Indie Game Revolution cattura lo spirito innovativo e fantasioso dei videogiochi emergenti.

Immagine: Foto per gentile concessione di Brady Harvey/EMP Museum

Poiché i videogiochi sono diventati un grande business, sono arrivati ​​a rispecchiare gli aspetti preoccupanti più comunemente realizzati nell’industria cinematografica. Sempre più, è tutto incentrato sul franchise di successo (Grand Theft Auto V ha generato oltre $ 815 milioni di dollari nelle prime 24 ore dalla sua uscita nel 2013) e i principali studi di gioco ed editori producono sequel dopo sequel (dobbiamo veramente bisogno di un altro Call of Duty o Assassin’s Creed?). A causa dell’omogeneità al vertice, gran parte della creatività del settore negli ultimi tempi è arrivata da piccoli sviluppatori indipendenti. Indie Game Revolution all’EMP mette in mostra una collezione a rotazione di 20 delle migliori offerte della scena dei giochi indie negli ultimi anni in una mostra interattiva che è sia informativa che avvincente.

Certo, le aspettative per Indie Game Revolution erano basse dopo l’ultima mostra di videogiochi di EMP: la mostra The Art of Video Games di Smithsonian nel 2013. Ad essere sinceri, The Art of Video Games è stata la peggiore mostra museale che abbia mai visto visto. Era essenzialmente solo una raccolta di video storici asciutti sugli schermi negli armadietti. Ha mostrato una totale mancanza di comprensione di cosa siano i videogiochi. L’interattività era quasi inesistente. (Voglio dire, chi vorrebbe giocare ai videogiochi in una mostra di videogiochi? Oh tutti? Tutti.) Non solo era freddo, distaccato, superficiale e insensibile, era insopportabilmente noioso. Sembrava creato da persone che non avevano mai preso in mano un controller prima. Per fortuna, Indie Game Revolution offre l’esperienza completamente opposta.

Innanzitutto, i visitatori possono effettivamente giocare a tutti i giochi di Indie Game Revolution. Ogni gioco presenta una schermata di accompagnamento che fornisce le basi del gioco in poche brevi frasi e include informazioni su quante persone hanno realizzato il gioco (da un creatore solitario a squadre modeste di 15). La selezione in mostra cattura alcuni degli elementi chiave di ciò che rende speciale il gioco indie. Le limitazioni possono spesso alimentare la creatività, e questo è certamente il caso qui. Senza i budget, il personale e le capacità grafiche degli studi AAA, questi creatori trovano altri modi per distinguersi.

Un’opzione è concentrarsi sulla narrazione. Andato a casa mette i giocatori nella loro vecchia casa, misteriosamente vuota, e li costringe a vagare per le stanze nel tentativo di mettere insieme la trama attraverso indizi sparsi. (È difficile descrivere troppo senza rivelarlo, ma Andato a casa è probabilmente la migliore narrazione che abbia mai sperimentato in qualsiasi mezzo di intrattenimento negli ultimi anni. Gioca.)

Un’altra opzione è quella di abbracciare l’inferiorità grafica e attingere a un’estetica retrò. Giochi come il platform di ritorno al passato Pala Cavaliere essenzialmente basta prendere ciò che i giocatori amavano dall’era del Nintendo Entertainment System (NES) per creare una nuova avventura. (C’è una certa ironia nel fatto che Nintendo sia lo sponsor di Indie Game Revolution, considerando che Nintendo è stata a lungo la peggiore console principale nel supportare e dare una piattaforma agli sviluppatori indie.) I vecchi stili possono anche essere trasformati in nuovi formati. centrato può sembrare una sorta di circolare Tetris,ma in realtà è un puzzle game costruito attorno alla struttura di una canzone, in cui i giocatori imparano quasi inconsciamente la teoria musicale.

Un altro aspetto evidenziato da Indie Game Revolution è la varietà di modi di giocare offerti da questi giochi. Un titolo come l’avventura punta e clicca Età spezzata funziona anche sul touch screen dell’iPad come su un PC (e probabilmente meglio di quanto non faccia su PlayStation 4). Il titolo Tenya Wanga Adolescenti offre un’esperienza arcade retrò che può essere vissuta solo con la sua gamma di dozzine di pulsanti circolari che cambiano colore per far rimanere i giocatori nitidi.

Un altro aspetto evidenziato da Indie Game Revolution è la varietà di modi di giocare offerti da questi giochi. Un titolo come l’avventura punta e clicca Età spezzata funziona anche sul touch screen dell’iPad come su un PC (e probabilmente meglio di quanto non faccia su PlayStation 4). Il titolo Tenya Wanga Adolescenti offre un’esperienza arcade retrò che può essere vissuta solo con la sua gamma di dozzine di pulsanti circolari che cambiano colore per far rimanere i giocatori nitidi.

Il design della mostra è di prim’ordine, rendendo il vagare tra i giochi come camminare in un colorato paese delle meraviglie pixelato. Le pareti presentano grandi suddivisioni degli aspetti essenziali del mondo dei giochi indie (distribuzione digitale, crowdfunding, sound design, sviluppo di giochi nel suono di Puget, ecc.) Che sono altamente informativi per i principianti senza mai sentirsi denso. Come The Art of Video Games ci sono display video, ma invece di noiose panoramiche del passato dei giochi, presentano interviste con le persone che hanno realizzato i giochi. Esprimono storie personali e traboccano di giubilante passione per il mezzo. Indie Game Revolution ha ragione. La mostra cattura il senso di creatività innovativa, semplicità casual e spirito adolescenziale dei videogiochi. I visitatori potrebbero letteralmente passare ore a turno a ogni titolo in mostra (e si spera di trovare alcuni preferiti da acquistare quando tornano a casa). Sì, è informativo. Ma soprattutto, è divertente.

Il design della mostra è di prim’ordine, rendendo il vagare tra i giochi come camminare in un colorato paese delle meraviglie pixelato. Le pareti presentano grandi suddivisioni degli aspetti essenziali del mondo dei giochi indie (distribuzione digitale, crowdfunding, sound design, sviluppo di giochi nel suono di Puget, ecc.) Che sono altamente informativi per i principianti senza mai sentirsi denso. Come The Art of Video Games ci sono display video, ma invece di noiose panoramiche del passato dei giochi, contengono interviste con le persone che hanno realizzato i giochi. Esprimono storie personali e traboccano di giubilante passione per il mezzo. Indie Game Revolution ha ragione. La mostra cattura il senso di creatività innovativa, semplicità casual e spirito adolescenziale dei videogiochi. I visitatori potrebbero letteralmente passare ore a turno a ogni titolo in mostra (e si spera di trovare alcuni preferiti da acquistare quando tornano a casa). Sì, è informativo. Ma soprattutto, è divertente.

Rivoluzione dei giochi indieOra in mostra, EMP, $ 18- $ 22

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *