Mentre la strada era lunga e faticosa, la squadra di ginnastica femminile degli Stati Uniti ha dimostrato di poter lottare per un successo olimpico, portando a casa l’hardware per dimostrarlo.

Per coronare una settimana emotivamente difficile, la caposquadra Simone Biles è tornata alla grande, gareggiando nelle finali dell’evento alla trave, cosa che non era sicura avrebbe fatto.

“Sedersi una finale dopo l’altra e guardare i suoi compagni di squadra competere senza di lei è stata la parte più difficile di questi Giochi per Biles, che non è abituata a stare fuori a guardare dentro. Andando alle Olimpiadi, non aveva perso una competizione a tutto tondo dal 2013”, riporta il New York Times.

Per la sua esibizione, ha conquistato la medaglia di bronzo, una medaglia che, secondo lei, significa per lei più di tutte le altre.

“Significa più di tutti gli ori perché ho superato così tanto gli ultimi cinque anni e l’ultima settimana mentre ero anche qui”, ha detto Biles a Today’s Hoda Kotb. “È stato molto emozionante, e io’ Sono solo orgoglioso di me stesso e anche di tutte queste ragazze.”

Una conversazione sulla salute mentale è iniziata quando Biles si è ritirato dalle finali a squadre dopo aver gareggiato nel caveau. Durante il tentativo di ruotare di due torsioni e mezzo dopo il round di Yurchenko, Biles si è perso nell’aria. Ha finito per ruotare solo una volta e mezzo, atterrando in qualche modo in piedi.

L’atleta, nota in tutto il mondo per essere il volto della ginnastica, ha deciso di mettere la sua salute mentale prima delle gare.

Ginnastica fantastica

Oltre al bronzo, Biles porterà a casa l’argento per le finali a squadre. Tra i suoi Giochi di Rio 2016 e Tokyo, Biles ha vinto sette medaglie olimpiche, dimostrando di essere davvero la CAPRA.

Una forza da non sottovalutare, l’intera squadra di ginnastica femminile degli Stati Uniti ha mostrato la profondità della loro forza mentale. Ogni membro ha guadagnato una medaglia per la sua perseveranza.

“Tutte le ginnaste che hanno rappresentato gli Stati Uniti ai Giochi estivi del 2020, posticipati al 2021, hanno portato a casa medaglie. Carey e Skinner hanno vinto rispettivamente l’oro nel corpo libero individuale e l’argento al volteggio”, ha riferito oggi. Lee ha vinto il bronzo alle parallele asimmetriche e oro nell’all-around individuale. Biles, Chiles e McCallum hanno vinto tutti l’argento per la competizione a squadre. Quella medaglia e il bronzo di Biles l’hanno eguagliata per il maggior numero di medaglie olimpiche per una ginnasta americana.

Le straordinarie prestazioni di ogni atleta saranno ricordate e celebrate. Ogni membro ha mostrato una ginnastica straordinaria. La loro capacità di sostenersi a vicenda è ciò che è veramente notevole.

“Alla fine della giornata, non siamo solo atleti o intrattenimento”, ha detto Biles a Hoda Kotb. “Anche noi siamo umani, e abbiamo emozioni reali, e a volte non si rendono conto che abbiamo cose che accadono dietro le scene che ci colpiscono ogni volta che usciamo e gareggiamo.”

Alla fine delle Olimpiadi, la squadra americana può respirare facilmente. Per tutto quello che hanno passato negli ultimi anni nello sport della ginnastica, è tempo di festeggiare.

Mentre la carriera di Biles come ginnasta d’élite potrebbe essere agli sgoccioli, la sua eredità nello sport sarà di vasta portata.

“Lei è Simone Biles e significa tutto per lo sport”, ha detto Suni Lee al New York Times. “Se andrà in pensione, sarà super strano senza di lei”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *