Una famiglia del Massachusetts sta onorando le vittime del coronavirus in modo patriottico. La famiglia Labbe di Grafton ha in programma di piantare piccole bandiere statunitensi nel loro cortile per ogni persona nello stato che muore a causa del virus.

Attualmente, la famiglia Labbe ha 8.013 bandiere nel cortile. Melissa Labbe, uno dei figli della famiglia, ha parlato del tributo. “Le persone sono morte in ospedale senza famiglie intorno, quindi volevamo solo restituire loro”, ha detto Melissa Boston 25 Notizie.

Con così tante bandiere nel cortile, il cortile di Labbes sta diventando sempre più affollato ogni giorno. “Speriamo che non vada troppo avanti, ma potrebbe essere necessario”, ha detto Melissa.

Oltre a onorare le vittime, i Labbe vogliono rendere omaggio agli operatori sanitari. La famiglia ha affisso un’enorme targa nel cortile in cui ringrazia gli uomini e le donne in prima linea, compresi i medici, gli infermieri e i primi soccorritori. La famiglia li definisce gli eroi della pandemia.

Persone provenienti da tutto lo stato del Massachusetts si recano a casa di Labbes per vedere le bandiere in mostra. Tuttavia, la famiglia richiede che i visitatori pratichino il distanziamento sociale.

Un visitatore, Janice Norsigian, ha detto di aver perso un cognato a causa del coronavirus. “Penso che sia bello per loro affrontare la fatica di farlo per onorare tutti”, ha detto Norsigian.

Il padre della famiglia Labbe, Michael Labbe, ha parlato di ciò che sperava sarebbe successo durante la pandemia. “Lo credevo davvero [the virus] ci unirebbe”, ha detto. “Non solo come vicini di casa. Non solo come famiglia. Ma come paese e come mondo ci uniremmo. E guarda dove siamo oggi. Siamo proprio l’opposto. Non dobbiamo vederci negli occhi, ma dovremmo rispettarci e onorarci a vicenda. La vita umana alla fine della giornata.

Come milioni di altri, la famiglia Labbe ha subito un duro colpo finanziario durante la pandemia. Tuttavia, rifiutano le donazioni nonostante il tributo costi migliaia di dollari.

[H/T Fox News]

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *