Se fossi a rischio di infezione per il nuovo coronavirus (COVID-19), quanti giorni dovrei essere messo in quarantena prima di essere autorizzato? La ricerca condotta dal dott. Lauer e dalla signora Grantz della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health ha mostrato che il periodo mediano di incubazione per COVID-19 era di circa 5,1 giorni (IC 95%, da 4,5 a 5,8 giorni). I loro dati implicavano che i pazienti a rischio più attivamente monitorati/in quarantena potrebbero essere probabilmente cancellati se non si manifestassero sintomi di COVID-19 in 14 giorni.

Con i risultati di questo studio, i ricercatori hanno previsto che una quarantena di 10.000 persone ad alto rischio monitorate per 7 giorni potrebbe potenzialmente perdere circa 21 casi infetti sintomatici. Aumenta il programma di monitoraggio fino a 14 giorni e il rischio scende a circa 1, singola persona, di essere persa come sintomatica/infetta.

Per casi come questo è stata sviluppata un’app del programma di monitoraggio attivo, che si trova in Determinazione delle durate per il monitoraggio attivo. Questo sistema mostra il suo modello attivo, le stime del periodo di incubazione, le infezioni non rilevate e quella che potrebbe essere la parte più importante di tutte: i costi dei programmi di monitoraggio attivo.

La ricerca fatta qui è stata limitata a 181 casi, all’inizio. È sufficiente per iniziare, ma probabilmente verrà ampliato man mano che il COVID-19 si espande e si trasforma. Le stime mostrate qui non tengono conto dei casi asintomatici di COVID-19. È anche improbabile che ogni persona che ha avuto il COVID-19 finora sia stata segnalata, trovata e/o monitorata.

Questa ricerca è stata condotta con il sostegno dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, l’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, l’Istituto nazionale di scienze mediche generali e la Fondazione Alexander von Humboldt.

Per ulteriori informazioni, vedere DOI:10.7326/M20-0504 per Il periodo di incubazione della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) da casi confermati segnalati pubblicamente: stima e applicazione. Questo articolo è stato pubblicato negli Annals of Internal Medicine, scritto da Stephen A. Lauer, MS, PhD, e Kyra H. Grantz, BA, (autore principale condiviso), et. al. il 10 marzo 2020.

Cronologia della storia

Leave a Reply