Abbiamo tutti pensato a caso a una canzone che vorremmo riascoltare se potessimo ricordare il titolo, l’artista o anche qualche testo da cercare. Google è qui per aiutare con questo sforzo introducendo il supporto ronzio su Ricerca Google, consentendo al suo motore di ricerca di cercare brani basati su nient’altro che l’utente che canticchia la parte della canzone che riesce a ricordare. Oltre al canticchiare, la funzione supporta anche il canto e i fischi nell’app.

Abbiamo tutti pensato a caso a una canzone che vorremmo riascoltare se potessimo ricordare il titolo, l’artista o anche qualche testo da cercare. Google è qui per aiutare con questo sforzo introducendo il supporto ronzio su Ricerca Google, consentendo al suo motore di ricerca di cercare brani basati su nient’altro che l’utente che canticchia la parte della canzone che riesce a ricordare. Oltre al canticchiare, la funzione supporta anche il canto e i fischi nell’app.

La nuova funzione è esattamente come sembra: puoi avviare Ricerca Google, toccare una nuova opzione per cercare una canzone, quindi iniziare a fischiare, canticchiare o cantare la melodia mentre Google ascolta. Il software dell’azienda analizzerà l’audio che hai fornito, quindi proporrà una canzone che potrebbe essere quella che stai cercando.

Google ha dimostrato la funzionalità in un nuovo video, fornendo esempi del tipo di ronzio e fischi che può essere utilizzato per cercare le canzoni – suggerimento: non ci vuole molta abilità per fornire un suono adeguato. Poiché il processo non è perfetto, tuttavia, gli utenti possono aspettarsi di vedere un elenco di potenziali corrispondenze con una percentuale che mostra la probabilità che la canzone sia quella che stanno cercando.

La funzione è disponibile a partire da oggi, 15 ottobre, secondo un nuovo post sul blog di Google. L’azienda spiega che gli utenti possono accedere al widget Ricerca Google e alle app iOS/Android. Dovrai fornire da 10 a 15 secondi di audio per consentire all’Assistente Google di cercare efficacemente i brani e, come ti aspetteresti, puoi chiedere all’assistente “Che canzone è questa?” per cercare invece di toccare il pulsante.

Lo strumento attualmente supporta più di 20 lingue, almeno se sei un utente Android, con la società che spiega che amplierà questo supporto in futuro. Google afferma che questa nuova funzionalità è resa possibile dai suoi sforzi di ricerca sull’intelligenza artificiale, in particolare nel campo della tecnologia di riconoscimento musicale.

Cronologia della storia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *