Google potrebbe aver progettato il proprio chip Pixel 6 per l’imminente flagship Android, ma secondo quanto riferito la società si è rivolta a un nome familiare per produrre effettivamente il nuovo SoC Tensor. Annunciato ieri, insieme a un’anteprima di Pixel 6 e Pixel 6 Pro, Google Tensor è il primo progetto dell’azienda per un processore per smartphone che prende una foglia dal playbook di Apple.

Google potrebbe aver progettato il proprio chip Pixel 6 per l’imminente flagship Android, ma secondo quanto riferito la società si è rivolta a un nome familiare per produrre effettivamente il nuovo SoC Tensor. Annunciato ieri, insieme a un’anteprima di Pixel 6 e Pixel 6 Pro, Google Tensor è il primo progetto dell’azienda per un processore per smartphone che prende una foglia dal playbook di Apple.

I dispositivi Pixel fino ad ora, incluso l’ultimo Pixel 5, si sono basati sulla serie di chipset Snapdragon di Qualcomm. Mentre Google ha sperimentato il proprio design di co-processori, come il Pixel Visual Core nei primi telefoni Pixel, e poi un Pixel Neural Core nei dispositivi più recenti, ha lasciato ad altri il SoC principale.

Tutto cambia con Pixel 6 e Pixel 6 Pro. Google Tensor – quattro anni di lavoro, ha affermato la società – porrà l’accento sull’apprendimento automatico e sull’intelligenza artificiale, è promesso. Verrà utilizzato per cose come la fotografia computazionale, il riconoscimento vocale e le funzioni di traduzione e miglioramenti nella sicurezza.

Tutto cambia con Pixel 6 e Pixel 6 Pro. Google Tensor – quattro anni di lavoro, ha affermato la società – porrà l’accento sull’apprendimento automatico e sull’intelligenza artificiale, è promesso. Verrà utilizzato per cose come la fotografia computazionale, il riconoscimento vocale e le funzioni di traduzione e miglioramenti nella sicurezza.

Google ha omesso molti dettagli nel suo annuncio su Tensor, incluse tutte le informazioni sulle capacità 5G del chipset. Tuttavia, secondo un rapporto di Nikkei Asia oggi, gli addetti ai lavori nella catena di fornitura dei chip affermano che Google ha collaborato con Samsung per la produzione. Tensor, suggeriscono, utilizzerà la tecnologia di processo a 5 nanometri di Samsung.

È la stessa tecnologia che Samsung utilizza per costruire i chipset Snapdragon 888 di Qualcomm, per coincidenza. Samsung ha rifiutato di commentare il rapporto, anche se in precedenza ha affermato che uno dei suoi obiettivi per l’anno è quello di spingere la sua attività di produzione a 4 nm e 5 nm.

La decisione di andare con Samsung per la produzione di Google Tensor è notevole, perché Google ha già una comprovata esperienza di lavoro con TSMC su altri chip. I TPU di Google – abbreviazione di Tensor Processing Units, sebbene più specifici per l’applicazione e destinati ai server di rete neurale dell’azienda – sono costruiti da TSMC e inizialmente si ipotizzava che la fonderia potesse anche concludere questo nuovo accordo sui chip Pixel. TSMC è anche il principale produttore di chip di Apple e attualmente fornisce esclusivamente i chipset Apple Silicon della serie A e della serie M rispettivamente per dispositivi mobili e Mac.

Le vendite di pixel non hanno mai rappresentato una porzione significativa del mercato degli smartphone, il che suggerisce che la perdita del business Snapdragon per Qualcomm sarà relativamente minore. Sebbene non confermato, è del tutto probabile che Qualcomm fornisca modem 5G per Pixel 6 e Pixel 6 Pro, poiché solo i modem Snapdragon X-Series attualmente supportano sia la connettività Sub-6GHz che mmWave, distribuita negli Stati Uniti.

Google ha detto che condividerà maggiori dettagli sulla famiglia Pixel 6 e sul chipset Tensor all’interno, più vicino al lancio degli smartphone. Questo è previsto entro la fine dell’anno.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *