Shutterstock

Se ami il riso, è probabile che ti innamori, se non l’hai già fatto, del risotto, il cremoso piatto di riso italiano che si prepara facendo tostare prima i chicchi di riso nel burro e poi aggiungendo lentamente piccole quantità di liquido caldo (di solito un brodo di sorta) e mescolando fino a quando il liquido non viene assorbito dal riso. Quindi, potrebbe essere aggiunto del formaggio (tramite Serious Eats). Man mano che il riso cuoce, rinuncia all’amido, che conferisce al piatto una consistenza cremosa e ricca; si aggiunge altro liquido ogni volta che si assorbe il brodo precedente, fino a cottura del risotto.

Il risotto è figlio di molte culture: il riso è asiatico e lo zafferano, che a volte si usa, è spagnolo. Gourmet Traveller, che ripercorre la storia del risotto, afferma che le prime ricette italiane a base di riso erano i dolci; ma questo probabilmente cambiò intorno al XV secolo, quando un cuoco milanese di nome Maestro Martino parla di un piatto di riso cotto in un brodo a base di carne e mescolato con uova. Fu solo nel 1800 che un missionario introdusse in Italia la varietà di riso Japonica a grana corta che furono creati gli ibridi, ponendo le basi per il risotto come lo conosciamo oggi.

Che tipo di riso puoi usare per il risotto?

Risotto riso in una ciotola di legnoShutterstock

Serious Eats descrive il risotto perfetto come un po’ impertinente e dovrebbe “scorrere come lava” quando il piatto su cui si trova è inclinato. E se chiedi a Peter Kump del Chicago Tribune, potrebbe averti detto nel 1988 che il risotto era un piatto che appartiene al “regno” del cuoco casalingo, semplicemente perché il piatto richiede seri livelli di attenzione necessari per trasformare i grani duri in pezzetti meravigliosi e cremosi che esplodono di sapore mescolando senza sosta fino a quando il riso non è cotto.

Coloro che cucinano e amano il risotto dicono che i migliori tipi di riso da usare condividono le stesse qualità: sono riso grasso, a grana corta o media con abbondante amilopectina o amido, il che lo rende abbastanza robusto da resistere all’agitazione. Tra le varietà di riso più popolari si possono usare la bomba, che è a grana corta e viene normalmente utilizzata nella preparazione di una paella spagnola; l’arborio, che tende a diventare molle abbastanza velocemente e può risultare in una salsa piuttosto densa; e il carnaroli, che mantiene la sua forma, eppure riesce ad essere cremoso. Il Kitchn dice che ci sono anche altre varietà che includono Vialone Nano e maratelli, ma possono essere più difficili da trovare.

Come si fa il risotto?

Chicchi di riso che nuotano nel brodoShutterstock –>

Certo, fare il risotto non è semplice come mettere insieme una porzione regolare di riso che, per la maggior parte delle famiglie, comporta la misurazione del riso in una pentola e l’aggiunta della quantità di acqua necessaria. Indipendentemente da ciò, ci sono diversi modi per fare il risotto. Serious Eats descrive quello che chiama “risotto vecchia scuola” che consiste nel mescolare il brodo caldo con il riso che è stato tostato con burro, olio d’oliva (o entrambi), quindi aggiungere il brodo solo uno mestolo alla volta mentre il risotto viene mescolato. Quando la quantità necessaria di brodo di zuppa è esaurita, ti verrà lasciato un piatto saporito pieno di bontà carby.

Il noto scrittore di cibo J. Kenji Lopez-Alt dice che esiste un modo più rapido per mettere insieme il risotto perfetto, e questo viene fatto gettando il riso e quasi tutto il brodo in una padella ampia e poco profonda, quindi mescolando il composto una volta durante il processo di cottura . Una volta che il riso è cotto, propone di aggiungere il brodo messo da parte per portare il riso alla consistenza desiderata. Il metodo può far sì che i tradizionalisti alzino le mani in aria; ma la sperimentazione mostra che il metodo di Lopez-Alt può funzionare. Potrebbe presentare un modo più veloce, più pratico, anche se meno romantico, di portare il risotto dal piano cottura al tavolo.

Informazioni nutrizionali sul risotto

risotto cremoso ai funghinelea33/Shutterstock

Come altri tipi di riso (o pasta per quella materia), il risotto è una tela bianca che assumerà i sapori di qualunque cosa tu cucini con esso. Se dovessi guardare il risotto da solo, un quarto di tazza di arborio cotto con acqua comporterà 160 calorie, 1 grammo di grassi, 35 grammi di carboidrati e 5 grammi di proteine ​​senza sodio o colesterolo in vista (tramite Livestrong ).

Il risotto preparato a tuo piacimento sarà, come puoi immaginare, una creatura del tutto diversa. Ad esempio, Livestrong afferma anche che una porzione di risotto all’aragosta, che ammonta a circa tre quarti di tazza, avrà 300 calorie, 17 grammi di grassi (o il 45% della quantità giornaliera raccomandata) e ben 600 mg di sodio (25% della RDA). SparkRecipes elenca una porzione di risotto cremoso ai funghi con 210,5 calorie, 10,2 grammi di grassi, 12,7 grammi di carboidrati, 11,8 grammi di proteine ​​e 1.104,7 mg di sodio. Anche se non ti diremmo di stare lontano da queste delizie, è qualcosa da considerare mentre scavi.

Variazioni sul risotto

Lo chef versa il formaggio in una padella di risotto per finire Posta mattutina della Cina meridionale/Getty Images –>

Visualizzare come viene cotto il risotto potrebbe essere la parte più impegnativa della preparazione di questo classico piatto italiano, che può essere reso più cremoso con l’aggiunta di formaggio e burro. Mentre alcune persone potrebbero non vederne la necessità, è anche possibile aggiungere della panna per rendere il piatto più ricco.

Se non sei eccitato all’idea di consumare una ciotola di riso con aromi e sentori di pollo, manzo o brodo vegetale, non preoccuparti, perché c’è molto che puoi fare per aggiungere grinta al tuo risotto. Possibili aggiunte includono gamberetti arrosto, salsiccia sbriciolata, pollo arrosto o capesante scottate, che vengono tutti aggiunti prima che il risotto venga servito (tramite The Kitchn). Se la tua voglia è di un risotto vegetariano, Gordon Ramsay offre un risotto condito con funghi che sono stati cotti nell’olio d’oliva e in cui il riso è stato tostato con olio d’oliva e al quale è stato aggiunto del vino (tramite Hell’s Kitchen Recipes) .

Leave a Reply