Oggi WhatsApp ha annunciato che “WhatsApp supporta più di due miliardi di utenti in tutto il mondo”. La società ha suggerito che questo limite massimo è stato raggiunto oggi – 12 febbraio 2020, dopo aver raggiunto un livello altrettanto importante nel gennaio del 2018. WhatsApp non ha detto specificamente di avere “utenti mensili” in questo importo, ma “supporta” questo importo ad oggi. Potrebbe essere che questo marchio di 2 miliardi sia solo il download totale dell’app o la quantità di utenti che hanno inviato messaggi nell’ultimo anno, ma esploriamo altri numeri più solidi mentre otteniamo qualche conferma dal team di WhatsApp.

Se guardi WhatsApp Messenger su Google Play in questo momento, troverai oltre 104 milioni di recensioni. Ciò significa che ci sono molti, molti più utenti che hanno scaricato l’app. Google Play fornisce un numero leggermente più generale nelle loro “informazioni aggiuntive” pubbliche per l’app, in cui suggeriscono che WhatsApp ha oltre 5 miliardi di installazioni.

WhatsApp Messenger nell’App Store di Apple per iPhone e iPad ha oltre 6,7 milioni di valutazioni. WhatsApp ha riferito che il suo numero di utenti attivi mensili nel dicembre del 2017 ha raggiunto 1,5 miliardi. La soglia del miliardo è stata raggiunta a febbraio 2016. Hanno molti utenti, in ogni caso. WhatsApp è in servizio da così tanto tempo che hanno iniziato a dover interrompere il servizio per i vecchi telefoni.

Se dai un’occhiata all’articolo La monetizzazione di WhatsApp è qui, potrai dare un’occhiata più da vicino a come questa enorme crescita viene gestita dalla società di proprietà di Facebook. Nel gennaio del 2020, sembrava che il controverso piano pubblicitario menzionato fosse andato per sempre. Incrocia le dita che è bloccato! Oppure usa semplicemente il dito per accedere.

Nel dicembre del 2019, WhatsApp ha ricevuto un aggiornamento per le chiamate vocali per utenti di ogni tipo. Poche settimane dopo, l’aggiornamento di WhatsApp Dark Theme ha reso l’intera app un po’ più facile per gli occhi.

Cronologia della storia

Leave a Reply