Anche se i nostri smartphone non hanno bisogno di ventole per mantenersi freschi, ciò non significa che non generino calore o che non possano beneficiare di un raffreddamento aggiuntivo. Questo è in realtà qualcosa che Samsung potrebbe portare sui telefoni futuri, o meglio, potrebbe riportare in vita, secondo un rapporto di DigiTimes.

Il rapporto afferma che Samsung sta apparentemente esaminando la possibilità di ripristinare l’uso della tecnologia di raffreddamento della camera di vapore. Per coloro che non lo sapessero, Samsung ha effettivamente utilizzato questa tecnologia in alcuni dei suoi telefoni più vecchi come il Galaxy S10+. Lo hanno anche usato su alcune configurazioni dei telefoni Galaxy S20 e Note 20, ma non è apparso nei modelli Galaxy S21.

Il funzionamento della tecnologia è che all’interno di un contenitore sigillato sottovuoto, c’è una piccola quantità di liquido che quando viene riscaldato si trasforma in gas e si condensa quando si raffredda. Questo processo di raffreddamento è più veloce rispetto ai design più convenzionali del dissipatore di calore, ma non siamo sicuri del motivo per cui Samsung abbia scelto di non utilizzarlo nel Galaxy S21.

Tuttavia, il rapporto ora afferma che Samsung potrebbe esaminarlo di nuovo e che potrebbe vedere un ritorno nei modelli del 2022. Per essere onesti, il Galaxy S21 non ha davvero problemi di surriscaldamento all’inizio, quindi non è stato come se rimuoverlo avesse causato grossi problemi, ma l’inclusione potrebbe essere apprezzata dagli utenti che tendono a spingere i loro dispositivi agli estremi .

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *