Avengers: Endgame stella Elisabetta Olsen,31, sta portando il suo doppio ruolo di Wanda Maximoff/Scarlet Witch in grado di alterare la realtà in TV nel primo spin-off della serie Marvel Studios,WandaVision (15 gennaio su Disney+). Conterrà Wanda e il suo partner Android, Vision (Paul Bettany), cercando di vivere una vita suburbana idealizzata e mantenere i loro poteri nascosti, finché i guai non arrivano.

Pensi che i supereroi siano necessari durante questa pandemia?

WandaVision, invece di essere solo dei supereroi, riguarda il nucleo familiare e il nostro desiderio e bisogno di proteggere i nostri figli e creare uno spazio sicuro per loro. Penso che sia importante in questo momento. Con questo autoisolamento che dobbiamo fare per stare al sicuro, c’è una paura costante e dobbiamo trovare un modo per superarla.

Quanto è diverso il tono della serie dal Vendicatori film?

Abbiamo girato il primo episodio [a black-and-white “homage” to classic TV sitcoms] davanti a un pubblico dal vivo. È stato fantastico essere un attore in uno spettacolo multi-camera con un pubblico dal vivo per la prima volta nella mia vita. Non so se avrò mai più quell’esperienza.

Correlati: Stai pianificando una Maratona di film Marvel? Ecco il miglior ordine per guardarli in

Quanto è bello per Wanda/Scarlet essere la star di una serie TV di sei episodi e avere finalmente la sua storia?

È stata un’occasione davvero fortunata per me. Ho sempre apprezzato molto la cura e il modo in cui la Marvel ha usato Wanda in tutti i film in cui ho recitato. Come attore, è importante sapere sempre quando stai servendo un ensemble, quando stai servendo la sceneggiatura e cosa il tuo ruolo in esso è come parte di un processo analitico. È molto diverso essere il leader di quella storia, quindi è stato divertente avere le sei ore di esplorazione di questo personaggio. Dove forse se combini tutto il tempo sugli altri film, forse non aggiungerebbe nemmeno un’ora.

Scarlet Witch esplorerà di più i suoi poteri in questo?

Sì, c’è sicuramente una crescita dei suoi poteri e delle sue abilità in questo, e anche questo è molto importante per la storia.

Perché Wanda e Vision erano perfetti per una serie TV?

La Marvel ora sta immergendo le dita dei piedi in televisione. E per quanto possa intimidire essere il primo show televisivo del Marvel Cinematic Universe, questa storia non potrebbe essere raccontata non in televisione perché usiamo il mezzo della sitcom americana per aiutare a esplorare le trame emotive dei nostri personaggi. Rappresenta alcune cose diverse che si riveleranno a partire da alcuni episodi.

Olsen e Bettany in WandaVision (Disney+)

Sembra che ci siano omaggi a Lo spettacolo di Dick Van Dyke e stregato. C’è di più?

Oscuriamo i confini tra le sitcom, ma rimaniamo all’interno di qualsiasi decennio in cui stiamo vivendo in quel momento all’interno di quell’episodio, e può trasformarsi forse in zona crepuscolare,o può trasformarsi in un thriller. Siamo anche in costante conversazione con il Marvel Cinematic Universe e come raccontiamo storie da quel tono. Ma è tutto per servire uno scopo più grande, che è la vita emotiva e la vita interiore dei nostri personaggi. È stato il momento migliore per entrare in una sitcom americana negli anni ’50, attraverso i suoi pensieri. Probabilmente mi sono divertito troppo.

È vero che Dick Van Dyke è stato consultato per la sua esperienza?

Matt Shakman,il nostro regista, ha diretto ogni genere di televisione che si possa pensare. Ha diretto 100 episodi o qualcosa del genere. È solo un cavallo di battaglia. Quello che abbiamo fatto è stato, se era il Dick Van Dyke episodio, il nostro primo episodio, abbiamo davvero cercato di rendere l’esperienza più autentica di quello spettacolo. Che fosse con gli obiettivi, l’illuminazione, il modo in cui inquadravamo uno scatto, era tutto molto specifico per qualunque cosa ci riferissimo. E credo a Matt Shakman, e forse [executive producer] Kevin Feige,ha avuto un appuntamento con Dick Van Dyke e gli ha parlato della sua esperienza e del suo processo. Il che suona semplicemente fenomenale, perché sembra l’uomo più adorabile.

Quando eri bambina, passavi molto tempo sul set dello spettacolo delle tue sorelle,Tutto esaurito,quindi sei stato introdotto alla recitazione in giovane età ma hai scelto di aspettare e hai studiato prima di iniziare la tua carriera. Erano una lezione per te che era meglio aspettare e avere un’infanzia vera?

Non era tanto che fossero una lezione per me; Volevo davvero recitare. Oltre ai campi che ho fatto, ed essendo nella mia lezione di danza e canto, ho adorato Frank Sinatra musical, e volevo davvero farlo anche io. Quello che è successo è stato che i miei genitori hanno detto: “OK, beh, se è quello che vuoi davvero fare, allora devi sapere che rischierai di non far parte della squadra sportiva, dovrai rischiare di non essere una parte del balletto dopo la scuola”. E così, l’ho fatto per tre mesi della mia infanzia, ma per me non valeva la pena lavorare per vivere.

Quello che ho visto fare alle mie sorelle era lavorare, non giocare, e mi piaceva molto il balletto e mi piaceva molto fare sport. Ha portato via da quell’esperienza. Mio padre mi ha letteralmente chiesto di scrivere una lista di pro e contro in modo che potessi prendere una decisione informata all’età di—penso di essere in quarta elementare, quindi hai 9 anni credo. Così ho scritto una lista di pro e contro e ho deciso che era più importante per me essere in grado di fare attività extracurriculari.

E poi, quando sono cresciuto, penso che il desiderio di essere un attore mentre vivevo a Los Angeles fosse imbarazzante, perché quando sei di Los Angeles dici tipo, “Oh, sì, tutti vogliono farlo. Fai qualcosa di più interessante”. Ero davvero uno studente accademico, quindi mi vergognavo molto per questo. Ho solo fatto finta di non volerlo fare. Ero tipo, “Farò solo il ragioniere”, perché ero bravo in matematica. Ho 14 anni e dico queste cose.

E poi ero in una recita scolastica a 16 anni; Avevo un ottimo insegnante di recitazione a scuola. È stato un grande educatore della storia del teatro, del teatro russo, e poi del teatro americano, e di tutte le diverse tecniche. Il mio modo di essere d’accordo con il desiderio di essere un attore è stato attraverso il teatro, perché sembrava più accademico e sembrava meno l’esperienza della celebrità e qualunque cosa fosse. In questo momento, è sotto steroidi, qualunque cosa ci sia sui social media.

Ma si trattava più del processo, della storia e dell’esperienza intellettuale di cosa significa collaborare e raccontare una storia. E pensando al teatro da una prospettiva accademica, mi sono permesso di essere d’accordo. Il che è triste che tu debba darti una ragione migliore per fare qualcosa che vuoi fare, ma è quello che mi ha permesso di volerlo perseguire al college. E poi mentre ero al college, ho iniziato a lavorare. Non c’era molto da pensare; aveva solo il suo viaggio.

Correlati: ogni film spinoff Marvel in arrivo

Il tuo ruolo da protagonista era in Martha Marcy May Marlene,un film indipendente del 2011. Ora sei protagonista di blockbuster. Ti vedi tornare ai film “più piccoli”?

Io faccio. Gli ultimi film indipendenti che ho fatto sono stati solo pochi anni fa,Ingrid va a ovest e fiume del vento. Ne ero davvero orgoglioso, e poi ho fatto televisione per la prima volta,Mi dispiace per la tua perdita,che era su Facebook, quindi non molte persone ne hanno sentito parlare, il che è un peccato.

Cosa c’è dopo per te?

Cerco sempre la prossima cosa. Il prossimo progetto che muoio dalla voglia di fare è un tre-hander molto piccolo [a play for three characters] scritto da un brillante drammaturgo. Stiamo solo aspettando i finanziamenti dopo il COVID di tutto questo per poterlo fare l’anno prossimo. Sarà diretto da un grandissimo giovane regista teatrale.

Sono sempre alla ricerca di persone con cui ho un forte desiderio di collaborare e che la pensano allo stesso modo, e ho sempre fame di tornare a qualcosa di più piccolo. È dove mi sento più a mio agio, il che quindi mi farebbe sentire più sicuro di essere vulnerabile, a disagio e più sperimentale. Non c’è così tanta pressione che metti su te stesso perché sembra che stia più nutrendo la tua anima.

Cosa ti ha insegnato la pandemia su di te?

Da quando ero un ragazzino, sono sempre stato davvero un bambino programmato con la danza, gli sport e cose del genere, il che significa un adulto davvero programmato. Per un po’ ho lavorato per essere d’accordo con il non fare nulla. E così, è stato un momento fantastico per lavorare davvero su qualcosa in cui stavo già cercando di migliorare, che non è usare il tuo cervello comparativo. Fortunatamente, è stato più facile perché tutti non facevano nulla, quindi il mio cervello di confronto non poteva comunque accendersi.

Sfilata quotidiana

Interviste di celebrità, ricette e consigli sulla salute consegnati nella tua casella di posta.

Si prega di inserire un indirizzo email valido. Grazie per esserti iscritto! Controlla la tua email per confermare la tua iscrizione.

Ma è stato davvero un momento fantastico per sederti con te stesso e svegliarti e decidere: “Oh, voglio camminare”. Oppure, “Forse leggerò per quanto tempo vorrò leggere, e poi forse mi preparerò da mangiare”. Non ho figli; Ho una responsabilità verso la mia famiglia, e basta. E quindi, capisco quanto sia diverso se hai figli e se hai un lavoro dove devi lavorare da casa. Quindi è stato davvero un bel momento per essere d’accordo con il non fare nulla, e poi ha permesso più creatività, che speri solo sia il risultato di ciò senza cercarla.

Ora sono tornato al lavoro a tutto gas. Mi è mancato così tanto. Sono fortunato ad essere al lavoro.

Prossimo, 13 spettacoli in arrivo che dimostrano che il 2021 sarà l’anno delle donne ispiratrici e autentiche in TV!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *