Rori “CauthonLuck” Bryant-Raible (al centro) conduce Murloc Geniuses in una Eroi della tempesta battaglia.

Tutti amano un buon sconvolgimento sportivo. È nel nostro DNA tifare per gli sfacciati perdenti su qualsiasi tipo di campo, campo e pista. Lo stesso vale per la scena emergente degli eSports (giochi di videogiochi competitivi). Rori Bryant-Raible di Bellevue, che va sotto il nome dello schermo CautonLuck, ha dimostrato che all’inizio di questo mese al Eroi della tempesta Torneo North American Fall Regional 1 a Burbank, California.

Eroi della tempestapotrebbe non essere il titolo più importante nel mondo degli eSport, ma è comunque abbastanza significativo da aver raccolto trasmissioni televisive ESPN per il Eroi del dormitorio torneo tenutosi all’inizio di quest’anno al CenturyLink Event Center. Quindi, anche se Bryant-Raible aveva una precedente esperienza di gioco professionale, la sua squadra recentemente riformata, i Murloc Geniuses, non era considerata una grande minaccia. Dopo tutto, le migliori squadre si erano allenate insieme per anni in un tentativo di padroneggiareEroi della tempesta‘intenso gameplay 5 contro 5 che mescola un’attenta strategia e un’azione di battaglia frenetica. Nel frattempo, Bryant-Raible lavorava ancora a tempo pieno prima dell’evento, e uno dei suoi compagni di squadra aveva zerogrande esperienza di torneo. Ma mai contare i perdenti.

Eroi della tempestapotrebbe non essere il titolo più importante nel mondo degli eSport, ma è comunque abbastanza significativo da aver raccolto trasmissioni televisive ESPN per il Eroi del dormitorio torneo tenutosi all’inizio di quest’anno al CenturyLink Event Center. Quindi, anche se Bryant-Raible aveva una precedente esperienza di gioco professionale, la sua squadra recentemente riformata, i Murloc Geniuses, non era considerata una grande minaccia. Dopo tutto, le migliori squadre si erano allenate insieme per anni in un tentativo di padroneggiareEroi della tempesta‘intenso gameplay 5 contro 5 che mescola un’attenta strategia e un’azione di battaglia frenetica. Nel frattempo, Bryant-Raible lavorava ancora a tempo pieno prima dell’evento, e uno dei suoi compagni di squadra aveva zerogrande esperienza di torneo. Ma mai contare i perdenti.

Dopo aver diviso le sue prime due partite, i Murloc Geniuses hanno vinto una terza gara decisiva per avanzare al turno di playoff a eliminazione diretta, poi hanno seguito una vittoria in semifinale. Quando la partita di campionato al meglio delle cinque si è ridotta alla quinta e ultima partita, e Murloc Geniuses ha scavato a fondo e ha tirato fuori un’ultima vittoria. La squadra aveva fatto l’impensabile, vincendo il primo premio di $ 25.000 e, cosa più importante, guadagnandosi un posto nelEroi della tempestaGlobal Championship alla BlizzCon, che prevede un montepremi di 1 milione di dollari. Gli spettatori potevano sentire la gioia nelle voci degli analisti di Twitch mentre celebravano il genio di Murloc tirando fuori “sconvolto dopo turbamento”, mentre osservavano che “Cauthon era fondamentalmente l’MVP”.

Bryant-Raible torna in azione questo fine settimana, quando ospita la convention di gioco locale PAX West Eroi della tempesta‘s North American Fall Regional 2. Anche se la pressione è diminuita, i Murloc Geniuses dopo essersi già assicurati un posto alla BlizzCon, questa è l’occasione per la squadra di dimostrare che l’ultimo torneo non è stato solo una vittoria sfrenata perdente (in più, c’è ancora un primo premio di $ 25.000 da vincere rivendicato). Il torneo dura tre giorni (2-4 settembre) e coloro che non sono riusciti a ottenere un badge PAX possono trasmettere l’azione su Twitch.

Per la nostra ultima Fiendish Conversation, abbiamo parlato con Bryant-Raible della routine quotidiana di un giocatore professionista, della verità sui cliché sportivi e dell’origine del suo nome utente.

Quali sono i tuoi primi ricordi di gioco?

I miei primi ricordi di gioco stanno giocando Caccia all’anatra e l’originale Mario con la mia famiglia. Penso che sia stata la mia prima esperienza in cui sono sempre stato più bravo di mio padre in qualcosa. [Laughs] Quindi penso che probabilmente abbia aiutato in qualche modo, perché a quei tempi mi è sempre piaciuto competere con mio padre in ogni genere di cose.

Come sei entrato per la prima volta? Eroi della tempesta?

Ho giocato praticamente a tutte le partite di Blizzard fino al Overwatch-come un il tuo; davvero hardcore. È un po’ l’azienda con i giochi a cui ho giocato in modo più competitivo.

Quando hanno rilasciato l’alpha per Eroi della tempesta,Non mi aspettavo davvero molto. Io e i miei amici abbiamo pensato che sarebbe stata una versione davvero strana e stravagante di Dota o League of Legends. L’abbiamo provato e all’inizio non ci è piaciuto molto. Ma in un certo senso cresce su di te, una volta che ti abitui al combattimento costante invece del lento gameplay agricolo.

E probabilmente circa una settimana dopo che ho iniziato a giocare, il primo torneo che sia mai stato fatto in Eroi è stato creato da CyaSteve [Matt MacNeil],che ora lavora per Blizzard. Non c’era nemmeno un premio per questo. Quindi ci sono appena entrato con un mio amico nella vita reale e un paio di altre persone con cui avevo giocato online. Ci siamo entrati e abbiamo ottenuto calpestato,ma è stata un’esperienza piuttosto divertente. È così che sono entrato nella scena competitiva. Dopo di che ho formato una vera squadra e da allora ho gareggiato.

Dal momento che non sei più al livello “gioca con i tuoi amici”, come sono le squadre di professionisti per giochi come? Eroi formato?

In realtà è piuttosto complicato. La maggior parte delle volte si tratta di squadre consolidate che aggiungono uno o due giocatori o rimuovono uno o due giocatori. Con la mia squadra [Murloc Geniuses],in realtà abbiamo riformato completamente una squadra all’inizio di luglio, circa un mese prima del [ESL North America Fall Regional Championship] torneo. Quello che è successo è che io e altri due giocatori che avevano giocato insieme in passato, formavamo un nucleo di tre persone. Poi abbiamo fatto dei provini con un gruppo di altre persone per gli ultimi due posti, scegliendo le due persone che pensavamo si adattassero meglio ai nostri stili e che suonassero meglio durante le prove.

Come giocatore professionista, qual è la tua routine quotidiana?

Fino a poco tempo fa, la mia routine era molto diversa dalla maggior parte dei giocatori professionisti, perché fino a quando non abbiamo vinto questo torneo, avevo un lavoro a tempo pieno alla Nintendo. Ci sono pochissime persone che continuano ad avere un lavoro mentre giocano nella scena professionale. Quindi lavorerei lo standard dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17 o dalle 9 alle 6. Poi tornerei indietro e scrim [i.e. play practice matches] dalle 5 o 6 fino a circa le 10 o le 11. E poi facevo tutte le commissioni o le manutenzioni che dovevo fare per un’ora o due, e poi andavo a dormire. Quindi dal lunedì al venerdì era piuttosto di routine. E poi nei fine settimana, abbiamo spesso un giorno libero o un torneo da pianificare. Ho lasciato il mio lavoro come il giorno prima del torneo che abbiamo vinto per qualificarmi alla BlizzCon, quindi credo di aver avuto fiducia in noi.

E come è cambiato da quando hai lasciato il tuo lavoro per concentrarti sui giochi?

Non ho davvero stabilito una routine. È stato un sacco di dormire fino all’una invece di alzarsi alle 8 ogni mattina. Di solito non avevo tanto tempo per esercitarmi da solo quanto le altre persone, quindi nelle ultime settimane, specialmente per prepararmi per i prossimi tornei al PAX e alla BlizzCon, ho giocato solo molto di più Eroi di quello che faccio di solito. Sto solo facendo un sacco di coda e scaletta da solista [i.e. competitive ranked] roba. Ho lavorato sull’apprendimento di eroi che non ho avuto il tempo di interpretare prima. E poi come squadra abbiamo aumentato il nostro tempo di scrim, quindi di solito abbiamo circa sei ore al giorno per giocare con le altre migliori squadre, invece delle quattro che avevamo in precedenza, il che è stato in parte colpa mia a causa dei conflitti di programmazione.

Quindi sono sei ore di gioco di squadra? E se aggiunto alla tua esecuzione da solista, sarebbe un totale di circa?/strong>

Probabilmente tipo 12 ore al giorno da quando siamo tornati dal torneo. Con le sfide che ci aspettano e la quantità di tempo libero che ho ora che non sono abituato ad avere, sto andando piuttosto duro.

Quindi, quando giochi 12 ore al giorno, il gioco è ancora divertente o è puramente un lavoro?

È ancora divertente per me, perché la cosa che mi spinge davvero non è tanto il gioco in sé, quanto la competizione con le personalità. Vuoi solo spingerti ad essere migliore dei grandi nomi della scena. Vuoi sfidare le squadre che sono considerate imbattibili e dimostrare a tutti i media che si sbagliano su chi ha detto questa squadra non sarà una minaccia. Questo è il tipo di cose che ti spinge a lavorare e a migliorarti. Non è che il gioco sia così emozionante da poterci giocare 12 ore al giorno. Devi avere quella spinta per battere altre persone di persona per andare davvero così forte.

Allora qual è stata la chiave per vincere il ESL North America Fall Regional Championship con un team relativamente inesperto?

Beh, vorrei solo dare un grido ai miei compagni di squadra. Sono davvero orgoglioso per tutti, specialmente per le persone che non erano mai state a un grande torneo prima. Salire su un grande palco dove nessuno si aspettava che fossimo un contendente [and win]?/p>

Penso che la cosa che abbiamo fatto meglio in quel fine settimana si sia concentrata su ogni partita, invece di guardare oltre le nostre prime partite e pensare alle finali, come hanno fatto le altre squadre. Non abbiamo sottovalutato nessuno. Non li abbiamo trascurati. Avevamo strategie molto dettagliate per ogni squadra con cui stavamo giocando e penso che ci abbia aiutato molto, concentrarci su una cosa alla volta e superare un passo alla volta. So che è un cliché che tu sia qui molto nello sport, ma c’è un motivo se è efficace. Penso che parte del motivo per cui siamo stati in grado di vincere e rappresentare il Nord America fosse che le altre squadre non prendevano sul serio quel vecchio cliché e tendevano a concentrarsi solo sulle loro partite imminenti, il che li ha portati a perdere contro alcune squadre che in realtà non avrebbero dovuto ho. Sono solo felice e orgoglioso del fatto che la mia squadra sia stata disciplinata e si sia concentrata su quale fosse il nostro obiettivo in quel preciso momento.

Se qualcuno è un principiante Eroi c’è qualcosa su cui suggeriresti di concentrarsi mentre guardano o giocano?

Direi che la cosa più basilare sarebbe concentrarsi sull’ottenere l’esperienza della tua squadra all’inizio del gioco. Penso che sia probabilmente l’errore più inesperto. La gente sente dire che questo gioco è incentrato su risse e combattimenti di squadra, e si concentra maggiormente sul combattimento giocatore contro giocatore più di altri giochi, tuttavia nelle primissime fasi di una partita, se non ti stai bagnando Esperienza [points],la tua squadra resterà molto indietro. Anche se i tuoi compagni di squadra lasciano la corsia per andare a combattere, devi comunque ottenere costantemente l’esperienza della tua squadra, perché la squadra condivide l’esperienza nel suo insieme. Questa è probabilmente la cosa più importante per le persone appena entrate nel gioco, perché l’esperienza di squadra porta a diversi livelli di talento, e se hai un vantaggio di livello di talento rispetto all’altra squadra, allora hai un enorme vantaggio nei combattimenti ed è qui che prendi i più grandi lead nel gioco.

Qual è il tuo stile di gioco/ruolo nella squadra?

Sono il giocatore a distanza. ci gioco molto [long] danno da raggio d’azione [dealing moves],ma anche il mio obiettivo sono gli specialisti e il supporto secondario [characters]. Quindi interpreto molti degli eroi che supportano la squadra nel suo insieme, quelli che danno la visione della mappa, o scout informazioni, o causano molta pressione spingendo [i.e. attacking enemy structures]. La mia attenzione è sugli eroi che danno utilità alla squadra nel suo insieme attraverso meccaniche che non sono necessariamente danni e tank.

Quali sono i tuoi obiettivi per il futuro come giocatore professionista?

Siamo praticamente tutti concentrati sulla BlizzCon in questo momento. Eroi non è considerato uno dei più grandi eSport, ma in realtà è già tra i primi 10 giochi di tutti i tempi in termini di vincite dei tornei. E la BlizzCon è di gran lunga il più grande evento di sempre, in un certo senso sminuisce tutto il resto in confronto. Nessuno sta ancora guardando oltre quell’evento. Ci concentreremo sul PAX per questo fine settimana, dopodiché studieremo la scena internazionale e ci prepareremo molto di più per come gioca il mondo nel suo insieme, invece che solo per la nostra regione.

Dato che ci siamo già qualificati per la BlizzCon, il PAX si limita a continuare il nostro modulo. Esperienza LAN [i.e. in-person connected playing] è molto prezioso in generale, specialmente per le persone che sono nuove, come il nostro giocatore di supporto Jim. Quindi è una combinazione di tutto questo, metterci alla prova per vedere come stiamo andando con ciò su cui ci stiamo allenando in questo momento, e solo il premio in denaro.

Qual è la storia di origine del tuo nome utente,CautonLuck?

Ho questo nome utente da circa 15 anni, anche quando giocavo all’originale Star Craft: Brood War e Warcraft III. Viene da una serie di libri chiamata La ruota del tempo di Roberto Giordano. È una serie fantasy tentacolare con 14 libri. Immagino che potresti paragonarlo vagamente a qualcosa del genere Game of Thrones,e La ruota del tempo e Una canzone di ghiaccio e di fuoco erano la mia serie di libri preferita crescendo. C’è un personaggio nel Ruota del tempo chiamato Mat Cauthon, il cui tratto distintivo è la sua fortuna in vari aspetti della vita. Quindi era solo una specie di combinazione, e da allora ho usato il tag.

PAX Ovest2-5 settembre, Washington State Convention Center, tutto esaurito

Leave a Reply