Il corpo meno che premium del Pixel 4a normalmente implica un telefono meno che robusto. Al rialzo, questo di solito significa un telefono che è anche facile da aprire e riparare. Se il Pixel 3a fosse qualcosa da seguire, iFixit è silenzioso, o dovremmo dire ispirato ad ASMR, lo smontaggio dovrebbe essere semplice e senza incidenti. Sfortunatamente, dicono che l’aspetto può ingannare e il Pixel 4a rientra sicuramente in quella categoria, cullando i tecnici in un senso di sicurezza prima di far scattare le sue trappole per cavi per intrappolare i loro strumenti.

Inizia abbastanza semplicemente, qualcosa che il video di smontaggio quasi silenzioso cerca quasi di suggerire. iFixit ha scoperto che l’apertura del Pixel 4a è quasi come il Pixel 3a. È necessario pochissimo calore per sollevare il display dal resto del corpo e il cavo del display singolo attende di essere scollegato con cura prima di svitare il telaio centrale.

Questo, tuttavia, è dove finiscono le somiglianze. iFixit osserva che, a differenza del Pixel 3a, la scheda madre del Pixel 4a si stacca effettivamente con il midframe. Ma, cosa più importante, a quanto pare ci sono un certo numero di cavi sottili che devono essere prima staccati, ma non prima di aver rimosso con cura una schermatura metallica per poterli staccare in primo luogo.

Il resto dello smontaggio, fortunatamente, procede in pace (e relativo silenzio, ovviamente). La batteria aveva bisogno di un po’ di persuasione con un po’ di alcol, ma ironia della sorte aveva anche delle cinghie adesive nascoste sotto che avrebbero dovuto renderlo più facile da rimuovere. Ovviamente Google, come tutti i produttori di telefoni, è comunque contrario a tale rimozione.

iFixit non ha ancora assegnato un punteggio al Pixel 4a ma, se vogliamo indovinare, avrebbe un punteggio inferiore al 6 del Pixel 3a, forse un 4 su 10. La rimozione dello schermo iniziale potrebbe essere stata relativamente facile, ma Google sicuramente non l’ha fatto ‘t fare il resto della costruzione allo stesso modo.

Cronologia della storia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *