Valutazione della redazione: 7/10 Pro

  • Alexa è capace come sempre
  • Qualità audio leggermente migliore di Echo standard (2017)
  • L’hub Zigbee dà un assaggio della casa intelligente

Contro

  • L’audio non è ancora buono come speravamo
  • L’hub solo Zigbee ha un supporto limitato per i dispositivi
  • L’app Alexa è limitata nei controlli granulari

Il sogno di una casa intelligente di Amazon suona molto come vivere sull’astronave Enterprise, e in quel sogno il nuovo Echo Plus è la porta per un futuro automatizzato. A $ 149,99, riduce l’originale Amazon Echo che assomiglia così tanto, ma conta su una migliore qualità audio e un hub di casa intelligente integrato per garantire il suo premio rispetto all’Echo 2017 e all’affare Echo Dot. Come ho scoperto, tuttavia, l’insistenza di Alexa nel trattare tutti i suoi figli Echo come uguali potrebbe ridurre alcuni dei vantaggi di Echo Plus.

Familiare, ma diverso

Mentre l’Echo 2017 ha un design più corto e carino e cover intercambiabili, il nuovo Echo Plus sembra molto più un aggiornamento dell’Echo originale. Con un’altezza di 9,3 pollici e rifinito in plastica nera, bianca o argento, è meno coccoloso del più piccolo ed economico Echo 2017, ma mantiene alcune delle caratteristiche più accattivanti del modello di prima generazione.

L’anello del volume integrato nella parte superiore dell’altoparlante intelligente è più facile da regolare rispetto ai pulsanti dei suoi fratelli. Hai ancora un pulsante Alexa manuale e un tasto di disattivazione del microfono per l’eccellente array di sette microfoni. Sul retro, c’è la presa di corrente e una presa di uscita audio da 3,5 mm, che consente di collegare altoparlanti esterni. Se preferisci, hai ancora il Bluetooth per accoppiare gli altoparlanti wireless e all’interno è presente un chipset WiFi 802.11ac più potente che migliora la portata.

ALTRO Amazon Echo (2017) Recensione

Il posizionamento di Amazon con Echo Plus è che è un percorso verso un audio di qualità migliore rispetto al modello normale, importante dal momento che ordinare le playlist a voce è diventato uno dei casi d’uso più popolari per Alexa. In realtà, però, non c’è una grande differenza nell’hardware degli altoparlanti all’interno. L’Echo Plus ha un woofer da 2,5 pollici, come l’Echo 2017, ma ingrandisce leggermente il tweeter da 0,6 pollici a 0,8 pollici.

Solo un piccolo Plus

Detto questo, forse non sorprende che Echo Plus non offra livelli di qualità audio rivali con Sonos One. Fianco a fianco con l’Echo originale, e la qualità audio sembrava all’incirca alla pari. Rispetto al più piccolo Echo di quest’anno, ci sono un po’ più di bassi e gli alti sono più pieni. Tuttavia, gli audiofili probabilmente vorranno collegare un sistema di altoparlanti separato e, se lo fai, puoi anche scegliere l’Echo Dot a un terzo del prezzo.

Poiché l’intelligenza di Alexa è tutta nel cloud, i suoi talenti sono gli stessi, indipendentemente dall’eco che stai utilizzando. La recente aggiunta di profili utente basati sulla voce, che dopo un breve addestramento possono riconoscere chi sta parlando e fornire risultati personalizzati, colma quello che era uno dei pochi grandi divari persistenti tra il sistema di Amazon e l’Assistente di Google su Google Home. C’è anche il supporto per la musica multi-room, proprio come Sonos, anche se Echo Plus non si avvicina a Sonos One per il suono.

Alexa, regina della casa intelligente

Ciò che Echo Plus ha che nessuno di questi rivali offre è il supporto per la casa intelligente integrato. Amazon ha aggiunto una radio Zigbee all’altoparlante, consentendogli di fungere da hub per lampadine, lucchetti e altro ancora collegati. Funziona di pari passo con una nuova funzionalità di Alexa chiamata Routine.

Zigbee esiste da anni e ha un’adozione abbastanza ampia tra i dispositivi di automazione domestica. Rispetto a WiFi e Bluetooth ha requisiti di alimentazione molto bassi, ma non è l’unico standard wireless popolare nella casa intelligente. Z-Wave, ad esempio, è uno standard concorrente che esiste da anni, mentre vengono spinte anche nuove opzioni come Thread. Il risultato è che Echo Plus ha il supporto pronto all’uso per alcuni gadget per la casa intelligente, ma non tutti.

L’impostazione di quelli per cui ha supporto è semplice. In effetti, puoi fare tutto a voce: collega un nuovo dispositivo, dì “Alexa, scopri dispositivi” e poi dopo circa 45 secondi ti viene detto che è stata trovata “1a luce” o “1a presa”. In alternativa, puoi farlo tramite l’app, che è anche il luogo in cui puoi rinominare i dispositivi rilevati in modo che siano più facili da ricordare.

La novità è la comunicazione diretta tra Echo Plus e ciascun dispositivo. Amazon mi ha inviato un paio di luci Philips Hue e una presa intelligente Samsung da provare: di solito, le luci Hue avrebbero bisogno di un hub Philips collegato al router, mentre la presa è progettata per funzionare con l’hub di SmartThings. Invece, Echo Plus si connette direttamente a loro, e infatti Amazon inizialmente lo collegherà con una lampadina bianca Hue gratuita per avviare nuovi utenti di casa intelligente.

Una volta che tutto è riconosciuto, puoi controllare le cose individualmente o in gruppi. C’è il supporto per comandi come “Alexa, accendi la luce uno” o “Alexa, abbassa la luce dall’uno al 50 percento”, ad esempio. Ottieni anche il controllo di base nell’app Alexa, ma invariabilmente non è così completo come sarebbe il software del produttore. Ad esempio, ho alcune lampadine a colori Hue e mentre all’interno dell’app Hue posso regolare i loro colori su milioni di valori, con Echo Plus devo chiedere i colori per nome poiché l’app non mi dà un selettore di colori . Più fastidioso, poiché Echo Plus elimina l’hub di Hue, l’app di Philips non funzionerà.

Piuttosto che un controllo granulare, Amazon sta spingendo il suo supporto di raggruppamento avanzato, anche se può essere un po’ complicato. Alexa aveva già il supporto per i gruppi, tutti i dispositivi in ​​cucina, ad esempio, o in camera da letto, ma ora puoi assegnare un’eco a un gruppo. Se, ad esempio, entri nella camera da letto e dici “Alexa, accendi le luci”, l’Eco della camera da letto ti sentirà e capirà automaticamente che probabilmente vuoi che le luci in quella stanza siano accese.

Tuttavia, ora ci sono anche le routine, che sono effettivamente macro di più azioni di casa intelligente che si verificano insieme. Dire “Alexa, buonanotte” può spegnere tutte le luci e bloccare le porte, ad esempio, mentre dire “Alexa, buongiorno” potrebbe alzare il termostato, accendere la macchina del caffè collegata a una presa intelligente e avviare il tuo Echo Flash Riunione. Invece di un comando vocale, puoi anche impostare una routine in modo che si verifichi a una determinata ora, comprese impostazioni diverse a seconda che si tratti di un giorno della settimana o del fine settimana.

Dopodiché scegli quali dispositivi per la casa intelligente desideri attivare e se desideri anche notizie, traffico o bollettini meteorologici o tutti e tre. È tutto abbastanza semplice – non ci sono trigger condizionali, ad esempio, come avere l’Echo Plus che esegue le routine in base all’attivazione dei sensori di movimento o se la temperatura scende al di sotto di un certo livello e non è possibile riprodurre brani o playlist specifici – ma dovrebbe dare a coloro che sono nuovi all’automazione un assaggio di ciò che è possibile.

Naturalmente, in realtà non è necessario un Echo Plus per ottenere quel gusto. Qualsiasi altro dispositivo Echo può connettersi con i gadget per la casa intelligente, tramite un’interfaccia web o un hub del produttore, proprio come prima. Se hai installato le luci Hue tramite il bridge Philips, ad esempio, un Echo Dot sarà in grado di connettersi ad esse proprio come un Echo Plus e verrà aggiunto agli stessi gruppi. Sfortunatamente sembra che le routine siano più esigenti: molti dei dispositivi domestici intelligenti esistenti mi hanno dato un messaggio di errore “non attualmente supportato” quando ho provato ad aggiungerli a una nuova routine.

Incartare

L’argomento di Amazon a favore di Echo Plus è che la configurazione della casa intelligente può richiedere molto tempo e inutilmente complessa, un groviglio di hub e interfacce solo per far parlare ogni cosa con l’altra. Non è falso, anche se rimangono dei vantaggi nel farlo in questo modo. Echo Plus supporta le basi tramite il controllo vocale di Alexa, ma chiunque desideri un controllo più granulare troverà l’app tristemente snella.

Finché sei disposto ad acquistare dispositivi connessi a Zigbee dall’elenco di prodotti consigliati di Amazon, non dovresti avere problemi di compatibilità, ma in questo momento sono circa 100 articoli. Hub rivali come SmartThings, che funzioneranno bene anche con Alexa, contano migliaia di dispositivi supportati. Aggiungi un Echo Dot – di cui puoi acquistarne tre al costo di un singolo Echo Plus – e ottieni anche le routine di Amazon.

Oggi lascia l’Echo Plus in una posizione intrigante ma difficile. La promessa è un supporto più intelligente per i dispositivi domestici nel tempo, ma i miglioramenti audio che speravo non sono arrivati ​​​​sull’Echo di prima generazione e mi mancava essere in grado di controllare, ad esempio, le mie luci Hue dal mio smartwatch o dai widget sul mio iPhone, piuttosto che dover dare a Echo Plus un’istruzione vocale o provare la deludente app Alexa. Razionalizzare la casa intelligente è un obiettivo nobile, ma Echo Plus è un po’ troppo semplice per garantire il premio rispetto a un normale Echo (2017) o Echo Dot.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *