Si è già parlato molto della conferenza I/O di Google. Si ritiene che la società annuncerà un Nexus 7 rinnovato e un Nexus 4 LTE da 32 GB invece di uno smartphone Nexus 5 di prossima generazione. Google avrebbe anche dovuto annunciare il prossimo importante aggiornamento della piattaforma Android, Android 5.0 Key Lime Pie. Secondo quanto riferito, il suo rilascio è stato ritardato di ben quattro mesi per dare tutto il tempo agli OEM in modo che possano tenere il passo con la nuova versione di Android.

Un altro motivo di questo ritardo potrebbe essere il lancio dello smartphone Motorola X. I massimi dirigenti della società hanno cantato le sue lodi, forse uniranno entrambi gli annunci insieme? Al momento il 29,3% dei dispositivi Android è alimentato da Ice Cream Sandwich, al secondo posto c’è Jelly Bean che alimenta circa il 23% dei dispositivi. Respingere il rilascio di Key Lime Pie aiuterà sia gli OEM che Google stesso. Nonostante sia stato annunciato all’I/O dello scorso anno, molti produttori e operatori lo stanno ancora distribuendo ai clienti privati ​​di Jelly Bean. Il lancio di una nuova versione aumenterebbe ulteriormente la frammentazione e, se questa voce è confermata, Google sembra intenzionata a evitarlo.

Android-key-lime-pie-qualcomm

Si è già parlato molto della conferenza I/O di Google. Si ritiene che la società annuncerà un Nexus 7 rinnovato e un Nexus 4 LTE da 32 GB invece di uno smartphone Nexus 5 di prossima generazione. Google avrebbe anche dovuto annunciare il prossimo importante aggiornamento della piattaforma Android, Android 5.0 Key Lime Pie. Secondo quanto riferito, il suo rilascio è stato ritardato di ben quattro mesi per dare tutto il tempo agli OEM in modo che possano tenere il passo con la nuova versione di Android.

Un altro motivo di questo ritardo potrebbe essere il lancio dello smartphone Motorola X. I massimi dirigenti della società hanno cantato le sue lodi, forse uniranno entrambi gli annunci insieme? Al momento il 29,3% dei dispositivi Android è alimentato da Ice Cream Sandwich, al secondo posto c’è Jelly Bean che alimenta circa il 23% dei dispositivi. Respingere il rilascio di Key Lime Pie aiuterà sia gli OEM che Google stesso. Nonostante sia stato annunciato all’I/O dello scorso anno, molti produttori e operatori lo stanno ancora distribuendo ai clienti privati ​​di Jelly Bean. Il lancio di una nuova versione aumenterebbe ulteriormente la frammentazione e, se questa voce è confermata, Google sembra intenzionata a evitarlo.

Android-key-lime-pie-qualcomm

Si è già parlato molto della conferenza I/O di Google. Si ritiene che la società annuncerà un Nexus 7 rinnovato e un Nexus 4 LTE da 32 GB invece di uno smartphone Nexus 5 di prossima generazione. Google avrebbe anche dovuto annunciare il prossimo importante aggiornamento della piattaforma Android, Android 5.0 Key Lime Pie. Secondo quanto riferito, il suo rilascio è stato ritardato di ben quattro mesi per dare tutto il tempo agli OEM in modo che possano tenere il passo con la nuova versione di Android.

Un altro motivo di questo ritardo potrebbe essere il lancio dello smartphone Motorola X. I massimi dirigenti della società hanno cantato le sue lodi, forse uniranno entrambi gli annunci insieme? Al momento il 29,3% dei dispositivi Android è alimentato da Ice Cream Sandwich, al secondo posto c’è Jelly Bean che alimenta circa il 23% dei dispositivi. Respingere il rilascio di Key Lime Pie aiuterà sia gli OEM che Google stesso. Nonostante sia stato annunciato all’I/O dello scorso anno, molti produttori e operatori lo stanno ancora distribuendo ai clienti privati ​​di Jelly Bean. Il lancio di una nuova versione aumenterebbe ulteriormente la frammentazione e, se questa voce è confermata, Google sembra intenzionata a evitarlo.

Android-key-lime-pie-qualcomm

Si è già parlato molto della conferenza I/O di Google. Si ritiene che la società annuncerà un Nexus 7 rinnovato e un Nexus 4 LTE da 32 GB invece di uno smartphone Nexus 5 di prossima generazione. Google avrebbe anche dovuto annunciare il prossimo importante aggiornamento della piattaforma Android, Android 5.0 Key Lime Pie. Secondo quanto riferito, il suo rilascio è stato ritardato di ben quattro mesi per dare tutto il tempo agli OEM in modo che possano tenere il passo con la nuova versione di Android.

Un altro motivo di questo ritardo potrebbe essere il lancio dello smartphone Motorola X. I massimi dirigenti della società hanno cantato le sue lodi, forse uniranno entrambi gli annunci insieme? Al momento il 29,3% dei dispositivi Android è alimentato da Ice Cream Sandwich, al secondo posto c’è Jelly Bean che alimenta circa il 23% dei dispositivi. Respingere il rilascio di Key Lime Pie aiuterà sia gli OEM che Google stesso. Nonostante sia stato annunciato all’I/O dello scorso anno, molti produttori e operatori lo stanno ancora distribuendo ai clienti privati ​​di Jelly Bean. Il lancio di una nuova versione aumenterebbe ulteriormente la frammentazione e, se questa voce è confermata, Google sembra intenzionata a evitarlo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *