In questo momento, Sprint è seduto in alto con tutti i loro discorsi 4G. Hanno il loro primo telefono 4G in circolazione e il 4G sta spuntando nelle città di tutti gli Stati Uniti. E mentre in questo preciso momento stanno usando la stessa tecnologia di Clearwire (WiMAX), a quanto pare questo non impedisce loro di pensare di passare a LTE (Long Term Evolution) in futuro. Inoltre, una fusione T-Mobile sembra avere molta logica.

Allo stato attuale, secondo Dan Hesse, il CEO di Sprint, Sprint (e Clearwire, per impostazione predefinita) sono seduti su così tanto spettro 4G, che potrebbero facilmente supportare LTE proprio insieme all’attuale iterazione di WiMAX che ora utilizzano. Con tutto quello spettro extra solo “in giro”, i discorsi su una fusione T-Mobile sono ricominciati da capo, grazie ad alcuni analisti là fuori. Quelle voci erano intense nel 2008, ma grazie al fatto che Sprint utilizza CDMA e T-Mobile segue il percorso GSM, i colloqui presumibilmente si sono bloccati (e si sono dissolti del tutto, a quanto pare).

Tuttavia, se i dirigenti di T-Mobile fossero disposti a passare a LTE e se Sprint si trovasse a seguire la stessa strada, ciò significherebbe che una fusione tra le due società sarebbe semplicemente logica. Almeno, questo è ciò che crede Dan Hesse. Non amplierebbe l’idea, ma non immaginiamo che ne abbia bisogno in questo momento, considerando che non accadrà in nessun momento (davvero) presto. Sarebbe una buona cosa per entrambi gli operatori wireless, poiché ciò significherebbe che Sprint otterrebbe 33 milioni di clienti in più e T-Mobile avrebbe accesso a un’intera fascia di spettro 4G. Una situazione vantaggiosa per tutti, giusto? Cosa ne pensi di una fusione Sprint/T-Mobile?

[via PhoneScoop]

Leave a Reply