Non chef Raymond Carver

Un evento che prende il nome da un racconto in cui un fatale incidente d’auto manda un volante nello sterno di un adolescente ubriaco che alza il livello del dramma. Basandosi solo sulla premessa, tuttavia, la tavola rotonda semestrale di Kim Ricketts Book Events con autori di libri di cucina locali, “Di cosa parliamo quando parliamo di cibo”, non sembra destinata a precipitare più in profondità di un graffio da un pelapatate .

Non così. L’iterazione della scorsa primavera ha avuto quasi l’intera pubblico che sala il suo chardonnay di lacrime dopo che un autore ha letto un tributo al padre malato. Tempo prima, la folla è diventata fetale ridendo alla descrizione di uno scrittore di un fluido corporeo che, come uomo, non sapevo nemmeno esistesse.

Gli eventi hanno qualcos’altro in comune con la splendida storia intrisa di gin di Raymond Carver “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore:” persone sedute attorno a un tavolo, che bevono e raccontano storie.

Ieri sera, l’impossibile non mi piace Amy Pennington (autore di Dispensa urbana) ha condotto una discussione con cinque scrivani di libri di cucina: Shauna Ahern (coautore di Ragazza senza glutine e lo chef), chef/autore Ethan Stowell (La nuova cucina italiana di Ethan Stowell),Greg Atkinson (Elementi essenziali del nord-ovest),Kim O’s Donnel (Il ricettario senza carne di Meatlover),e Lara Ferroni ( ciambelle ).

I punti salienti: la ricetta segreta per la seduzione di Stowell (si tratta di un riccio di mare); l’origine della storia d’amore di una vita di Ferroni con le ciambelle (viaggio in famiglia, angusta VW Karmann Ghia, pit stop Dunkin Donuts, beatitudine); l’aglio bruciato di Ahern come metafora; il clan O’sDonnel flirta con il destino attraverso il colesterolo alto e la bistecca.

Ma era l’autore di Elementi essenziali del nord-ovest-che è uscito per la prima volta sugli scaffali un decennio fa ed è riemerso per un nuovo pubblico da divorare-chi ha alzato la serata ad altezze letterarie degne del nome dell’evento. In un capitolo apparentemente sulle ostriche, Greg Atkinson ha raccontato il momento in cui ha saputo che suo fratello era morto. La prosa ha inviato il pubblico durante la passeggiata addolorata di Atkinson lungo una spiaggia dell’isola di Bainbridge e di nuovo a un tavolo dove lacrime, ostriche e memoria si sono fuse in una cosa sola.

E questo, dopo che il pannello si è smontato ed è scomparso nella folla che si mescolava – e siamo usciti tutti a spallate sul marciapiede e abbiamo puntato le nostre macchine verso casa – è ciò di cui abbiamo parlato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *