Notizie Caffeina

L’edizione odierna di Friday’s Simpatie e antipatie dispone di tre PIACE-ognuno con un grosso intoppo, però.

Prima io È PIACIUTO tempestivo emendamento del senatore dello stato Kevin Ranker (D-40, Isola di Orcas) al bilancio repubblicano. Rispondendo alla legge sulla libertà religiosa (di discriminare) che è esplosa in Indiana questa settimana, Ranker, il cui padre è gay, ha proposto un emendamento per rendere illegale per i venditori che contraggono con lo stato la discriminazione.

La proposta di Ranker faceva parte di una corsa democratica pianificata sul voto di bilancio la scorsa notte con quasi 50 emendamenti che avevano lo scopo di mettere in imbarazzo i repubblicani moderati, in particolare i repubblicani della periferia di Seattle dell’Eastside che potrebbero essere in corsa per la carica di governatore nel prossimo futuro (il senatore dello stato Andy Hill, R. -45,Redmond), facendoli votare in sintonia con il loro caucus conservatore contro la politica sociale che è popolare tra il pubblico in generale.

I repubblicani hanno evitato lo stratagemma approvando una regola all’inizio della serata che diceva che qualsiasi emendamento al bilancio richiedeva una maggioranza di due terzi per essere approvato, dando ai senatori moderati il ​​margine di manovra per votare con i liberali mentre soddisfacevano l’agenda del loro caucus per sconfiggere gli emendamenti.

E così, nonostante il fatto che i repubblicani suburbani di Seattle come Hill abbiano votato per l’emendamento di Ranker con i Democratici, la misura è fallita. In un caso cinico, il repubblicano moderato Bruce Dammeier inizialmente votò contro l’emendamento della democratica Annette Cleveland per richiedere la parità di retribuzione per le donne, ma quando si rese conto che il GOP aveva un voto in più, passò il suo voto a un sì. Ecco uno screenshot dell’appello del passaggio di Dammeier:

Ranker ha rilasciato una dichiarazione feroce dopo il fallimento della sua proposta di legge sui diritti degli omosessuali:

“Tutto questo emendamento diceva che non puoi discriminare. Non puoi discriminare gli omosessuali, non puoi discriminare le donne incinte, non puoi discriminare.” Se non possiamo proteggere i nostri cittadini dalla discriminazione, allora cosa stiamo facendo qui?” Sono sbalordito che in Nel 2015 dobbiamo ancora lottare per i diritti civili fondamentali.Anche ora, leggiamo titoli sui governi statali che rendono legale per le imprese discriminare i propri cittadini. “Non siamo Indiana, ma stiamo seguendo il loro esempio.

Imbarazzando ancora di più i repubblicani, la senatrice dello stato democratico Christine Rolfes (D-23, Contea di Kitsap) ha chiesto un voto per sospendere la regola del 60 percento solo per l’emendamento di Ranker; anche se Hill ha votato per l’emendamento di Ranker, ha votato contro l’emendamento di Rolfes per aiutarlo a passare. Gotcha.

“Se Hill, Honeyford, Litzow e altri fossero stati davvero sinceri nell’approvare questo emendamento, non avrebbero votato per sospenderlo per questo voto?” Lo ha chiesto il portavoce del senato democratico Aaron Wasser dopo il voto sull’emendamento Rolfes.

Tuttavia, ecco l’intoppo dello spettacolo anti-Indiana dei Democratici. Nonostante un desiderio del GOP di leggi simili sulla “libertà religiosa” (hanno proposto una legge in stile Indiana solo due sedute fa), Il procuratore generale dello stato di Washington, Bob Ferguson, notoriamente si è schierato con una coppia gay ai sensi della legge sulla protezione dei consumatori del nostro stato in una causa contro il negozio di fiori di Arlene per aver rifiutato di servire i gay, vincendo e mettendo in chiaro che la discriminazione antigay è già illegale qui.

2. Mentre io È PIACIUTO la lunga lista di emendamenti dei Democratici (puoi leggerli tutti, comprese le misure per finanziare l’assistenza sanitaria a basso reddito, affrontare il cambiamento climatico, proteggere le scelte di controllo delle nascite delle donne, ripristinare le sovvenzioni statali necessarie e assicurare il congedo per malattia retribuito qui), lì era un gigantesco intoppo alla loro posizione un po’ giusta.

Hanno denunciato l’accusa del GOP secondo cui i progetti di legge non sono stati approvati come emendamenti di bilancio con discorsi grandiosi su come il bilancio è un documento politico sui valori di Washington.

Va bene. Ma solo due anni fa, quando il Partito Repubblicano ha cercato di allegare la sua agenda politica al bilancio (scoraggiandosi tra le indennità dei lavoratori, un disegno di legge per limitare le spese non legate all’istruzione) i Democratici li hanno rimproverati per aver tenuto il bilancio in ostaggio di “legge ideologiche”.

3. Infine, mentre io AMORE che Expedia di Bellevue ha annunciato ieri che si trasferiranno a Seattle, non è proprio la vittoria urbanistica che sembra essere.

C’è stata una saggia rivalutazione del modello di campus aziendale in stile Microsoft degli anni ’80 che segregava i campus aziendali lungo le linee dei campus dei college a torre d’avorio nei sobborghi. La nuova idea è quella di spostare le aziende in città, nel bel mezzo del trasporto di massa, dell’edilizia abitativa, di altre aziende e della cultura; il concetto, noto come “distretti dell’innovazione”, in cui gli aspetti sovrapposti della vita cittadina sono destinati a generare creatività e più cultura, è un’affermazione di valori urbani misti.

Tuttavia, il sito di Amgen sul lungomare di 40 acri dove Expedia si sta spostandocon i piani per l’espansione verso l’esterno non c’è un salto nel mix come il trasferimento di Weyerhaeuser a Pioneer Square (nessuna linea di metropolitana leggera su Elliott o 15th). Sì, il quartiere di Interbay è più denso di un tempo, ma per lo più è ancora una strada in stile suburbano lungo Elliott Avenue West.

E la direttrice delle comunicazioni di Expedia, Sarah Waffle Gavin, non sembrava proprio abbracciare la nuova visione di un campus cittadino (pensa alla NYU al contrario di Stanford) quando mi ha detto che era tempo “per la nostra azienda adulta di avere un adulto- up tech campus per abbinare”, confrontando il loro attuale contratto di locazione Bellevue con l’essere come un 22enne contro “l’acquisto di una casa per adulti… un campus aziendale che si addice a un’azienda globale”.

Mi dispiace, ma acquistare un campus basso di 40 acri sul lungomare invece di affittare in un grattacielo del centro di Bellevue non è la mossa più ecologica. Gavin, per esempio, è entusiasta, mi ha detto, di aver appena chiuso “una, nuova, più grande, casa per sempre” a Sammamish, anche se è a conoscenza del grande trasferimento della sua azienda in città da un po’.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *