Potresti pensare che gli attori marito e moglie Jill Eikenberry e Michael Tucker si siano incontrati e si siano innamorati sul set della premiata serie di Steven Bochco LA legge,dove hanno interpretato Ann Kelsey e Stuart Markowitz, ma tu saresti molto sbagliato. In effetti, Tucker ed Eikenberry si erano sposati tredici anni prima, nel 1973, dopo essersi incontrati sul palco in diversi spettacoli nei primi anni ’70. Da allora sono stati felicemente sposati e sono stati parte integrante della serie rivoluzionaria, la cui prima stagione finalmente arriva oggi in DVD per gentile concessione di Shout! Fabbrica. Parata si è seduto con Eikenberry e Tucker per discutere LA legge,lavorare insieme durante il matrimonio e la lotta pubblica di Eikenberry contro il cancro al seno.

Di cosa pensi che si trattasse LA legge che l’ha resa un punto di contatto culturale e così duraturo?Jill Eikenberry: penso [it was] quelle cose innovative che Steven Bochco ha ideato e con cui ha iniziato Hill Street Blues-avere tre trame in ogni episodio, quindi almeno una di esse era probabilmente piuttosto drammatica con domande che esplorano l’anima e cose serie interessanti, e poi almeno una era molto divertente, e spesso era un umorismo oscuro. Penso che sia stato una sorta di pioniere dell’idea di avere più di una storia. Inoltre, qualcuno ha detto anni fa che il posto di lavoro è un terreno davvero fertile per un buon spettacolo perché le persone sono così interessate ad esso che risuona con tutti. L’ordine gerarchico. Le gerarchie.

Michael Tucker: È tutta la cosa del piano di sopra, del piano di sotto, simile a qualcosa del tipo Downton Abbey.

Pensi che lo spettacolo abbia fissato l’asticella per tutti i drammi e le procedure processuali che vediamo in TV oggi?Michael Tucker: Penso che lo abbia fatto totalmente. Avevamo tre avvocati che scrivevano lo spettacolo, e sapevano di cosa stavano parlando, quindi c’era un senso di una vera situazione legale. Drammatizzato, ovviamente.

Jill Eikenberry: E tutti i personaggi avevano debolezze. Tutti i personaggi avevano i loro punti di forza e le loro debolezze, e molte volte le loro debolezze erano molto divertenti. È stato davvero divertente perché penso che la gente avrebbe iniziato a dire, a un certo punto, “Oh, mi chiedo come reagirà Douglas Brackman a questo!” [Laughs] Sarebbero stati coinvolti e avrebbero avuto i loro personaggi preferiti.

Jill Eikenberry e Michael Tucker in LA legge (Per gentile concessione di Shout! Factory)

Ognuno aveva i suoi personaggi preferiti e li seguiva religiosamente.Jill Eikenberry: Esattamente. Abbiamo avuto molti la gente ci dice, nel corso degli anni, che il fatto che io fossi più alto di Mike era una cosa così importante per la loro relazione perché non si sentivano bene per il fatto che la moglie fosse più alta del marito finché non ci vedevano nello show . Cose del genere significavano molto per le persone.

Michael Tucker: quando LA legge ha debuttato, c’è stata una recensione molto positiva dal Washington Post che ha detto, verso la fine, “L’unica cosa che non credevo era che non c’era modo quella donna [Eikenberry’s character] andrebbe per quel ragazzo.” [Laughs] E così Bochco ha risposto al critico e lo ha ringraziato per la recensione e ha detto: “Passerò i tuoi commenti al signor e alla signora Tucker, che sono sposati da quindici anni”. [Laughs]

Vi siete conosciuti e sposati molto prima di questo spettacolo ed eravate in scena Hill Street Blues anche insieme. Com’è stato lavorare insieme nello show?Jill Eikenberry: Non avevamo mai lavorato insieme prima Hill Street Blues. So che Mike aveva sempre interpretato l’attore caratterista e io ero sempre l’ingenua quindi non eravamo nelle stesse scene, anche se eravamo nella stessa commedia insieme. Quindi non sapevamo se ci sarebbe piaciuto. Molte persone non farlo piace lavorare con i loro coniugi perché non hanno abbastanza prospettiva, ma Bochco ci ha chiesto di farlo Hill Street Blues episodio in due parti come coppia. Pensiamo che lo stesse davvero testando per vedere come eravamo sullo schermo come coppia. Si è scoperto che ci è piaciuto. Mike ha detto che era come barare.

Michael Tucker: L’ho guardata negli occhi e tutto quello che il personaggio avrebbe dovuto provare, l’ho sentito. Era troppo facile. beh, no pure facile. È stato fantastico!

Jill Eikenberry: E mi sentivo come se fossi in un atto di trapezio dove sapevo che il ricevitore mi avrebbe preso, così ho potuto provare il triplo. Mi sentivo come se lavorare con Mike mi avesse reso più coraggioso perché avrebbe risposto a me. Penso che Bochco l’abbia visto e gli ha fatto venire voglia di scrivere questi personaggi [on LA Law] per noi.

È così bello perché è piuttosto raro da vedere.Jill Eikenberry: C’erano anche cose che non erano così buone. Se Ann e Stuart stavano avendo una grande e continua lite, era difficile non portare a casa un po’ di quell’energia. Quella stagione in cui stavamo cercando di adottare un bambino e c’era così tanta tensione a riguardo, lo sentivamo.

In retrospettiva, essere in grado di condividere quel legame rende i ricordi dello spettacolo molto più dolci?Michael Tucker: Assolutamente. È stato fantastico poter corteggiare di nuovo mia moglie, innamorarmi di nuovo di lei e sposarla di nuovo. Penso che sia stata un’opportunità straordinaria per noi.

Jill Eikenberry Per gentile concessione di Shout!  Fabbrica
Jill Eikenberry (Per gentile concessione di Shout! Factory)

Entrambi avete ricevuto diverse nomination agli Emmy. Di cosa sei più orgoglioso del tuo lavoro nello show?Jill Eikenberry: Ho adorato il fatto che Ann sia diventata un tale simbolo per molte donne. Non c’erano molte donne che perseguivano aggressivamente le loro carriere, e lei era dura. Non è sempre stata solo una brava ragazza. A volte ha oltrepassato i limiti. Ha commesso errori. Era così appassionata di ciò in cui credeva, e a volte questo non funzionava a suo favore. A un certo punto il mio agente ha detto che ero l’attore più ricercato che gestiva per parlare in pubblico di questioni femminili. È stato fantastico. Credo di aver capito il potere della televisione. Ma una delle cose che ha fatto è stata darmi un forum per quando volevo rendere pubblico il mio cancro al seno. Sono stato in grado di ottenere un documentario sulla NBC in prima serata [Destined to Live] dove abbiamo intervistato oltre 100 donne che erano sopravvissute alla malattia e abbiamo finito per dare speranza a molte donne perché si sentivano come se non fossero sole quando è stata loro diagnosticata. È stata una cosa enorme, ed è stato grazie ad Ann Kelsey. Questo perché aveva il prestigio che aveva, quindi sono stato in grado di raggiungere un sacco di persone. È stato stupefacente.

Penso che tu abbia aperto la strada a persone come Robin Roberts e Kathy Bates, che negli ultimi anni hanno raccontato le loro storie di cancro.Michael Tucker: L’ha fatto davvero. Non era la prima. Penso che forse Betty Ford sia stata la prima persona conosciuta a diventare pubblica. Betty Ford era una donna straordinaria.

Jill Eikenberry: Buon Rockefeller anche tu.

Michael Tucker: Giusto. E poi Jill. Lo stigma era ancora molto forte e nessuno voleva parlare di una cosa del genere. All’epoca avevamo un addetto stampa che disse a Jill: “Non farlo. Sarebbe un suicidio professionale se lo rendessi pubblico”. Ma l’ha fatto comunque, e abbiamo licenziato l’addetto stampa. Non ha affatto danneggiato la sua carriera. Lo ha aiutato, in un modo divertente.

LA Law: La prima stagione completa arriva oggi in DVD!  Per gentile concessione di Shout!  Fabbrica
LA Law: la prima stagione completa arriva oggi in DVD! (Per gentile concessione di Shout! Factory)

Come pensi sia cambiata la visione del pubblico sulla malattia nel corso degli anni?Jill Eikenberry: Tremendamente. Penso che sia molto meno solitario per le donne a cui viene diagnosticata ora, e molto meno terrificante perché ci sono così tante donne che sono sopravvissute e sono diventate pubbliche e ne hanno parlato. Penso che molte donne sappiano davvero che non è necessariamente una condanna a morte. Penso che molte più donne stiano attenti, controllandosi e facendo mammografie. È fuori dall’armadio in molti modi, e penso che faccia un’enorme differenza. Sfortunatamente, la cura per il cancro al seno non è con noi, quindi non siamo ancora arrivati, ma c’è molto meno mistero, oscurità e stigma sulla malattia, ed è meraviglioso.

LA Law: la prima stagione completa arriva in DVD il 25 febbraio.

Anche su Blu-ray e DVD questa settimana:

  • I 300 Spartani
  • Sopra ogni sospetto: Set 3
  • Adventure Time: la terza stagione completa
  • Il blu è il colore più caldo: Criterion Collection
  • Caillou: Le avventure nel giardino di Caillou
  • Il Crash Reel
  • Il vicinato di Daniel Tiger: i grandi sentimenti di Daniel
  • Il vicinato di Daniel Tiger: piccole lezioni di vita
  • Ghost Adventures: Stagione 5
  • Gravità
  • Collezione Harry Potter Hogwarts
  • Soldati di ghiaccio
  • Mama’s Family: la terza stagione completa
  • Al centro: quarta stagione
  • Signor nessuno
  • banchi di muscoli
  • Nebraska
  • Peep e il grande mondo: Diva Duck
  • Piccoli omicidi di Agatha Christie Set 1
  • Tirando le stringhe
  • La principessa dei cigni: una storia di famiglia reale
  • L’ombra: edizione da collezione
  • Thor: Il Mondo Oscuro
  • Nato due volte
  • The Waltons: le stagioni complete 1 e 2
  • Wild Kratts: In fuga
  • Il vincitore prende tutto

Videogiochi in uscita questa settimana:

  • Castlevania: Lords of Shadow 2 (PS3, Xbox 360, PC)
  • Magus (PS3)
  • Plants vs. Zombies: Garden Warfare (Xbox One, Xbox 360)
  • Tales of Symphonia Chronicles (PS3)
  • Ladro (PS4,Xbox One,PS3,Xbox 360,PC)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *