Razer è noto per le fantastiche opere concettuali di design industriale realizzate appositamente per la presentazione al CES. Mentre alcuni di questi progetti hanno elementi che si fanno strada verso prodotti finalizzati e pronti per il mercato, alcuni dei progetti più stravaganti non arrivano mai del tutto. Con Razer Project Hazel, i tempi in cui viviamo potrebbero dettare la necessità di un prodotto finale.

Razer Project Hazel è ancora un concetto. È una maschera intelligente, realizzata sulla scia della pandemia di COVID-19 che ha dominato le masse per tutto l’anno 2020. Razer è stata una delle poche aziende selezionate che hanno compiuto lo sforzo di convertire gli impianti di produzione dalle loro normali creazioni – periferiche incentrate sul gioco – oltre alle mascherine chirurgiche. Si sono impegnati a produrre e donare fino a un milione di maschere chirurgiche, ma volevano andare oltre.

Hanno realizzato un numero limitato di maschere a tema Razer nel 2020, ma erano ancora solo di stoffa, ancora solo il design di base realizzato con la stoffa. Per il CES 2021, hanno rivelato un concetto che immaginava un futuro in cui la maschera protettiva fosse intelligente.

Razer ha chiarito con noi nell’introdurre questa maschera che non intendevano che QUESTO fosse il prodotto finale. Non hanno ancora fatto spazio alla barba, per esempio. Invece, questa è una massa di idee.

Project Hazel ha un sistema di batterie ricaricabili che alimenta un sistema di filtraggio dell’aria a sinistra e a destra della maschera. Il sistema a batteria alimenta anche luci a LED che possono agire per evidenziare il viso di chi lo indossa di notte o in spazi bui. Razer includeva anche l’illuminazione Razer Chroma RGB in anelli attorno a ciascuno dei due filtri dell’aria.

Microfoni e altoparlanti in questa maschera consentono una leggera amplificazione della voce di chi la indossa. Questo aggira il problema del naturale smorzamento dei livelli sonori attraverso qualsiasi maschera. Ciò sarebbe di particolare importanza con questa maschera con il suo grande scudo di plastica, ma l’amplificazione vocale (Razer VoiceAmp) consente un livello audio naturale (altrimenti non mascherato) quando attivato.

La schermatura in plastica consente di vedere il viso e la bocca dell’utente, ulteriormente aiutati dall’illuminazione a LED all’interno. La batteria di questo dispositivo viene caricata con una custodia di ricarica wireless che fornisce anche la disinfezione della luce UV.

Incrocia le dita Razer creerà una versione leggermente attenuata di tutta questa azione nel prossimo futuro. Se il numero di progetti di pesce d’aprile che hanno trasformato in prodotti reali è indicativo, una maschera come questa potrebbe essere probabile!

Cronologia della storia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *