Immagine: Meron Menghistab

Per Omari Salisbury, documentare una rivoluzione ha richiesto due cose: un vecchio iPhone rosso, e la demolizione ha guadagnato media funzionanti nell’Africa orientale e in tutto il mondo. Il padre di tre figli, cresciuto nel distretto centrale, era tornato nella sua città natale e aveva lanciato la sua società di media, Converge, oltre a un telegiornale mattutino per la comunità nera. Ma quando sono scoppiate le proteste in centro il 29 maggio, aveva solo un cellulare mezzo carico per trasmettere il tumulto. Nei mesi che seguirono, Salisbury lo consegnò crudo agli spettatori di tutto il mondo: i cori, la folla, i gas lacrimogeni, le sparatorie. La sua macchina fotografica era a pochi centimetri dal famigerato scippo dell’ombrello alla barricata di Capitol Hill. Un pacificatore naturale, Salisbury ha persino rivolto il suo obiettivo empatico alla polizia di Seattle nonostante la sua storia complicata; da adolescente lui e sua madre attivista hanno fatto causa per il suo trattamento da parte della SPD. Ridefinendo il giornalismo sul campo, Salisbury è diventato il principale testimone della storica stagione di protesta di Seattle.-AW


La prima notte sono andato in diretta, C’erano circa 60 persone che guardavano, il che è stato fantastico. Non so se mia madre è andata a prendere 60 telefoni o cosa [laughs]. La prossima cosa che so sono quattro, cinque, seimila persone sullo stream.

Non ho mai venduto nessuno dei miei filmati. Essendo di Seattle e amando Seattle, è più importante che venga raccontata la storia giusta, per ottenere la città che meritiamo, di quanto non lo sia per me fornire contenuti per il sensazionalismo.

Tutti quei giorni in cui ho pensato che la mia carriera si fosse esaurita, ero proprio come, facciamo qualcosa ogni giorno. Ogni singolo giorno.

Questo è ciò che ci ha preparato per questo. Quella resistenza, quell’etica del lavoro dei media africani. Non abbiamo dovuto accelerare per questo.

I bianchi devono fare di più che tenere semplicemente un cartello Black Lives Matter. Hanno bisogno di sapere, quali sono i problemi esatti nel Central District o nel South End?

Così tante persone nel CHOP erano stati emarginati per tutta la vita. Ecco perché le assemblee pubbliche erano un grosso problema. Per la prima volta, forse in assoluto, contavano.

Sicuramente non sono un duro, ma sai, la paura e la fede non possono vivere nella stessa casa.

Di volta in volta e di volta in volta, si è tolto il cappello da giornalista. Non c’è niente di sbagliato nell’essere un cittadino. Il cittadino che è qui fuori per cercare di ridurre l’escalation, per impedire alle persone di uccidersi a vicenda.

Un giorno formammo una barricata umana per impedire ai ragazzi di caricare la polizia. Questi ragazzi, 17, 18 anni, sembravano pronti a farlo.

Penso che abbia sorpreso molte persone, io sono un ragazzo nero del distretto centrale, che ha una storia qui con la brutalità della polizia. Amo la mia città. Riduciamo l’escalation.

Un giorno alla barricata a Broadway, la polizia era da un lato delle strisce pedonali e i manifestanti dall’altro. La signora chimichanga che è lì, alza lo stereo e suona Marvin Gaye, a tutto volume.

Per qualche minuto lì, sai, potresti vedere la polizia un po’ ballare insieme ai manifestanti. Non sai mai quale tattica di de-escalation potrebbe funzionare.

Quando Summer Taylor e Diaz Love erano colpire in autostrada… è stata la cosa più orribile che tu abbia mai visto. La prima cosa che ho detto è che sono così felice di non essere in live streaming.

Le emozioni mi colpiscono di più adesso perché le cose sono un po’ più lente. Una delle abilità che ho imparato all’inizio di questa attività è stata quella di essere in grado di mettere tutto nella sua piccola scatola.

Lo so che prima o poi-spero prima-che devo andare a disfare le scatole.

Mia mamma dice che il perdono è rinunciare a ogni speranza per un passato migliore. Amico, non posso cambiare nulla rispetto a ieri.

Le persone non dovrebbero confondere finanziare i servizi sociali con la creazione di equità. Capitale in [Black] la proprietà è qualcosa che manterrà usere in pochi anni.

Non siamo mai stati qui essere sulle notizie internazionali o sulle notizie nazionali. Eravamo qui solo per permettere ai nostri vicini di vedere cosa stava succedendo.

Leave a Reply