Huy Tat nella location di Mr. Saigon in Pike Street.

Immagine: Elizabeth Podlesnik

A seconda della tua strada per Mr. Saigon, il nuovo avamposto banh mi su Pike Street tra la seconda e la terza, passerai davanti a un Chipotle, Starbucks o “prossimamente” Insalata di sempreverdi vetrina. La prevalenza di vicini casuali dovrebbe darti un’idea del tipo di impero del pranzo che il 31enne Huy Tat intende costruire.

Mr. Saigon propone versioni tradizionali e contemporanee di banh mi, il panino vietnamita di influenza francese che consiste tipicamente di carne (di solito maiale); molte verdure fresche come cetriolo, daikon e carota leggermente sottaceto e coriandolo; una spruzzata di maionese; e patè speziato, il tutto a strati in una baguette fresca e ariosa. Quella linea pericolosa tra un pranzo abbondante e pesante che dalle nove alle cinque deve navigare ogni giorno? Banh mi cammina proprio così.

Tat proviene dalla famiglia dietro l’apprezzata istituzione di noodle nell’area di Seattle Hue Ky Mi Gia nel Ding How Center e nella famosa panetteria del Pacific Rim Center,Lan Hue. Si è fatto le ossa nel settore della ristorazione nel primo, una casa di noodle cinese-vietnamita che ha tracannato per 10 anni nel centro commerciale Yellow Strip all’angolo tra la 12th e Jackson, all’estremità orientale del Chinatown-International District.

Con l’elegante marchio di Mr. Saigon e un’iniezione di denaro da parte degli investitori, Tat sta lottando per una parte del vorace appetito di Seattle per un pranzo veloce e informale. Ha aperto due sedi a sette mesi l’una dall’altra, prima vicino a Seattle U, poi questa in centro, con una terza a Pioneer Square prevista per giugno. In altre parole: sta uscendo dall’ID, oscillando.

Tat spera di attirare folle sia con i banh mi americanizzati che con quelli tradizionali. Il menu è diviso in due: quattro opzioni classiche di sandwich, per la folla “Voglio quello che stanno mangiando per strada in Vietnam” e quattro creazioni “moderne” – pensate per vegetariani o familiari, come pollo teriyaki e maiale alla griglia -più ciotole di pasta preconfezionate e insalate, pasticcini in stile vietnamita e involtini primavera.

The Little Saigon, parte del classico menu banh mi.

Immagine: Elizabeth Podlesnik

In qualche modo, un banh mi di Mr. Saigon ti costerà solo $ 5,50 – un dollaro intero in più rispetto alla tariffa corrente nell’ID – ma Tat sta scommettendo che il valore e la convenienza sono sufficienti per convincere i clienti a salire (e volteggiare banh mi nel pantheon di Seattle pranzo base nel processo).

“WVogliamo costruire, un giorno, un’azienda mondiale che abbia negozi ovunque… Stiamo già guardando al mercato della metropolitana”, dice Tat. Ma a differenza del conglomerato di sandwich ora in difficoltà, il signor Saigon cuoce il suo pane da zero ogni giorno e rende gli altri ingredienti freschi, in casa “Come un modello Chipotle”.

Potrebbe semplicemente riuscirci. Il patè, una miscela di fegato di pollo e maiale con aglio e una generosa spolverata di cinque spezie, viene mescolato e cotto a vapore in loco. La maionese viene montata anche nella parte posteriore, dove vengono fritte le abbondanti fette di tofu. L’headcheese (una creazione gommosa a base di tendini, orecchie e pezzi di maiale avanzati assortiti) viene pressato e affettato per il panino omonimo del ristorante a poche miglia di distanza, a Lan Hue.

Per ora, Tat si sta espandendo solo all’interno di Seattle. Non sorprenderti se vedrai presto il logo blu del signor Saigon risplendere sopra qualsiasi marciapiede della Città di Smeraldo che scorre con i dipendenti portatori di badge quando l’orologio segna mezzogiorno, perché vuole aprire un negozio ovunque vogliano pranzare.

“Potremmo andare a est [the direction of Microsoft]”Potremmo andare ad Amazon”, dice Tat. “Abbiamo in mente le località, è solo quando arriva l’opportunità giusta”.

Leave a Reply