Andy Griffith proveniva da una piccola città operaia su cui molti ritengono che l’ambientazione di “The Andy Griffith Show” fosse vagamente basata. E nonostante tutto il fascino che Mayberry trasuda nello spettacolo classico, lo stesso Griffith aveva sentimenti contrastanti sulla sua città natale di Mount Airy, nella Carolina del Nord.

Ovviamente Mayberry dello sceriffo Andy Taylor non ha dipinto un’immagine esatta del Monte Airy. Ma la base per la famosa città ha visto un grande boom nella sua industria del turismo da quando “The Andy Griffith Show” ha lasciato il segno. Eppure lo stesso Griffith non ha giocato un ruolo importante nel far sì che ciò accadesse oltre alla creazione dello spettacolo. In effetti, Griffith ha insistito sul fatto che Mayberry non fosse affatto basata su Mount Airy.

In un’intervista del 1998 con l’Archivio della televisione americana, la star di “The Andy Griffith Show” ha affrontato l’argomento.

“Pensano che io abbia basato lo spettacolo su Mount Airy. Ne ho discusso troppo a lungo. Non mi interessa. Lascia che pensino quello che vogliono pensare”, ha detto Griffith.

Andy Griffith ha detto che erano i produttori dello show i responsabili dell’ambientazione dello show. E all’inizio Mayberry non era nemmeno previsto per essere ambientato nella Carolina del Nord. Indipendentemente da ciò su cui si basa la città, i sentimenti di Griffith nei confronti della sua città natale sono diventati oggetto di discussione nel corso degli anni.

Un giornalista investigativo affronta “The Andy Griffith Show”

Daniel De Vise ha scritto un libro accuratamente studiato intitolato “Andy e Don: The Making of a Friendship and a Classic American TV Show”. È stato pubblicato nel 2015. E fa un tuffo profondo nel mondo dello spettacolo classico.

Lo stesso De Vise è diventato un’autorità in materia. Stranamente, era in realtà un cognato dell’attore di Barney Fife Don Knotts. È sicuro dire che ha una prospettiva unica sullo spettacolo classico. E nel condurre le sue ricerche, De Vise ha scoperto molto. Ha trovato ciò che vede come la fonte dei sentimenti del personaggio del titolo “The Andy Griffith Show” sulla sua città natale.

“Da ragazzo nella classe operaia di Mount Airy, Andy è stato vittima di frequenti prepotenze: era un figlio unico, ben curato, ben vestito e coccolato, che viveva tra altri ragazzi che non avevano nessuno di questi vantaggi”, ha detto De Vise in un’intervista con Jo Maeder.”Più tardi nella vita, quando iniziò a circolare tra i bambini più ricchi della parte più benestante della città,essigli ha dato del filo da torcere”.

Secondo Daniel De Vise, Andy Griffith non ha mai sentito di appartenere veramente a Mount Airy. Quel tipo di ambiente prenderà il sopravvento su un bambino. E De Vise afferma che quando Griffith ha avuto successo, ha sentito che è successo nonostante la sua città natale, non a causa di essa.

Di conseguenza, Griffith non provava sentimenti affettuosi nei confronti di Mount Airy. Tuttavia, Andy Griffith ha imparato ad apprezzare l’amore che la città gli ha dato nel tempo.

Andy Griffith proveniva da una piccola città operaia su cui molti ritengono che l’ambientazione di “The Andy Griffith Show” fosse vagamente basata. E nonostante tutto il fascino che Mayberry trasuda nello spettacolo classico, lo stesso Griffith aveva sentimenti contrastanti sulla sua città natale di Mount Airy, nella Carolina del Nord.

Ovviamente Mayberry dello sceriffo Andy Taylor non ha dipinto un’immagine esatta del Monte Airy. Ma la base per la famosa città ha visto un grande boom nella sua industria del turismo da quando “The Andy Griffith Show” ha lasciato il segno. Eppure lo stesso Griffith non ha giocato un ruolo importante nel far sì che ciò accadesse oltre alla creazione dello spettacolo. In effetti, Griffith ha insistito sul fatto che Mayberry non fosse affatto basata su Mount Airy.

In un’intervista del 1998 con l’Archivio della televisione americana, la star di “The Andy Griffith Show” ha affrontato l’argomento.

“Pensano che io abbia basato lo spettacolo su Mount Airy. Ne ho discusso troppo a lungo. Non mi interessa. Lascia che pensino quello che vogliono pensare”, ha detto Griffith.

Andy Griffith ha detto che erano i produttori dello show i responsabili dell’ambientazione dello show. E all’inizio Mayberry non era nemmeno previsto per essere ambientato nella Carolina del Nord. Indipendentemente da ciò su cui si basa la città, i sentimenti di Griffith nei confronti della sua città natale sono diventati oggetto di discussione nel corso degli anni.

Un giornalista investigativo affronta “The Andy Griffith Show”

Daniel De Vise ha scritto un libro accuratamente studiato intitolato “Andy e Don: The Making of a Friendship and a Classic American TV Show”. È stato pubblicato nel 2015. E fa un tuffo profondo nel mondo dello spettacolo classico.

Lo stesso De Vise è diventato un’autorità in materia. Stranamente, era in realtà un cognato dell’attore di Barney Fife Don Knotts. È sicuro dire che ha una prospettiva unica sullo spettacolo classico. E nel condurre le sue ricerche, De Vise ha scoperto molto. Ha trovato ciò che vede come la fonte dei sentimenti del personaggio del titolo “The Andy Griffith Show” sulla sua città natale.

“Da ragazzo nella classe operaia di Mount Airy, Andy è stato vittima di frequenti prepotenze: era un figlio unico, ben curato, ben vestito e coccolato, che viveva tra altri ragazzi che non avevano nessuno di questi vantaggi”, ha detto De Vise in un’intervista con Jo Maeder.”Più tardi nella vita, quando iniziò a circolare tra i bambini più ricchi della parte più benestante della città,essigli ha dato del filo da torcere”.

Secondo Daniel De Vise, Andy Griffith non ha mai sentito di appartenere veramente a Mount Airy. Quel tipo di ambiente prenderà il sopravvento su un bambino. E De Vise afferma che quando Griffith ha avuto successo, ha sentito che è successo nonostante la sua città natale, non a causa di essa.

Di conseguenza, Griffith non provava sentimenti affettuosi nei confronti di Mount Airy. Tuttavia, Andy Griffith ha imparato ad apprezzare l’amore che la città gli ha dato nel tempo.

Leave a Reply