Qualcomm Atheros è saltata sul carro dell’Internet of Things con un nuovo chipset, l’AR4100P, destinato a fornire alla lavatrice, all’illuminazione ea qualsiasi altra cosa una linea diretta con il web. Aggiungendo WiFi 802.11n all’AR4100 esistente, il nuovo chipset ha il proprio stack TCP/IP IPv4/IPv6 e promette ai produttori un percorso semplice e conveniente per collegare il proprio hardware a un sistema di casa intelligente.

Se negli ultimi tempi hai vissuto sotto una roccia, potresti aver perso il concetto di Internet of Things. In breve, è un tentativo di utilizzare reti mesh e altre tecnologie per interconnettere dispositivi che tradizionalmente sarebbero autonomi. Quindi, la tua lavatrice, asciugatrice, frigorifero, HVAC e altri sistemi possono tutti parlare con il contatore elettrico e capire gli orari più convenienti per accenderli, mentre il tuo iPad può diventare l’hub di controllo remoto che li gestisce tutti.

Qualcomm Atheros chiama la sua gamma di prodotti per il segmento il suo “portafoglio Internet of Everything” e si aspetta di trovare acquirenti tra i fornitori di energia intelligente, quelli che creano prodotti per la “casa intelligente”, nella sicurezza e nell’automazione degli edifici, per la salute a distanza e monitoraggio del benessere e altro ancora. L’AR4100P verrà visualizzato nel kit di sviluppo SP137 dell’azienda, abbinato al microcontrollore Cortex-M3 a bassa energia EFM32 Gecko di Energy Micro (con Micrium uC/OS-III) e modalità di sospensione profonda di soli 2uA, il che significa che può essere eseguito con AA batterie.

Sebbene sia una parola d’ordine salutare, dobbiamo ancora vedere l’Internet of Things entrare definitivamente nel mainstream, sebbene i misuratori di potenza wireless siano un punto di partenza. Tuttavia, poiché sempre più produttori raccolgono chip come l’AR4100P e li inseriscono – anche se attualmente latenti – nelle loro gamme, potrebbe arrivare un momento in cui i nostri elettrodomestici si sveglieranno e inizieranno a parlare di noi alle nostre spalle.

Leave a Reply