whitey-ford-new-york-yankees-pitcher-morto-a-91

Il lanciatore della Hall of Fame dei New York Yankees Edward Charles “Whitey” Ford non c’è più.

Gli Yankees hanno annunciato che Ford è morto giovedì notte alle 91. La causa della morte non è ancora nota.

Nonostante siano trascorsi decenni dai suoi giorni di gioco, Ford diventerà un grande giocatore di baseball di tutti i tempi. Con sei anelli delle World Series e 236 vittorie totali, il suo record è ancora forte nel 2020. Inoltre, la sua percentuale di vittorie di .690 è la più alta tra i lanciatori con almeno 300 decisioni.

10 volte All-Star, Ford ha trascorso la sua intera carriera da Yankee. Fino ai giorni nostri, Ford è indicato come il “presidente del consiglio di amministrazione”. Ciò è dovuto alla famosa descrizione del leggendario editorialista sportivo Jim Murray secondo cui fare il tifo per gli Yankees a metà del 20 ° secolo era simile a fare il tifo per aziende con sede negli Stati Uniti come General Motors, secondo ESPN.

I titoli della Ford World Series includono i campionati degli Yankees del 1950,1953,1956,1958,1961 e 1962. Oltre ai suoi sei titoli, Ford terminò la sua carriera con un MVP delle World Series nel 1961. A causa del suo immenso successo, New York ritirò la sua uniforme numero 16.

Oltre ad essere noto per la sua illustre carriera nel baseball, Ford prestò servizio anche nella guerra di Corea. Dopo aver vinto la sua prima World Series nel 1950, Ford ha continuato a servire all’estero durante il 1951 e il 1952 prima di rientrare negli Yankees nella stagione 1953.

Gli Yankees rilasciano una dichiarazione ufficiale su Ford

Dopo la notizia ufficiale, il franchise della MLB si è rivolto a Twitter per affrontare la morte della leggenda:

“Gli Yankees sono incredibilmente rattristati nell’apprendere della scomparsa dell’Hall of Famer Whitey Ford. Whitey ha trascorso tutta la sua carriera di 16 anni come Yankee. Un 6x WS Champion e 10x All-Star, il presidente del consiglio è stato uno dei migliori mancini per sempre ai piedi della gomma. Ci mancherà profondamente. “

Il lanciatore della Hall of Fame dei New York Yankees Edward Charles “Whitey” Ford non c’è più.

Gli Yankees hanno annunciato che Ford è morto giovedì notte alle 91. La causa della morte non è ancora nota.

Nonostante siano trascorsi decenni dai suoi giorni di gioco, Ford diventerà un grande giocatore di baseball di tutti i tempi. Con sei anelli delle World Series e 236 vittorie totali, il suo record è ancora forte nel 2020. Inoltre, la sua percentuale di vittorie di .690 è la più alta tra i lanciatori con almeno 300 decisioni.

10 volte All-Star, Ford ha trascorso la sua intera carriera da Yankee. Fino ai giorni nostri, Ford è indicato come il “presidente del consiglio di amministrazione”. Ciò è dovuto alla famosa descrizione del leggendario editorialista sportivo Jim Murray secondo cui fare il tifo per gli Yankees a metà del 20 ° secolo era simile a fare il tifo per aziende con sede negli Stati Uniti come General Motors, secondo ESPN.

I titoli della Ford World Series includono i campionati degli Yankees del 1950,1953,1956,1958,1961 e 1962. Oltre ai suoi sei titoli, Ford terminò la sua carriera con un MVP delle World Series nel 1961. A causa del suo immenso successo, New York ritirò la sua uniforme numero 16.

Oltre ad essere noto per la sua illustre carriera nel baseball, Ford prestò servizio anche nella guerra di Corea. Dopo aver vinto la sua prima World Series nel 1950, Ford ha continuato a servire all’estero durante il 1951 e il 1952 prima di rientrare negli Yankees nella stagione 1953.

Gli Yankees rilasciano una dichiarazione ufficiale su Ford

Dopo la notizia ufficiale, il franchise della MLB si è rivolto a Twitter per affrontare la morte della leggenda:

“Gli Yankees sono incredibilmente rattristati nell’apprendere della scomparsa dell’Hall of Famer Whitey Ford. Whitey ha trascorso tutta la sua carriera di 16 anni come Yankee. Un 6x WS Champion e 10x All-Star, il presidente del consiglio è stato uno dei migliori mancini per sempre ai piedi della gomma. Ci mancherà profondamente. “

Leave a Reply