residente in california spara-orso-nero-autodifesa-dopo-le-irruzioni-nella-loro-casa

Quando si tratta di attacchi di orsi neri, sfortunatamente, a volte ci sono solo due risultati: l’uomo sopravvive o l’orso. Con gli orsi che escono dal letargo invernale, sono probabilmente più aggressivi del solito e disposti a combattere per un pasto. Questo è quello che è successo quando un orso è entrato nella casa di un residente in California la scorsa settimana.

Con un ineguagliabile senso dell’olfatto, gli orsi neri possono individuare il cibo meglio di quasi tutti gli altri mammiferi. I loro nasi sono sette volte migliori del cane medio. Sebbene dimorino principalmente ai margini delle foreste e nelle radure, gli orsi si avventureranno nel territorio umano se garantisce cibo.

Essendo onnivori, gli orsi neri si affidano principalmente a materiale vegetale, mentre solo il 15% della loro dieta si basa su proteine ​​animali. Tuttavia, tendono a mangiare praticamente di tutto, motivo per cui residenti e turisti li trovano a rovistare tra i bidoni della spazzatura nei campeggi o nelle case.

Questo probabilmente ha attratto l’orso nella casa del residente in California, situata a Meyers, a sud di South Lake Tahoe. Verso le undici di sera, l’orso ha fatto irruzione in casa e ha aggredito il residente. In uno sforzo di autodifesa, il californiano ha sparato all’orso, che si è subito ritirato.

Il Dipartimento della fauna selvatica e della pesca della California ha trovato l’orso la mattina seguente in condizioni critiche e l’ha soppresso umanamente. Sfortunatamente, gli avvistamenti aggressivi di orsi neri stanno aumentando di numero man mano che si sviluppano più abitazioni in California, minacciando l’habitat degli orsi e le aree di foraggiamento.

Ripercussioni del comportamento dell’orso nero

Mentre l’orso bruno in questo caso ha effettivamente attaccato il residente, non tutte le interazioni con gli orsi sono così aggressive. In effetti, gli escursionisti spesso interpretano erroneamente il linguaggio del corpo e le azioni degli orsi, in particolare le “accuse di bluff”.

“Le cariche di bluff sono molto più comuni degli attacchi reali e vengono utilizzate per spaventare una potenziale minaccia. Sono generalmente interrotte a pochi metri di distanza, a volte accompagnate da calpestii sul terreno”, afferma la Western Wildlife Organization.

Un’altra interpretazione errata comune è quando un orso sta in piedi sulle zampe posteriori. Sebbene le persone di solito lo vedano come una posizione minacciosa, di solito significa che l’orso sta cercando di ottenere una visione migliore a causa della sua visione limitata.

Gli umani tendono a fraintendere anche il comportamento docile degli orsi neri. Appena sette miglia a nord dell’invasione domestica, i bagnanti hanno condiviso la spiaggia con una famiglia di orsi a Lake Tahoe. Una scrofa, o mamma orsa, ha portato i suoi tre cuccioli alla spiaggia mentre lei vagava nelle vicinanze. I cuccioli giocavano nell’acqua, a pochi centimetri dagli umani, mentre gli astanti registravano l’interazione.

Sebbene la mamma orsa sembri indifferente nei confronti delle persone, l’incontro ravvicinato può ancora essere dannoso per entrambe le specie.

“Consentire agli orsi di sentirsi a proprio agio con le persone può portare ad attività indesiderate tra cui irrompere in auto e case o avvicinarsi a persone che stanno mangiando all’aperto”, ha avvertito il CDFW in un recente comunicato stampa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *