping autunnale, vagando senza timone per le strade del centro. Sono ora proprietà ufficiale di Eileen Fisher? Pronto per il “Sono una nonna alla moda!” imballaggi di Coldwater Creek e Chico’s; le fedelissime Figlie della Rivoluzione Americana sartoria di Talbots? potrei anche? accedere H&M?

Ho cercato rifugio presso la boutique Euro-chic Baby and Co., il cui acquirente, Jill Donnelly, incarna sia lo stile che la maturità. “Devi lavorare un po’ più duramente quando invecchi per farti sembrare favolosa”, simpatizzava. Molte donne soffrono di quella che lei chiama “la disconnessione”, quando lo stile personale non si concilia con la loro età. Ma all’altro estremo ci sono le donne che abbracciano i doni della maturità. Fascino. ingegno Maniere. “Una conoscenza”, l’ha definita Donnelly.

Ho pensato a mia madre, una donna di classe quanto mai elevata a una guaina da cocktail party, il cui stile sembrava scaturire intrinsecamente dalla sua identità. La sua identità, non la sua età. Un paio di anni prima di morire, la mamma aveva confidato quanto fosse sorprendente guardarsi allo specchio e vedere una faccia di 70 anni che si guardava indietro. “Perché onestamente”, si meravigliò, “la donna dentro di me ha 20 anni”.

Dal nulla mi sono chiesta come mi sarei vestita se non avessi saputo quanti anni avevo. Donnelly non avrebbe potuto essere più fermo riguardo alla conoscenza. Il punto di vestirsi non è riflettere la tua età. È per riflettere il tuo anima. Dal punto in cui mi trovavo sulla Fifth Avenue potevo guardare attraverso le vetrine dei negozi di Betsey Johnson, dove ho visto flotte di giovani acquirenti che trasportavano avidamente bracciate di chiffon di seta e miniabiti di raso crepe-back dentro e fuori dai camerini. Com’era estenuante ai tempi in cui faticavo così tanto a vestirmi per il successo o, come queste bellezze, per la conquista. Può essere vero che diventa più difficile avere un bell’aspetto con l’età, ma vestirsi per il mio io più giovane e informe ha richiesto uno sforzo molto maggiore.

La mia attenzione si è spostata e mi sono visto riflesso nella vetrina del negozio. Riconosco quella donna, pensai. Ora più che mai nella mia vita, e grazie direttamente al mio scadenza-So chi sono.

Sono una donna di mezza età con le trecce.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *