Più di questo.

Immagine: Shutterstock/Veja

Seattle ne ha ricevuto uno un bel campanello d’allarme sabato. Ben prima dell’ora del brunch, e dopo giorni di conteggio dei voti e false affermazioni del repubblicano in carica Donald Trump, la CNN e l’Associated Press hanno dichiarato il democratico Joe Biden il vincitore delle elezioni presidenziali del 2020. La nostra città prevalentemente liberale ha reagito alla notizia come ci si aspetterebbe. Gli abitanti di Seattle con gli occhi annebbiati suonavano campanacci e stoviglie dalle loro verande e balconi, mescolando grida di gioia con lacrime vere. Questo video della celebrazione della rappresentante degli Stati Uniti Pramila Jayapal riassume tutto:

A poco a poco i festaioli migrarono in strada. Feste da ballo improvvisate scoppiarono ovunque, da Capitol Hill a West Seattle. I pedoni invitavano le auto a suonare il clacson e sventolavano bandiere americane dopo aver sopportato quattro anni di un’amministrazione determinata a macchiare qualsiasi forma di patriottismo. La città non sarebbe sfuggita al fine settimana senza una tragedia: un uomo di 31 anni, MarQuies Demone Patterson, è stato ucciso vicino a Cal Anderson Park dopo i festeggiamenti. Ma molti ricorderanno il sabato come un giorno di rinascita. Di sollievo.

Non era certo la prima volta che gli abitanti di Seattle occupavano le strade negli ultimi mesi. Da giugno, gli attivisti hanno suonato il tamburo per la giustizia razziale durante marce e proteste, e quei canti di dissenso continuerannomentre Biden entra in carica. Ma l’effusione percussiva di questo fine settimana ha evocato una causa diversa, che è svanita quasi senza preavviso mentre le proteste di Black Lives Matter sono aumentate quest’estate.

Per settimane, i residenti della città hanno fatto un “rumore gioioso” ogni notte per sostenere i lavoratori in prima linea durante la pandemia di coronavirus. Quando l’Office of Arts & Culture di Seattle ha promosso per la prima volta l’idea alla fine di marzo, non sembrava probabile che prendesse piede; un sincero applauso suonava una città un po’ dissonantina nota per l’oscurità e il grunge. Abbastanza sicuro, però, è diventato un rituale, una dose quotidiana di connessione in un regno socialmente distante. La gente gridava parole di incoraggiamento, sbatteva pentole e padelle, attaccava cartelli alle finestre.

Forse perché i casi di Covid-19 sono diminuiti, forse perché i canti di protesta si sono amplificati, i rumori gioiosi a un certo punto sono spariti. Ma la pandemia non se n’è mai andata, e ora infuria per la terza volta. I cinque conteggi più alti di casi di coronavirus a Seattle si sono verificati tutti negli ultimi cinque giorni. Anche i recenti conteggi a livello di contea e stato hanno battuto i record. Sebbene i tassi di ospedalizzazione e mortalità non siano ancora aumentati, è possibile che le capacità ospedaliere vengano testate ancora una volta quest’inverno, soprattutto se altre aree dello stato non sono in grado di gestire le sovratensioni e devono inviare i casi da noi. L’ufficiale sanitario di Public Health-Seattle e King County Jeff Duchin è tornato a emettere citazioni spaventose, chiedendo un “riavvio del Covid-19”. Fondamentalmente, siamo di nuovo ad aprile, tranne che questa volta sta diventando più buio e più freddo.

Motivo in più per cui Seattle dovrebbe riportare la sua forma più clamorosa di sostegno ai lavoratori essenziali e, meno esplicitamente, a vicenda. Sappiamo che questo inverno sarà duro; dovremmo cercare un modo per risollevarci il morale. Un po’ più di campanaccio non può far male.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *