Proprio come PlayStation 5, Xbox Series X ha compiuto sei mesi a maggio. Separati da un paio di settimane (almeno qui negli Stati Uniti), pensi che forse PlayStation 5 e Xbox Series X seguirebbero traiettorie simili a soli sei mesi dal lancio. Sebbene ciò possa essere vero per alcuni aspetti, per altri sembra già che le due console stiano percorrendo strade divergenti.

Un’area in cui le due console sono ancora abbastanza simili è il reparto giochi. Non c’è un sacco di cose di cui scrivere a casa al momento su entrambe le console, anche se Sony ha iniziato a lanciare la palla sulle sue esclusive PS5 con titoli come di ritorno e il prossimo Ratchet & Clank: Rift Apart.

Un’area in cui le due console sono ancora abbastanza simili è il reparto giochi. Non c’è un sacco di cose di cui scrivere a casa al momento su entrambe le console, anche se Sony ha iniziato a lanciare la palla sulle sue esclusive PS5 con titoli come di ritorno e il prossimo Ratchet & Clank: Rift Apart.

Mentre Xbox Series X ha perso il suo principale titolo di lancio quando Halo Infinito è stato ritardato, che è ancora una volta all’orizzonte e probabilmente sarà uno dei più grandi lanci dell’anno. Andrà bene? Questa è la domanda nella mente di tutti. Mentre Halo Infinito probabilmente venderà bene all’inizio, indipendentemente da quanto sia buono, la demo dell’anno scorso e la decisione di ritardarla di un anno hanno sicuramente portato alcune persone a chiedersi se Halo Infinito può essere all’altezza dell’hype.

Mentre Xbox Series X ha perso il suo principale titolo di lancio quando Halo Infinito è stato ritardato, che è ancora una volta all’orizzonte e probabilmente sarà uno dei più grandi lanci dell’anno. Andrà bene? Questa è la domanda nella mente di tutti. Mentre Halo Infinito probabilmente venderà bene all’inizio, indipendentemente da quanto sia buono, la demo dell’anno scorso e la decisione di ritardarla di un anno hanno sicuramente portato alcune persone a chiedersi se Halo Infinito può essere all’altezza dell’hype.

Ammesso che sia buono, allora Halo Infinito potrebbe benissimo rivelarsi l’app killer di Xbox Series X檚, il gioco che muove alcune console e genera un sacco di abbonamenti Game Pass per Microsoft. Per ora, tuttavia, le esclusive Xbox Series X sono sicuramente scarse.

Ce ne sono alcuni, ma la maggior parte sono giochi della generazione precedente che sono stati aggiornati per il nuovo hardware Microsoft®. Non c’è niente di sbagliato in questo, perché sono sicuro che le persone sono felici di mettere la potenza extra di Xbox Series X per funzionare in giochi come Forza Horizon 4, ma resta il fatto che si tratta di vecchi giochi inventati per nuovo hardware, non di nuovi giochi creati con quell’hardware in mente fin dall’inizio. Lo stesso vale per PlayStation 5, quindi anche se le nuove console sono qui, sembra ancora che ci troviamo nella fase di transizione.

Accedi a Xbox Game Pass. Questo è il momento di brillare per Xbox Game Pass e brillare è esattamente ciò che sta facendo. Ciò che attualmente potrebbe mancare a Xbox Series X in esclusive avvincenti o veri giochi di nuova generazione, è più che compensato da Xbox Game Pass. Mentre ho detto nel mio check-in di sei mesi con PlayStation 5 che la PlayStation Plus Collection è come un menu di ristorante curato e perfezionato e Xbox Game Pass è come un buffet tutto ciò che puoi mangiare, dobbiamo considerare che a volte i buffet sono esattamente ciò che tu volere.

Nel complesso, probabilmente ho passato più tempo su Xbox Series X che su PlayStation 5 solo grazie a Xbox Game Pass. Direi che in questo momento, PlayStation 5 ha giochi più avvincenti realizzati appositamente per esso tra titoli come di ritorno e Demone Anime, ma Xbox Game Pass offre molto valore.

Nel complesso, probabilmente ho passato più tempo su Xbox Series X che su PlayStation 5 solo grazie a Xbox Game Pass. Direi che in questo momento, PlayStation 5 ha giochi più avvincenti realizzati appositamente per esso tra titoli come di ritorno e Demone Anime, ma Xbox Game Pass offre molto valore.

Per non dimenticare che Microsoft ha anche deciso di rendere le cose interessanti strappando ZeniMax Media e tutte le sue sussidiarie all’inizio dell’anno. In un istante, quello che sembrava un vantaggio significativo per Sony nel regno delle esclusive è stato eguagliato dall’acquisizione di ZeniMax da parte di Microsoft. Da qui in poi, grandi franchise come The Elder Scrolls, Cadere, e DESTINO ora sono tutti di proprietà di Microsoft e Microsoft li utilizzerà sicuramente non solo per vendere Xbox, ma anche per portare gruppi di persone in Xbox Game Pass.

Sony ha ancora quella che dovrebbe essere una gamma stellare di esclusive per PlayStation 5, ma è chiaro che Microsoft non sarà il concorrente passivo che era nella generazione precedente. Sebbene Microsoft chiaramente non abbia problemi a mettere i suoi giochi su altre piattaforme, probabilmente è troppo sperarlo The Elder Scrolls o Cadere vedrà mai un rilascio su una console PlayStation da qui in poi, poiché Microsoft ha suggerito un futuro esclusivo per i franchise che ha acquisito nel suo buyout ZeniMax.

Sebbene alcuni si aspettassero che Microsoft si concentrasse principalmente su Xbox Game Pass mentre Sony si concentrava sul pompaggio di esclusive di qualità in questa generazione, sembra che le guerre tra console siano tornate. Tra Xbox Game Pass e questa acquisizione di ZeniMax, Microsoft sarà l’azienda da tenere d’occhio nei prossimi mesi e anni, perché senza dubbio farà grandi passi avanti in questa generazione.

Al momento, però, le cose vanno sostanzialmente come al solito. Xbox Series X sembra un sequel di Xbox One o una continuazione della generazione precedente piuttosto che una console completamente nuova in una generazione completamente nuova. Ci sono alcuni fattori diversi che contribuiscono a quella sensazione. Per cominciare, Microsoft ha deliberatamente creato un’interfaccia utente unificata sia per Xbox Series X che per Xbox One, quindi passare da una console all’altra è un’esperienza abbastanza fluida. Questa è in realtà una buona cosa per coloro che intendono giocare sia su Xbox One che su Xbox Series X, ma significa anche che Xbox Series X non si sente davvero distinta finché non si entra nel gioco e si vedono le differenze da soli.

C’è anche il fatto che Microsoft non ha davvero cambiato il controller wireless Xbox nel passaggio alla nuova generazione. Abbiamo un d-pad ridisegnato che sembra il d-pad del controller Xbox Elite, ma questo è il più grande cambiamento che si trova sul nuovo controller wireless Xbox. Confrontalo con il DualSense, che rappresenta un drastico cambiamento nel design rispetto al DualShock 4, e la nuova generazione avrà molta più familiarità con Xbox.

Certo, non è necessariamente una cosa negativa. Il controller Xbox One era un fantastico gamepad e, come dice il proverbio, “se non è” rotto, non aggiustarlo. Un cambiamento drammatico come quello che abbiamo visto dal DualShock 4 al DualSense può essere una grande cosa, ma c’è qualcosa da dire per riconoscere quando le cose sono già buone e impegnarsi solo in piccoli cambiamenti deliberati.

Una cosa che è cambiata in grande stile e sicuramente in meglio è l’archiviazione. Nella mia retrospettiva su PS5 ho detto che gli SSD di queste nuove console sono la cosa più eccitante della nuova generazione e lo ripeterò anche qui. Quick Resume su Xbox Series X è una cosa meravigliosa e i rapidi tempi di caricamento lasciati in eredità da una tecnologia SSD davvero dolce cambieranno davvero il gioco di questa generazione.

Quindi, mentre i primi sei mesi di Xbox Series X sono stati decisamente lenti, il futuro sembra luminoso sia per Microsoft che per Sony. Sarà una generazione entusiasmante per molteplici ragioni, e potrebbe essere una delle generazioni di hardware più dinamiche che abbiamo mai visto.

Cronologia della storia

Leave a Reply