Le fotocamere degli smartphone sono diventate molto più di semplici strumenti di ultima istanza. Ma, per quanto ci provino, ci sono ancora cose che non saranno in grado di fare bene a causa dei vincoli dello spazio e della fisica. Le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione sono una, la stabilizzazione è un’altra. Anche se anche un po’ di OIS aiuta, avrai inevitabilmente bisogno di un aiuto esterno. È qui che entra in gioco Rigiet. Soprannominato lo stabilizzatore più avanzato per telefoni e GoPro, questo gimbal portatile è un’estensione della tua mano e del tuo braccio, che si muove, si piega e si mantiene stabile in modi che i tuoi arti biologici non possono.

Design

I fotografi di smartphone avranno probabilmente familiarità con il design degli stabilizzatori portatili. Chi non l’ha mai visto prima dovrebbe probabilmente abituarsi. Questo è il futuro della fotografia mobile. Sebbene sia più appariscente di un bastoncino seflie, il Rigiet ha molto di più da offrire rispetto al comune monopiede. È fondamentalmente una levetta corta con un pannello di controllo incorporato e due bracci con tre “snodi” che muovono il telefono in ogni modo desiderato, mantenendolo fermo quando ne hai bisogno.

Il design è pensato per essere portatile e compatto ma, non commettere errori, questo non è un bastoncino fragile. La struttura è solida e abbastanza robusta, pronta per essere il tuo partner fotografico e cinematografico quando e dove vuoi. Detto questo, ha un certo costo. Con un peso di 430 g, pesa quasi il triplo di un iPhone 7 Plus. E, naturalmente, devi tenere conto del peso del telefono stesso. Non ti romperà il braccio ma sentirai un po’ di stress dopo un uso prolungato.

È un bene, quindi, che Rigiet sia compatibile con i treppiedi più comuni. Mentre le sue caratteristiche brillano più luminose se tenute da mani instabili, lo stabilizzatore non è meno talentuoso quando è posizionato su un supporto convenzionale. In questa configurazione, le funzionalità del panorama di Rigiet funzionano al meglio.

Rigiet è progettato pensando agli smartphone e il suo supporto si aggancia saldamente ai lati di un telefono. Detto questo, supporta anche le videocamere GoPro, per coloro che preferiscono filmati più orientati all’azione. Ciò richiede un supporto aggiuntivo che non viene fornito gratuitamente.

Caratteristiche

Il design del Rigiet potrebbe essere ordinario, persino dimenticabile, ma le sue caratteristiche sicuramente non lo sono. Cominciamo con le basi. Come ogni gimbal, è dotato di stabilizzazione a 3 assi su inclinazione, rollio e panoramica. Questi non servono solo a ridurre gli effetti della camma tremolante, ma anche a mantenere il telefono o la GoPro nella stessa posizione anche quando devi girare il braccio in un modo o nell’altro. Ha una batteria integrata da 2.600 ma che durerà solo per 3 ore pubblicizzate. E questo è in una situazione ideale. Quelli da soli probabilmente non renderanno nemmeno la pena scrivere sul Rigiet. Certo, ha molto di più.

Rigiet si vanta di essere l’unico stabilizzatore del telefono che supporta una posizione sottosopra, senza dover ruotare il telefono. Ciò significa che la tua mano può passare rapidamente da una posizione normale sotto il telefono a una posizione sopra il telefono. Il telefono stesso rimane perfettamente fermo.

Per risolvere il problema della batteria, Rigiet presenta quella che probabilmente è una modalità di “ricarica a due vie” denominata erroneamente. In modalità normale, è possibile caricare il telefono collegato allo stabilizzatore. In modalità bidirezionale, puoi caricare il telefono tramite Rigiet mentre viene caricato anche Rigiet stesso. E puoi anche usare lo stesso power bank per farlo.

Mentre la funzione principale di uno stabilizzatore è quella di mantenere ferma la fotocamera, ci sono momenti in cui vuoi e hai bisogno che si muova. Senza tutto il movimento estraneo proveniente dalle tue mani tremanti, ovviamente. Il Rigiet ha due caratteristiche perfette per quel caso d’uso. Uno è una funzione di tracciamento automatico che di solito si trova solo su DSLR e rig di fascia alta. Nell’app della fotocamera Rigiet, scegli semplicemente il soggetto desiderato e Rigiet lo seguirà ovunque vada.

Nessuno stabilizzatore sarà completo senza una funzione panoramica che ti impedirà di torcere il corpo o la caviglia. Ma invece di una normale panoramica, Rigiet ne offre tre. Uno è un normale scatto a 180 gradi mentre un altro è un panorama quasi completo a 330 gradi. Unico per Rigiet, tuttavia, è uno scatto super grandangolare che unisce 12 scatti per assicurarsi che nessuno venga escluso.

prestazioni

Suonano bene, ma la realtà corrisponde alle aspettative che Rigiet si pone? Ai nostri tempi con lo stabilizzatore portatile, sarebbe un grande “sì!”. Nonostante la sua costruzione solida, il Rigiet non è affatto rigido o rigido. Il suo movimento, in particolare con il tracciamento automatico, è fluido, veloce e preciso. E quando non vuoi che si muova da solo, puoi posizionare manualmente il gimbal nel modo che ritieni opportuno e rimarrà tale. Rigiet ha una mente propria, ma sa anche quando eseguire gli ordini.

E parlando di tracciamento automatico, il Rigiet si comporta egregiamente in questa importante funzione. Configurarlo è facile come selezionare una casella, trascinarla e rilasciarla sul target previsto. Da lì, Rigiet prende il sopravvento, sfruttando tutte le caratteristiche di stabilizzazione e movimento di cui ha bisogno per tenere sempre in vista il bersaglio.

L’unico problema nell’armatura di Rigiet è la compatibilità del dispositivo. In teoria, funziona con qualsiasi smartphone fino a un iPhone 7 Plus di dimensioni. Le funzioni di stabilizzazione funzionano benissimo anche con, ad esempio, un Samsung Galaxy S8.

In pratica, tuttavia, la sua suite completa di funzionalità funziona solo con iPhone. L’app della fotocamera che consente di tracciare automaticamente i bersagli, creare scatti panoramici mozzafiato o creare video in slow motion o time lapse è disponibile solo per iOS.

Incartare

Design leggero e portatile, stabilizzazione a 3 assi, ricarica “bidirezionale”, orientamento ribassato, funzione di tracciamento automatico e panorama grandangolare a 12 immagini, solo per citarne alcuni. Con così tante funzionalità, hai la stoffa di uno stabilizzatore professionale e di un impianto fotografico, ma uno che può stare nella tua borsa. E, il più delle volte, tali apparecchiature hanno un costo troppo alto da pagare. Questo è uno di quei casi in cui saresti felice di sbagliarti.

Certo, Rigiet non è ancora qualcosa che puoi comprare dallo scaffale. È appena apparso su Kickstarter con un obiettivo di finanziamento molto modesto e livelli altrettanto modesti. Se sei abbastanza veloce, puoi ottenere un Rigiet di base Super Early Bird per soli $ 129, $ 139 se vuoi prendere il pacchetto GoPro. Una volta che quelle slot saranno sparite, non sarà un salto troppo grande a un prezzo Kickstarter di $ 149. E una volta terminato il Kickstarter, Rigiet venderà per $ 189. Considerando che il prezzo del suo concorrente più vicino è il doppio, è sicuramente un affare.

Come ogni progetto di crowdfunding, Rigiet ha bisogno di raccogliere abbastanza interesse, soprattutto finanziario, per trasformare questo sogno in realtà per i fotografi di smartphone. Se tutto va bene, quei credenti riceveranno le loro ricompense a giugno. Considerando quanto sono bassi i numeri, questo è uno che molto probabilmente esploderà nei cieli. Dopotutto, quale fotografo di smartphone non vorrebbe un braccio meccanico più agile, più flessibile e tuttavia anche più stabile del proprio braccio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *