Uno dei pianeti più belli del nostro sistema solare è Saturno, con il suo vasto sistema di anelli e l’atmosfera colorata. La NASA ha osservato Saturno con il telescopio spaziale Hubble e ha osservato il cambiamento delle stagioni sull’enorme pianeta. Il telescopio ha offerto agli astronomi uno sguardo sulla turbolenta atmosfera mentre l’emisfero settentrionale di Saturno, attualmente in estate, passa all’autunno.

Le tre immagini sottostanti mostrano Saturno nel 2018, 2019 e 2020 da sinistra a destra. La scienziata planetaria Amy Simon del Goddard Space Flight Center della NASA afferma che i piccoli cambiamenti nelle bande di colore di Saturno da un anno all’altro sono affascinanti. Mentre il pianeta si avvicina all’autunno nell’emisfero settentrionale, le regioni polare ed equatoriale stanno visibilmente modificando la sequenza delle immagini.

Simon osserva anche che gli scienziati vedono l’atmosfera del pianeta variare su scale temporali molto più brevi. Il team ha scoperto che un leggero cambiamento nel colore di Saturno di anno in anno potrebbe indicare anche un cambiamento nell’altezza delle nuvole e nei venti. Tuttavia, i cambiamenti nel pianeta non sono enormi. Gli scienziati si aspettano grandi cambiamenti su una scala temporale stagionale, con l’attuale progressione che mostra i cambiamenti verso la nuova stagione.

Le immagini di Hubble mostrano che dal 2018 al 2020, l’equatore di Saturno si è illuminato dal 5 al 10 percento e i venti sono leggermente cambiati. Nel 2018, i venti misurati vicino all’equatore sul pianeta erano a circa 1000 miglia all’ora. Quella velocità del vento era significativamente superiore a 800 miglia orarie misurate dalla sonda spaziale Cassini della NASA nel 2004 fino al 2009.

Tuttavia, nel 2019 e nel 2020, la velocità del vento è tornata all’intervallo di 800 miglia orarie visto da Cassini. La velocità del vento varia anche con l’altitudine, portando gli scienziati a ritenere che la velocità misurata potrebbe indicare che le nuvole nel 2018 erano circa 37 miglia più profonde di quelle misurate da Cassini. Vale anche la pena notare che Saturno impiega 29 anni terrestri per completare un’orbita del sole, il che significa che ogni stagione di Saturno dura più di sette anni.

Leave a Reply