Shutterstock

Cerca la salsa ponzu su Google e il motore di ricerca procederà a solleticare le tue papille gustative. Premi i tasti e sfoglia una serie di articoli che vantano “sushi sensazionali” (viaSan Gabriel Valley Tribune), le “migliori esperienze culinarie all’aperto a Los Angeles” (via CSQ), e i “migliori hamburger della Bay Area” (via Cronaca di San Francisco). Ponzu è chiaramente in voga sulla costa occidentale. La salsa è, tuttavia, più vera nella sua forma fatta in casa sugli scaffali di una cucina giapponese.

Il modo migliore per descrivere ponzu è che ha il sapore del suo nome: “pon”, la parola olandese per “pugno” (che è diventata giapponese nel XVII secolo grazie alla Compagnia Olandese delle Indie Orientali) e “su” che significa aceto (tramitemangia serio).la cucina descrive la salsa come “zingy”, aggiungendo con meraviglia, “può essere salata, amara, dolce e aspra allo stesso tempo”.Solo un libro di cucinadice che è “aspro e piccante” e “rinfrescante”.Il New York Timessgorga, “passa sopra la vinaigrette”, aggiungendo che la salsa “affumicata e ricca” è “al suo meglio … complessa”. Basti dire che questa non è una normale marinata a base di aceto.

Il segreto per una buona salsa ponzu

Salsa Ponzu, salsa tradizionale giapponeseInstagram

Molte salse ponzu sono fatte con la soia, ma la salsa di soia non è un must assoluto (via Atlante Serious Eats e Taste). Al centro, la salsa che ha rubato il cuore della scena culinaria californiana è un mix cotto a fuoco lento di aceto di riso, mirin (vino di riso) che a volte viene sostituito con sakè, katsuobushi (fiocchi di pesce bonito), konbu (alghe) e un singolo, ingrediente determinante. La salsa ponzu trova il punch da cui prende il nome quando viene preparata con il succo del frutto yuzu.

È difficile evitare di concludere che lo yuzu è essenziale per l’anima della salsa.Serio mangia lo descrive come “un’arancia amara”, ma questo rende il frutto un disservizio. “Niente è paragonabile a yuzu”, scrive Helen Rosner perIl newyorkese. Descrive l’agrume “dalla buccia nodosa” come “più floreale di un’arancia e quasi aspro come un lime” e confronta il suo profumo con il “miele Froot-Loops-y di un fiore di limone avvolto attorno a un’armatura astringente di pavimento industriale più pulito (che è in qualche modo squisito), poi ingrandito di dieci volte, poi spedito alla luna.”

Certo, yuzu, note Serio mangia, è costoso e spesso difficile da rintracciare. Molte salse ponzu commerciali sono fatte con limone e lime, e se finisci per prepararne una tua,L’ora di New YorkS suggerisce “un po’ più di limone che di lime”.

Leave a Reply