Molti utenti, sviluppatori ed editori di contenuti hanno criticato la pratica quasi arbitraria, ma diffusa nel settore, di dividere i ricavi al 70% per gli sviluppatori e al 30% per il proprietario del negozio, ma in realtà avrebbe potuto essere peggio. Ai tempi in cui quella divisione non era ancora scolpita nella pietra, apparentemente Apple stava pianificando di ottenere una fetta più grande di quella torta. Certo, questa è storia e l’azienda ha finito per ottenere meno, ma dà un’idea di come le cose avrebbero potuto ancora peggiorare nei primi giorni di smartphone e app.

La rivelazione è arrivata da e-mail interne inviate al Comitato giudiziario della Camera degli Stati Uniti che sta attualmente indagando su Big Tech, in particolare Apple e Google, su presunte pratiche anticoncorrenziali. Parte di quell’indagine ha naturalmente approfondito il controllo dei due sugli app store delle loro piattaforme che, a loro volta, avrebbero potuto mettere in svantaggio alcuni servizi e sviluppatori rivali. Quest’ultima prova suggerisce anche come Apple avrebbe potuto armare con forza quegli editori per dargli una fetta più grande di quella che avrebbero normalmente dato.

I documenti mostrano conversazioni tra Apple SVP di Internet Software e Services Eddy Cue, suggerendo che dovrebbero prendere il 40% del taglio degli abbonamenti effettuati tramite l’App Store, almeno per il primo anno di abbonamento. Era il 2011, solo tre anni dopo il lancio dell’App Store. Alla fine, tuttavia, Apple ha effettivamente preso anche meno di quello, e ora prende solo il 30% per il primo anno di abbonamento e il 15% per gli anni successivi.

Probabilmente avrebbe potuto fare più male che bene ad Apple se avesse portato a termine quel piano. Sebbene fosse già una forza con cui fare i conti anche allora, il nascente ecosistema di iPhone avrebbe potuto essere danneggiato da quella che sarà facilmente vista come un avido arraffare i profitti. Anche il taglio del 30% per gli abbonamenti è stato contestato in modo aggressivo da artisti del calibro di Spotify e sta causando a non finire grattacapi legali ad Apple.

La ripartizione delle entrate 70/30 è sempre stata controversa e, fino a poco tempo fa, è stata semplicemente accettata come lo status quo. Con le critiche vocali provenienti da artisti del calibro del CEO di Epic Games Tim Sweeney e, ora, le indagini anti-trust, la situazione potrebbe cambiare presto. Da parte sua, Tim Cook di Apple sottolinea che non solo ha effettivamente ridotto il taglio delle entrate, ma l’84% delle app sul suo App Store non le paga nemmeno un centesimo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *