La McLaren ha rivelato un piano ambizioso per realizzare tutte le sue auto sportive ibride entro il 2025, un progetto da 1,59 miliardi di dollari che la casa automobilistica britannica ha chiamato Track25. Si prevede che nei prossimi sette anni saranno lanciati un totale di diciotto nuovi modelli, sulla base della tabella di marcia stabilita dalla McLaren P1 a gas-elettrica.

Non è la prima volta che la McLaren parla dei suoi piani per l’elettrificazione. Già nel 2016, al Salone di Ginevra, ha rivelato i suoi obiettivi iniziali con Track22. Tuttavia, questa versione aggiornata aggiunge una serie di nuove pietre miliari.

L’obiettivo della McLaren è ora quello di raggiungere 6.000 delle sue auto – attraverso le sue gamme – all’anno, entro il 2025. Ci saranno investimenti in 18 nuovi modelli o derivati, che aiuteranno questo aumento di produzione. In effetti, afferma la casa automobilistica, sarà un aumento di quasi il 75% rispetto ai numeri attuali.

In questa fase non è chiaro esattamente quali auto saranno incluse. Tuttavia, la McLaren ha confermato che almeno una delle rinnovate line-up sarà il successore della P1, una nuova auto della Ultimate Series che siederà in cima alla gamma.

La P1 originale potrebbe essere stata un’ibrida, ma non era una Prius. Sono state prodotte 375 vetture, ciascuna abbinata a un motore V8 biturbo da 3,8 litri a gas con un motore elettrico. Insieme, hanno erogato 727 cavalli e 531 lb-ft di coppia, per un tempo di 0-62 mph di 2,8 secondi e una velocità massima limitata elettronicamente di 217 mph.

Tuttavia, i nuovi ibridi McLaren non aumenteranno solo la potenza della benzina con l’elettricità. La casa automobilistica parla anche di un nuovo sistema di ricarica. Descritto come “un sistema di batterie più leggero, a ricarica superveloce e ad alta potenza per applicazioni ad alte prestazioni”, dovrebbe fornire ai veicoli elettrici della McLaren oltre 30 minuti di autonomia elettrica su una pista.

Poiché l’aggiunta di batterie e motori elettrici può causare un aumento di peso, McLaren prevede anche di pompare nuovi investimenti nell’alleggerimento. Ciò integrerà i suoi 66 milioni di dollari nel McLaren Composites Technology Centre, che aprirà presto e produrrà carrozzeria e altri componenti a risparmio di massa.

ALTRO Recensione McLaren 720S

Non è l’unica spinta tecnologica, bada. McLaren sta anche esaminando nuove funzionalità per le auto connesse, che consentiranno funzionalità come gli aggiornamenti del software OTA (over-the-air) e il monitoraggio del veicolo migliorato. Ci sarà anche una “protezione informatica potenziata”, che riflette i crescenti timori in tutto il settore sulla sicurezza delle auto che sono perennemente online. Si parla anche di “nuove funzionalità di guida potenziate”, anche se probabilmente non dovremmo aspettarci una McLaren a guida autonoma in tempi brevi.

“Siamo un marchio di lusso che si impegna a investire nell’innovazione”, ha dichiarato Mike Flewitt, CEO di McLaren di Track25, “sia nello sviluppo e nella produzione delle nostre vasche in fibra di carbonio come parte di un nuovo 50m con sede in Gran Bretagna centro di produzione, nuovi propulsori con tutta la nostra gamma che dovrebbe essere ibrida entro il 2025 o l’implementazione della tecnologia per migliorare l’esperienza di guida e di possesso”.

Cronologia della storia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *