I vigili del fuoco stanno lavorando senza sosta per cercare di proteggere alcuni dei più antichi tesori naturali della California. Gli incendi si sono spostati nel Sequoia National Forest Sunday e ora minacciano centinaia di alberi di sequoia. Alcuni di quegli alberi hanno più di 2000 anni.

L’incendio del complesso KNP ha raggiunto il Long Meadow Grove domenica dove 100 sequoie sono alte più di 200 piedi. L’entità del danno non è nota, poiché si trovano in località remote. Anche se un fotografo di AP ha visto le fiamme bruciare il lato di almeno uno degli alberi e il suolo della foresta era in fiamme, ha riferito The Guardian.

I vigili del fuoco stanno lavorando per impedire che gli incendi raggiungano più in profondità la foresta nazionale, ha affermato il New York Post.

Le squadre dei vigili del fuoco hanno avvolto la base del “General Sherman Tree”, l’albero più alto del mondo, con un foglio per proteggerlo dai danni del calore. L’albero ha almeno 2.500 anni ed è alto 275 piedi. I vigili del fuoco hanno avvolto anche altre sequoie storiche nella pellicola.

I vigili del fuoco hanno spazzato il suolo della foresta per rimuovere aghi e foglie secche, che alimentano gli incendi, hanno detto i funzionari. Hanno anche appiccato un fuoco strategico lungo la Generals Highway per creare una barriera tra l’incendio e i boschi storici.

I forti venti intorno al KNP Complex Fire hanno portato a “condizioni di incendio critiche” e hanno ostacolato gli sforzi dei vigili del fuoco di domenica.

L’incendio del complesso KNP è iniziato come due incendi separati da fulmini. Ma si sono fusi la scorsa settimana in un unico incendio sul lato occidentale del parco nazionale di Sequoia nella Sierra Nevada. A partire da lunedì mattina, quell’incendio ha bruciato più di 21.000 acri di terra in California. Ed è contenuto allo 0 percento, secondo Cal Fire.

Il cambiamento climatico è incolpato per l’aumento degli incendi

Gran parte degli Stati Uniti occidentali sta soffrendo per una siccità storica che gli scienziati attribuiscono al cambiamento climatico. L’Occidente è considerevolmente molto più arido di quanto non fosse 30 anni fa, secondo gli studi, secondo il Guardian. Queste condizioni hanno aumentato il numero degli incendi e li hanno resi più intensi e difficili da contenere.

Solo quest’anno, la California ha subito più di 7.000 incendi. Hanno distrutto più di 3.000 case ed edifici e bruciato più di 3.000 miglia quadrate di terra, ha affermato il Dipartimento delle foreste e della protezione antincendio della California.

Natasha Stavros, un ingegnere di sistemi di scienze applicate presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, studia gli incendi. Nota che non solo ci sono più incendi, ma si verificano anche contemporaneamente. Questo sta drenando le risorse e rende più difficile la prevenzione, il che alimenta gli incendi in seguito.

L’aria secca e la vegetazione secca forniscono anche un letto fertile per l’inizio e la rapida crescita degli incendi.

“Il clima influisce sulla durata, sulla temperatura e sulla secchezza delle stagioni degli incendi”, ha detto. “Mentre il clima si riscalda, stiamo assistendo a un’essiccazione e un riscaldamento a lungo termine sia dell’aria che della vegetazione”.

Leave a Reply