Il Nexus 5 potrebbe essere il telefono Google di cui si parla di più dopo il Nexus One originale? Settimane di perdite, il culmine di mesi di speculazioni e Google ha finalmente annunciato la sua quinta generazione di hardware self-branded – con un piccolo aiuto da parte di LG, ovviamente – insieme ad Android 4.4 KitKat questa settimana. Il Nexus 4 ha fatto scalpore con il suo cartellino del prezzo non sovvenzionato inferiore a $ 300, sebbene il Nexus 5 non riesca a scivolare sotto quell’importantissima barriera mentale, il modello da 16 GB (esaurito) a partire da $ 349. Tuttavia, è ancora un affare e ora supporta LTE, molto mancato rispetto al suo predecessore. Continua a leggere per alcune prime impressioni.

LG potrebbe aver realizzato sia il quarto che il quinto Nexus, ma i due telefoni hanno una sensazione sorprendentemente diversa nella mano. Considerando che il Nexus 4 è una lastra di vetro con bordi arrotondati, il Nexus 5 punta a una sensazione più nitida, abbandonando il pannello posteriore in vetro – controverso e spesso facilmente rotto – del suo predecessore, a favore di plastica morbida al tatto e angoli nitidi.

La parte anteriore è un’unica lastra di vetro, perforata solo da un adorabile auricolare a forma di oblò. Ha le cornici dello schermo strette dell’LG G2, così come una fotocamera frontale che è sfalsata a destra della cornice superiore. Un pulsante di accensione/standby piacevolmente nitido e tattile e un bilanciere del volume si trovano rispettivamente sui bordi destro e sinistro, con un jack per cuffie in alto e una porta microUSB più due altoparlanti sul bordo inferiore.

nexus_5_hands-on_sg_11

nexus_5_hands-on_sg_11

Se abbiamo una lamentela, è che sebbene il Nexus 5 sia solido, non sembra esattamente premium. In effetti, abbiamo lamentele simili a quelle del Moto X: è robusto, ma manca del fascino metallico di qualcosa come HTC One o iPhone 5s. Il rivestimento soft-touch sul retro è aderente ma una vera calamita per il grasso, che rileva le impronte non appena l’abbiamo tirato fuori dalla scatola, mentre la sporgente fotocamera da 8 megapixel deve stare orgogliosa del telefono per accogliere la stabilizzazione ottica dell’immagine (anche se abbiamo la sensazione che sia un compromesso con cui saremo disposti a convivere, visti i vantaggi che l’OIS porta alla fotografia mobile.

nexus_5_hands-on_sg_4

nexus_5_hands-on_sg_4

Il lato positivo della plastica è che è leggero e, con i suoi 130 g, il Nexus 5 non mette a dura prova la mano. All’interno c’è una batteria da 2.300 mAh, più piccola di quella che abbiamo visto da alcuni telefoni recenti e più grandi; LG e Google hanno optato per la moderazione e hanno optato per un eccellente LCD IPS 1080p da 5 pollici, che ha colori vividi, grande luminosità ed è felicemente protetto da una lastra di Gorilla Glass 3.

Ovviamente, l’hardware del Nexus 5 stesso è probabilmente solo una nave per il software: vale a dire, Android 4.4 KitKat. Altrettanto noto, l’ultima versione del sistema operativo di Google porta Google Now in primo piano, aggiungendo la possibilità di attivare le ricerche vocali direttamente dalla schermata principale semplicemente dicendo “OK Google”, molto simile al comando “OK Google Now” sul Moto X.

A differenza del trucco da festa sempre in ascolto del Moto X, tuttavia, il Nexus 5 lo salva esclusivamente per quando il telefono è sbloccato e sulla schermata iniziale. Se sei in un’app o il telefono è inattivo e bloccato sulla scrivania, puoi urlare quanto vuoi ma non risponde.

Nel frattempo, l’interfaccia familiare basata su schede di Google Now, che mostra informazioni contestuali come attrazioni vicine e indicazioni sui trasporti pubblici, nonché informazioni estratte dal calendario e dalla posta elettronica, ora ha un riquadro della schermata iniziale dedicato su cui vivere, accessibile scorrendo fino a la sinistra. È un ulteriore segno di ciò di cui Google ha parlato in termini di spingere il contesto in primo piano ed essere più proattivo che reattivo nel modo in cui fornisce informazioni, ed è probabile che Google Now ottenga più utenti rispetto al vecchio (e ancora funzionante) verso l’alto scorrere dal tasto home.

nexus_5_hands-on_sg_12

nexus_5_hands-on_sg_12

Anche Hangouts è stato portato alla ribalta, non più solo un client di messaggistica istantanea, ma ora si occupa di SMS e MMS in KitKat. La fusione tra questi è sensata, anche se resta da vedere se i vettori o gli OEM confonderanno le acque aggiungendo invece le proprie app.

Altre modifiche includono una maggiore trasparenza dell’interfaccia utente e una fusione più pulita, come il modo in cui la barra di notifica in alto ora sfuma piacevolmente nello sfondo, riecheggiata in basso dai tasti sullo schermo. È anche fluido e reattivo, senza dubbio aiutato dal processore Qualcomm Snapdragon 800 da 2,26 GHz e dalla grafica Adreno 330.

nexus_5_hands-on_sg_3

nexus_5_hands-on_sg_3

Dovremo metterlo alla prova in qualche uso nel mondo reale prima della nostra recensione; fino ad allora, c’è di più sulle nuove aggiunte e modifiche in KitKat nella nostra guida completa.

C’è ancora molto da capire sul Nexus 5. Google ha avuto difficoltà con le fotocamere dei precedenti telefoni Nexus, anche se è desideroso di evidenziare la sua modalità HDR+ che promette di combinare il meglio di più scatti della stessa scena; è qualcosa che proveremo a fondo. Anche la durata della batteria è stata mista sul Nexus 4, quindi la longevità è un’altra area di particolare interesse. Nel complesso, tuttavia, è difficile non lasciarsi influenzare da quei prezzi competitivi, che danno a Google un vantaggio iniziale contro i rivali che improvvisamente iniziano a sembrare costosi per quello che ottieni.

Cronologia della storia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *