Daron Morris, un difensore d’ufficio di carriera nella Contea di King, ha detto che vuole affrontare il problema dell’incarcerazione di massa, e sta cercando di occuparsi del posto di Dan Satterberg per farlo.

Nei restanti due giorni della settimana di archiviazione, Morris annuncerà i suoi runas come candidato democratico alla carica di procuratore della contea di King contro Satterberg, che è seduto comodamente in ufficio da 11 anni. Morris si è dimesso dal suo incarico di difesa pubblica nella contea di King martedì per concentrarsi sulle elezioni.

“Non ho altri quattro anni per aspettare il tipo di cambiamento fondamentale di cui sto parlando”, ha detto PubliColamercoledì in ritardo.

Morris critica Satterberg per l’utilizzo di “vecchi approcci stanchi che sappiamo non funzionano”, portano a un’eccessiva incarcerazione e colpiscono in modo sproporzionato le persone di colore e altre comunità vulnerabili.

Morris ha affermato di voler migliorare le relazioni tra le comunità e le forze dell’ordine coinvolgendo maggiormente le comunità nella creazione di politiche, ridurre le sanzioni per determinati reati, accelerare il processo e adottare approcci più personalizzati alla gestione dei reati e delle condanne.

Laureato alla scuola di legge della New York University, Morris ha detto di aver trovato rapidamente la sua passione nella giustizia penale e ha osservato un sistema rotto a New York sotto l’allora sindaco Rudy Giuliani, che ha affermato “ha promosso una cultura di persecuzione tossica”. Da allora, Morris ha trascorso 20 anni come difensore d’ufficio, otto dei quali lavorando per King County.

“La mia speranza è che questa campagna sia davvero solo un modo per consentire alla comunità di dire la verità al potere”, ha detto Morris, “e che alla fine, quando e se vincerò, non sarò solo io a dire la verità un’istituzione consolidata come fare le cose.”

Si oppone anche al nuovo carcere giovanile della contea di King e ha detto che, se eletto, aggiungerà la sua voce “per trovare una soluzione migliore”.

“Se fossi un pubblico ministero, non avremmo 40 bambini al giorno. Avremmo molto meno”, ha detto Morris. “Ci sarà un crimine orribile commesso da un adolescente in futuro, e dobbiamo essere preparati per questo. … (Ma) non vogliamo costruire una struttura per il nostro peggior caso immaginabile.”

Morris ha il sostegno del Peoples Party ed è probabile che tragga il sostegno degli elettori di estrema sinistra. Ma sta affrontando una dura battaglia contro un incumbent di 11 anni che ha goduto di un ampio sostegno da altri funzionari locali e finora ha speso 77.000 dollari per la sua campagna, secondo la Public Disclosure Commission statale.

Sebbene Satterberg sia repubblicano in una contea dominata dai democratici, il pubblico ministero di lunga data è stato elogiato per una serie di politiche più progressiste; sotto la guida di Satterberg, il suo ufficio ha contribuito a creare il programma di diversione assistita dalle forze dell’ordine, che indirizza coloro che hanno commesso reati di basso livello in servizi di comunità invece che in prigione.

È stato un sostenitore degli immigrati privi di documenti che affrontano sfide nel sistema legale; e ha sostenuto la mossa del King County Council di offrire assistenza legale alle famiglie durante il processo di inchiesta, per quando hanno perso una persona cara nelle mani della polizia.

Sebbene Morris abbia accreditato Satterberg per aver aiutato con LEAD, ha detto che Satterberg ha ancora “aumentato il numero di martelli” disponibili e lo ha criticato per quelle che dice sono risposte eccessivamente aggressive a crimini, come il furto d’auto.

Morris ha detto che vuole espandere LEAD ad altri quartieri a livello locale, impegnarsi personalmente con le donne nei casi di violenza domestica e smettere di ritardare i casi in base alla disponibilità personale di un pubblico ministero su casi di basso livello, vuole passare a un modello di personale orizzontale, al contrario a un pubblico ministero che si soffermi su un singolo caso, per accelerare l’elaborazione.

A livello statale, Morris vuole sostenere l’eliminazione delle condanne minime obbligatorie e la restituzione di un po’ di potere nel determinare il tempo passato ai giudici. Dice che i pubblici ministeri attualmente esercitano troppo potere di condanna e spesso usano accordi di patteggiamento per costringere le persone a uscire da un processo per accelerare il processo e risparmiare denaro.

Morris ha detto come difensore d’ufficio, ha sempre avuto a cuore l’empatia con il trauma e ciò che ha portato qualcuno nel sistema di giustizia penale. Nel 2014, sua moglie è morta di cancro, lasciandolo a crescere tre figli da solo; una delle sue figlie è sopravvissuta al cancro. Ha detto pensando a quella difficoltà, sa di essere fortunato.

“Sono estremamente fiducioso che se non avessi avuto un reddito stabile e il privilegio che ho come maschio bianco cisgender, quello che ho passato mi avrebbe fatto deragliare”, ha detto.

Aggiornato alle 15:08 del 17 maggio 2018, per chiarire la posizione di Morris sui patteggiamento.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *