L’ex preside del Pacific Northwest Ballet Louise Nadeau balla Paul Gibson’ss La danza del pianoforte nel 2005.Foto per gentile concessione di Angela Sterling.

Ho avuto il mio primo “momento” di balletto questo fine settimana durante Il programma Contemporary 4 di PNB. Era a metà del quarto pezzo,Concerto DSCH dell’ex direttore del Bolshoi Ballet Alexei Ratmansky, un coreografo prodigio con un’affinità per le partiture di Shostakovich e gli allestimenti moderni con basi classiche. (Pensa a Jerome Robbins Storia del lato ovest.) PIL i ballerini del corpo in arancione bruciato e marrone lasciano il posto al pastello pas de deux dei principali Karel Cruz e Carla Korbes-una coppia separata da quasi un piede di altezza, ma ancora così perfettamente abbinata. Uguali in grazia, sembravano fluttuare un pollice sopra il palco. Come coppia centrale in questo pezzo, li avevamo già visti flirtare e scherzare, ma questo movimento centrale era più riflessivo. Più maturo. E mentre si allontanavano mano nella mano, ho iniziato a piangere. Solo un po’, ma erano decisamente lacrime.

All’inizio ho incolpato il bicchiere di vino che ho bevuto durante l’intervallo, ma poi ho dovuto dare credito ai tocchi umani nella coreografia di Ratmansky. E non solo il suo pezzo: Questa selezione di quattro danze contemporanee è stata la più forte in assoluto PIL prestazioni che ho visto da quando ho iniziato a frequentare ogni spettacolo due anni fa. Mark Morris’s Pacifico ha aperto la serata con uomini a torso nudo in pantaloni svolazzanti, che ballavano su uno sfondo blu oceanico su una partitura di Lou Harrison per violino, violoncello e pianoforte: i suoni del Sud Pacifico. Paul Gibson’s La danza del pianoforte era tutto ciò che dovrebbe essere il balletto moderno: una serie di racconti – assoli, duetti e pas de trois impostati su 10 opere per pianoforte – che sono a turno eleganti e sexy, e mostrano la forza della ballerina moderna che può tenere una posa come la manovra della “donna ragno” nella foto sopra.

L’anello più debole di Contemporary 4 era la sua composizione più rischiosa. La prima mondiale di Marco Goecke Metti un freddo presentava lo stesso movimento preciso e frenetico dell’anno scorso Mopey -ballerini apparentemente posseduti, che agitano le braccia in un esorcismo ad alta velocità. Ma l’impatto di questi movimenti sincronizzati svanisce e il pezzo va avanti per circa 10 minuti di troppo, finché Goecke non ti riporta indietro con una sorpresa aet-change che non voglio rovinare.

Se non lo conoscessi meglio, direi PIL era una compagnia di danza moderna: sembrano a loro agio in un lavoro di Mark Morris come fanno ballare Balanchine. Non vuoi saltare questa performance.

Contemporary 4 durerà fino al 27 marzo alla McCaw Hall.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *