Il cofondatore di Dockside Oscar Velasco-Schmitz nel suo negozio SoDo.

Immagine: Amber Fouts

tuFino a poco tempo fa, se un cliente entrava in un negozio come Dockside in cerca di sollievo dal dolore dopo un intervento chirurgico, doveva fare un piccolo gioco di finzione. Il budtender, a cui le leggi sulla legalizzazione vietano di rivendicare che le merci di un negozio hanno benefici medici specifici, potrebbe raccomandare qualcosa di molto Rifrilassato,ma certamente no sedativo,o qualsiasi altra parola proibita dallo stato. I privilegi sulla marijuana sono stati concessi solo ai negozi al dettaglio, ingoiando l’industria dei dispensari ed eliminando efficacemente l’accesso alla marijuana medica.

“Potrebbe diventare imbarazzante”, afferma il cofondatore di Dockside Oscar Velasco-Schmitz, dal momento che aiutare qualcuno in difficoltà significava superare le barriere linguistiche che non avrebbero dovuto affrontare in un dispensario.

Questa incapacità di aiutare gli aspiranti consumatori medici ha infastidito Velasco-Schmitz dopo aver chiuso il suo dispensario, Dockside Co-op, e aver aperto due negozi ricreativi nel 2014, così tanto che avrebbe mangiato la tassa statale appena imposta per le persone che sapeva essere pazienti -un piccolo gesto di compassione.

Quando lo State Liquor and Cannabis Board ha iniziato il suo programma di approvazione medica nel luglio 2016 – un sistema che consente ai pazienti registrati di acquistare medicinali da negozi approvati – Velasco-Schmitz non ha esitato ad iscriversi, anche con i costi aggiuntivi della formazione dei dipendenti e cannabis di grado medico relativamente costosa. Le sedi SoDo e Shoreline di Dockside si uniscono a più di 30 negozi ricreativi nella Contea di King che ora portano un’approvazione medica, un passo nella giusta direzione, afferma Velasco-Schmitz. Ma fino a quando i vincoli normativi e i costi di produzione non diventeranno più gestibili, “coloro che hanno bisogno del prodotto invece di volerlo” potrebbero ancora essere lasciati indietro in questo nuovo mercato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *