È sia uno scherzo ricorrente sia una tradizione all’interno delle comunità di programmazione e di gioco che un computer è davvero un computer solo se può eseguire Doom. Il primo, intendiamoci. Bene, ora puoi probabilmente considerare la nuova fantastica Touch Bar introdotta nei MacBook Pro di fine 2016 come un computer a sé stante. Perché, sì, qualcuno ha fatto girare Doom su quella Touch Bar. No, non utilizzare la Touch Bar per i controlli, ma in realtà eseguirla sulla Touch Bar, sul display e tutto il resto.

Perché Doom è usato, o abusato, in questo modo può forse essere visto come un incidente della storia. Quando id Software ha introdotto il cruento sparatutto in prima persona nel 1993, è stato rivoluzionario nel modo in cui ha sfruttato le limitate tecnologie e risorse disponibili in quel momento per offrire un gameplay pseudo-3D mai sperimentato prima. A quanto pare, questi fattori lo rendono anche il programma per computer più interessante e non banale da implementare su hardware vincolato.

E niente è forse così limitato come la Touch Bar su MacBook Pro. Almeno in termini di spazio disponibile sullo schermo. Con un display OLED sensibile al tocco, in teoria può visualizzare qualsiasi cosa. Nessuno, tuttavia, ha provato a eseguire qualcosa di diverso dalle estensioni autorizzate delle app macOS. Ovviamente, qualcosa come l’esecuzione di un gioco completo difficilmente sarà mai permesso, ma gli hacker hackereranno!

Non è altro che un esercizio di hacking e futilità, ovviamente. Lo schermo è troppo stretto per avere qualcosa di utile visibile. Sebbene la barra possa essere probabilmente riproposta solo per mostrare i controlli per il gioco, la sua posizione sulla tastiera non è certo l’ideale per un tale caso d’uso. Per non parlare della mancanza del feedback tattile che i giocatori amano così tanto.

Tuttavia, è probabilmente più interessante, per non dire più difficile, che far funzionare Doom su un bancomat. Per ora, tuttavia, il processo arcano che porta a questa mod rimane un segreto.

ATTRAVERSO: @Adam Bell

Leave a Reply