Molte persone in questi giorni consumano i propri contenuti digitali su smartphone e laptop, ma sebbene questi possano essere abbastanza rumorosi, non offrono la stessa immersione dei teatri o persino dei sistemi di home entertainment. Certo, puoi collegare o trasmettere in streaming agli altoparlanti per un effetto surround, ma se tutto ciò che hai sono gli altoparlanti del tuo MacBook, sei sfortunato. Almeno fino a quando Apple non implementerà questo nuovo brevetto in grado di creare un suono che sembra provenire da qualsiasi parte di una stanza diversa dal tuo laptop.

I laptop oggigiorno utilizzano già quella che ai consumatori potrebbe sembrare una magia acustica quando dividono l’audio tra gli altoparlanti sinistro e destro. I sistemi più avanzati non dividono semplicemente i canali audio, ma utilizzano la cancellazione della diafonia, una forma di cancellazione del rumore che assicura che solo “l’audio sinistro” venga udito dall’orecchio sinistro e solo “l’audio destro” dall’orecchio destro.

Il brevetto riportato da Patently Apple utilizza gli stessi principi di base per “lanciare” l’audio ancora più lontano, facendo sembrare che provenga davvero da qualche altra parte nello spazio 3D. Il sistema potrebbe, attraverso riflessioni audio e simili, determinare la forma e le dimensioni di un’area e quindi utilizzare la cancellazione della diafonia per proiettare solo l’audio spaziale corretto in quella direzione.

Sembra decisamente un sistema complicato ma che potrebbe avere vantaggi sia in casi d’uso aziendali che di intrattenimento. Potrebbe, ad esempio, essere utilizzato per migliorare l’audio durante le chiamate in conferenza, ma l’effetto surround è forse più evidente quando si tratta di guardare video, sia preregistrati che dal vivo.

Come ogni brevetto, questo ci dice semplicemente che Apple ha pensato a un tale tipo di tecnologia ma non vi è alcuna indicazione che ci stia lavorando attivamente. Se riesce a implementarlo, tuttavia, potrebbe dare al MacBook un altro vantaggio quando si tratta del settore multimediale dove è già uno dei computer preferiti.

Leave a Reply