Il cast di bazzooka.

Immagine: per gentile concessione di Danny Denial

Nella serie in streaming bazzooka, che è stato presentato in anteprima la scorsa notte su YouTube, uno stato di polizia di Seattle impone il coprifuoco alle 18:00, per gentile concessione di un sindaco che è sposato con un amministratore delegato della tecnologia locale (“il miliardario che ha inventato il vivavoce, l’auto, lo shopping online”). Quindi un contingente dei punk guidati dai neri sta scendendo in strada e resiste. Ma tutto qui è un affine: il sindaco, interpretato da Andrea Hays (Heidi di Cime gemelle), non è Jenny Durkan. La società è Tundra, non Amazon o Microsoft. E l’anno, se vogliamo ancora delimitare annualmente questa sospensione temporale, è il 2022.

Ci sono un paio di ragioni per questo mondo alternativo, dice Danny Denial, che ha scritto e diretto lo spettacolo (potresti conoscere Denial come il musicista dietro l’album dell’anno scorso Fanculo Danny Negazione nonché membro della band Dark Smith). Perché anche altre persone sono affiliate – Eva Walker dei Black Tones interpreta la protagonista, una musicista che è appena tornata a Seattle dopo aver perso il contatto con la sua scena – La negazione non voleva andare direttamente contro le istituzioni locali e potenzialmente danneggiare la carriera di qualcuno . MabazzookaLa città specchio di ‘s effettua anche una distanza contemplativa, permettendo agli spettatori di rimuovere alcune delle loro associazioni e invitando all’empatia. Secondo lui “può aiutare le persone che sono un po’ indecise o che non sempre capiscono, sai, perché le persone prendono di mira organizzazioni come questa ?”

La negazione pensa che la serie web, e il mezzo televisivo in generale, sia un ottimo modo per raggiungere una vasta gamma di persone. Lo spettacolo è creato da e parla di artisti LGBTQ, neri e persone di colore. “Guardi qualcosa come l’America centrale che comprende ed empatizza con la comunità queer e quanto la televisione sia stata una grande sostenitrice di ciò”, dice Denial. E poiché lo spettacolo è su YouTube gratuitamente, quella comunicazione può essere immediata, diretta e accessibile.

bazzooka è una sorta di sequel di un lungometraggio,Uccidimi a morte, che Denial ha realizzato nel 2017. Ma il film ha trascorso quasi due anni in post-produzione prima di essere presentato in anteprima nel 2019. Poi: le proiezioni al festival, la ricerca della distribuzione. “L’unica linfa vitale che mi sentivo davvero di avere era nelle proiezioni locali, ma nel 2020 se ne sono andate”. Con una serie web, potrebbero lavorare velocemente e controllare come e quando gli episodi vengono rilasciati.

Dopo aver sognato la serie la scorsa estate in mezzo a “questo tipo surreale di inferno da incubo in cui ci siamo trovati”, dice Denial, hanno ottenuto circa il 60 percento del piccolo budget attraverso aGoFundMe e hanno filmato cinque dei primi sette episodi prima che il blocco di novembre venisse interrotto produzione. (Anche se una pandemia non fa parte dello spettacolo, hanno integrato le maschere nella storia e hanno escogitato soluzioni per filmare il resto in sicurezza, incluso un composto di tre diverse riprese.) Il piano in questo momento è rilasciare almeno il primo tre puntate mensili, che in parte danno tempo all’attuale ondata di Covid di placarsi.

Per molti versi, l’immediatezza dell’approccio al web è qualcosa con cui la negazione e molti membri del cast e della troupe hanno familiarità poiché hanno autoprodotto musica tramite piattaforme come Bandcamp e Soundcloud. “L’idea è solo quella di farlo uscire il più lontano possibile in modo da avere persone che risuonano con esso, e poi forse rimetteranno quel dollaro”. Venderanno merchandising come magliette, maschere per il viso e la colonna sonora tutta nera dello show.

E che colonna sonora sarà. Insieme alla musica originale per lo spettacolo di Denial, Walker e Cozell Wilson (di Beverly Crusher), ci sono canzoni di King Youngblood, Shaina Shepherd (di Bearaxe), Black Ends, DoNormaal e altri. Ogni episodio si conclude con una performance (a la Cime gemelle); la prima presenta l’eccellenza perpetua di Ex-Fioraio (ex Guayaba), sul palco del Central Saloon.

Leave a Reply