Lo chef al lavoro ai tempi del Bisato.

Immagine: Scott Eklund/Red Box Pictures

Quando Scott Carsberg ha chiuso Bisato nel 2012, è stata la fine di un capitolo storico nella ristorazione di Seattle. Ora lo chef vincitore del James Beard Award ne scriverà uno nuovo.

Carsberg aprirà una nuova iterazione di Bisato entro la fine dell’anno in Pioneer Square, in particolare all’indirizzo 84 di Yesler Way che è stato a lungo sede della Trattoria Mitchelli.

“Ho guardato dappertutto”, dice lo chef, che negli anni successivi ha cucinato occasionalmente la cena pop-up, ha lavorato per un po’ con Fran’s Chocolates e svolge attività di consulenza a vario titolo. L’affitto di spazi per ristoranti a Capitol Hill ea Ballard gli ha dato una pausa. Un giorno stava passeggiando con il suo cane davanti a questo edificio in mattoni, dove Post Ave incontra Yesler Way, e ha visto i lavoratori all’interno. Carsberg conosceva l’ex occupante, Danny Mitchell, e fece capolino per chiedere cosa stesse succedendo. Uno sguardo in alto al soffitto in legno naturale non più nascosto sotto la vernice e il muro a secco ed era dentro.

Il nuovo Bisato dovrebbe sembrare familiare a chiunque abbia familiarità con l’originale concetto di cucina veneziana del piccolo piatto. Torneranno alcuni preferiti, come i blini di barbabietola ei ravioli aperti; Carsberg ha ordinato un’affettatrice personalizzata dall’Italia progettata specificamente per il prosciutto di Parma. La sala da pranzo può ospitare quasi tante persone quanto l’originale.

Secondo il Giornale quotidiano di commercioL’indirizzo è vuoto dal 2009, l’anno prima che Carsberg trasformasse il suo raffinato ristorante Lampreia nel più casual Bisato. Allora, ha installato una barra lunga e curva; qui i vecchi muri di mattoni ospiteranno più un’atmosfera da sala da pranzo, anche se lo stesso approccio senza fronzoli, che Carsberg definisce “cucina raffinata, non cucina raffinata”.

È troppo presto per azzardare un’ipotesi quando il nuovo Bisato sarà aperto: Carsberg e il partner commerciale Sam Takahashi non hanno ancora finalizzato un appaltatore. Durante i giorni della Lampreia, lo chef nato a West Seattle era una forza nella ristorazione di Seattle. Mentre sta aprendo le sue porte a una città e un quartiere, alle prese con grandi cambiamenti, non vedo l’ora di vedere cosa porterà il suo ritorno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *