Punti chiave

  • L’Affordable Broadband Act di New York è stato sospeso per il momento.
  • Molti consumatori continuano a pensare che le grandi telecomunicazioni non vogliano offrire loro un accesso a Internet affidabile e conveniente.
  • Alcuni esperti dicono che la questione non è così netta, mentre altri suggeriscono che l’attenzione percepita dalle grandi telecomunicazioni sul denaro sta frenando l’Internet americana.

Yevhenii Orlov/Getty Images

Con le grandi compagnie di telecomunicazioni che fanno pressioni contro le bollette a banda larga a prezzi accessibili, gli esperti dicono che è facile pensare che odino l’idea di Internet a prezzi accessibili. In realtà, la questione è molto più complessa.

All’inizio di quest’anno, il governatore di New York Andrew Cuomo ha fatto notizia quando ha annunciato un disegno di legge che costringerebbe i fornitori di servizi Internet (ISP) a vendere servizi Internet ai newyorkesi in determinate aree per $ 15 al mese. Dopo l’annuncio, gli ISP hanno reagito duramente, facendo pressioni contro il disegno di legge e persino intentando una causa per questo. Ora, un giudice ha sospeso il disegno di legge, citando la possibilità di “danno irreparabile” alle compagnie di telecomunicazioni se dovesse entrare in azione. Questa decisione, insieme alla causa, ha portato molti a pensare che gli ISP non vogliano che le persone abbiano Internet a prezzi accessibili, ma gli esperti dicono che la questione non è così semplice.

“Non credo che non vogliano che le persone dispongano di Internet accessibile e conveniente”, ha detto a Lifewire Rebecca Watts, una sostenitrice dell’accesso a Internet che collabora con la Western Governors University. “Penso che l’opposizione qui sia dovuta al fatto che la legislazione non tiene necessariamente conto del loro modello di business e questa ingiunzione consentirà a tutti di prendersi un po’ di tempo e imparare davvero dai fornitori quale potrebbe essere esattamente l’impatto”.

Prospettiva

Mentre l’intento del governatore con il disegno di legge è importante, e uno che Watts sostiene pienamente, dice che le cose si stanno muovendo molto rapidamente mentre il governo lavora per affrontare il divario digitale che affligge il nostro paese. È importante prendersi un momento e assicurarsi che le politiche messe in atto non creeranno altri problemi in futuro.

“Ci saranno alcune conseguenze potenzialmente indesiderate”, ha spiegato Watts. “Succede sempre con la legislazione. Quindi il modo in cui interpreto l’azione del giudice è di fare una pausa e assicurarci che stiamo valutando tutte le conseguenze indesiderate qui”.

“Penso che l’opposizione qui sia perché la legislazione non tiene necessariamente conto del loro modello di business”.

Non è chiaro se l’intento degli ISP sia o meno quello di fermare completamente il conto o semplicemente assicurarsi che non li distrugga, soprattutto data la lunga storia di come gli ISP hanno trattato i clienti in passato. I prezzi di Internet sono ancora estremamente alti, soprattutto se confrontati con le aree al di fuori dell’America, e con così tante persone che ancora lottano per ottenere Internet stabile, è facile pensare che le grandi telecomunicazioni non vogliano dartelo.

Come il domino che cade

È anche importante notare che, mentre la fattura di New York potrebbe aprire la porta alle famiglie in difficoltà per ottenere l’accesso a Internet, ci sono state anche preoccupazioni che avrebbe portato ad aumenti di prezzo per altri clienti, poiché gli ISP cercano di recuperare i soldi spenderebbero per espandersi in quei quartieri.

Inoltre, ci sono anche preoccupazioni che l’approvazione del disegno di legge possa portare a una legislazione simile in altri stati. Potrebbe portare i fornitori a essere sopraffatti e incapaci di fornire l’accesso richiesto.

krisanapong detraphiphat / Getty Images

Questo è, ovviamente, un problema che è stato a lungo in prima linea nella battaglia per colmare il divario digitale, soprattutto se si tiene conto di come la Federal Communications Commission (FCC) ha supervisionato l’espansione di Internet negli ultimi 20 anni . Se dovessimo vedere più atti legislativi come questo spuntare in tutto il paese, potrebbe sopraffare il sistema e portare a ancora più problemi.

Fare il gioco sbagliato

Tuttavia, ciò non toglie il fatto che, sì, molti ISP sono molto concentrati sul denaro e sulle loro attività, e a volte può sembrare che stiano approfittando della necessità del paese di connettersi.

“L’umanità sta arrivando rapidamente al punto di aver bisogno di servizi di telecomunicazione come abbiamo bisogno di acqua e cibo per sopravvivere”, ha spiegato in un’e-mail Dan Kelly, un veterano del settore delle telecomunicazioni. “Le società di telecomunicazioni si rendono conto di quanto dipendiamo dalla nostra interconnettività e la sfruttano a proprio vantaggio. Forniranno servizi scadenti perché sanno che non puoi farne a meno”.

“Non è chiaro se l’intento degli ISP sia quello di fermare completamente il conto o semplicemente assicurarsi che non li distrugga”.

Kelly paragona lo stato attuale dell’industria delle telecomunicazioni a un gioco di Rischio,e dice che le stesse aziende stanno giocando per vincere puntando troppo sull’aspetto monetario.

“Giocare solo per soldi è la loro tattica imperfetta”, ha detto. “Se le aziende di telecomunicazioni si preoccupassero di fornire servizi superiori, diversificandosi come un mercato libero e avendo un servizio clienti eccezionale, i loro ricavi supererebbero le loro aspettative”.

Leave a Reply